Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

riusciro' piu' ad innammorarmi

Inviata da soloo84 il 17 mag 2017 Terapia di coppia

riusciro' ad innammorarmi?
Salve sono un ragazzo di 33 anni;vorrei esporre Una problematica che non riesco piu' a reprimere.Nell'arco della Mia crescita dall'adolescenza fino alla vita adulta ho riscontrato un progressivo calo del desiderio sessuale e dell'attrazione fisica verso il sesso opposto.Mi rendo conto di non essere piu' la persona che ero quando avevo 20 anni.Premetto che per questioni caratteriali e di bassa autostima ho sempre avuto problematiche nel relazionarmi con una donna.Sono stato fidanzato solo una volta per circa un anno ma mai realmente innammorato,se non di un'amica con cui ho fallito un tentativo di rapporto sessuale.E' inutile dire che questa cosa mi ha profondamente turbato perche' amavo molto questa persona.Aggiungo che oltre alla totale assenza di rapporti sessuali in questi anni ho utilizzato frequentemente la pornografia online come valvola di sfogo per compensare le frustrazioni personali o semplicemente per placare l'ansia legata alla vita quotidiana.Le difficolta' sul lavoro e lo stare spesso a casa hanno peggiorato la situazione.Se quando avevo 20anni riuscivo a masturbarmi pensando a una ragazza che avevo visto in giro e provavo attrazione alla semplice vista,ora a 33 non riesco piu' a provare nulla,come se mi avessero anestetizzato;riesco a masturbarmi solo fruendo di materiale porno ma lo faccio solo per sfogo momentaneo;dedico solo pochi minuti al giorno,non sono mai stato un pornodipendente assiduo e pertanto non ho mai dato peso al problema.Ora purtroppo la disperazione mi ha portato a reprimere il problema giungendo quasi alla rassegnazione,ossia che con quasi assoluta certezza difficilmente avro' rapporti con una donna reale,o riusciro' ad innamorarmene perche' e' come se il mio cervello fosse cambiato;si fosse adattato a quel tipo di stimolazione sensoriale data dalla fruizione del porno.Ho letto che il porno puo' causare danni a livello cerebrale.Questa cosa mi ha gettato nella disperazione che coltivo quotidianamente in segreto,perche' so che si parla di qualcosa di irreversibile.Vorrei tornare a provare le emozioni che avevo una decina di anni fa ma so che quella era un'altra persona.Ho anche pensato che fosse un problema di natura organica legato ad un abbassamento dei livelli ormonali e vorrei fare degli esami per escluderlo,ma la fruizione di porno in questi anni mi porta a pensare che non sia quella la causa.Dato per scontato che ormai vivo nella rassegnazione e che provo piacere solo nel lavoro quotidiano che purtroppo risulta anch'esso precario e nelle uscite con amici,vorrei capire se tornero' mai piu' quello che ero una volta;una persona con delle problematiche caratteriali ma capace di innammorarsi o se devo rassegnarmi all'idea che moriro' come sono ora,sessualmente anestetizzato come se non avessi piu' ormoni in circolo.Non ho piu' erezioni mattutine ormai da anni.E' inutile dire che questa situazione mi rende infelice e non sento neanche l'esigenza di avere una storia perche' so che non potrebbe avere mai inizio data la mia incapacita' di provare sentimenti e sapendo che sarebbe un fallimento nell'atto sessuale;sono arrivato a reprimere il sesso considerandolo come un qualcosa di superfluo e pensando esclusivamente alla realizzazione professionale come se fosse un qualcosa di compensatorio che placasse la mia frustazione affettiva.Per un certo periodo di tempo ho vissuto con la certezza che il mio pene (5-6cm a riposo) non avesse le dimensioni adeguate per un rapporto sessuale soddisfacente e ho anche pensato di operarmi.Attendo gentilmente risposte in merito al mio caso.Saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentilissimo,
credo i suoi problemi vadano affrontati seguendo due registri: il primo di questi non può che essere rappresentato da indagini a livello andrologico per valutare i suoi livelli ormonali e comprendere se non esistano problemi organici alla base del suo malessere. Gli uomini in genere si sentono molto in imbarazzo nel rivolgersi a specialisti del settore , ma mi creda non vi è nulla da temere: nè giudizi fuori luogo, nè alcuna sciocca allusione alle sue performance sessuali, ma solo un atteggiamento imparziale e clinico volto ad aiutare i pazienti -e mi creda , sono veramente tanti- che come lei possono trovarsi in una condizione di difficoltà .
Contemporaneamente o subito dopo il primo step, mi sembra necessario un intervento di tipo psicoterapeutico , poichè i livelli della sua autostima e del suo tono dell'umore , mi sembrano molto bassi. Occorre comprendere , analizzare ed elaborare le possibili motivazioni del suo disagio ed affrontare tutto questo in una situazione protetta e correttiva rispetto alla scarsa considerazione che lei pare nutrire per se stesso. Non mi risulta che l'uso della pornografia , produca danni al cervello , semmai ritengo possa causare danni gravi alla capacità di vivere la sessualità legata alla relazione , aiuta cioè a dissociare sessualità e affettività,riduce la possibilità di immaginazione e di quella giusta tensione che le fantasie legate agli incontri reali possono e devono determinare . Può diventare in pratica come una droga , senza la quale diviene difficile eccitarsi.
Sperando di esserle stata d'aiuto ,
la saluto cordialmente.
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Psicologa -Psicoterapeuta - Psicoanalista Junghiana.
Parma

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Psicologo a Parma

191 Risposte

638 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente,
è molto probabile che la delusione e la frustrazione derivata da quella ragazza di cui eri innamorato ha inciso pesantemente nel far crollare la tua autostima con conseguente inibizione nel costruire nuove relazioni affettivo-sentimentali e rifugio nella fruizione di pornografia.
D'altra parte la tua infondata paura di possibili danni cerebrali per la fruizione di pornografia e il senso di inferiorità e inadeguatezza basato sulla dimensione del tuo pene sono una conferma della tua bassa autostima che è il vero problema da affrontare.
Per questo serve un buon percorso di psicoterapia preferibilmente cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6617 Risposte

18530 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, da quello che scrive sembra essere prevalentemente un problema relazionale e di autostima. È giovane e un buon percorso di psicoterapia può aiutarla a piacersi di più, a relazionarsi in maniera serena, a intraprendere una relazione di coppia e ad avere una vita sessuale soddisfacente.
Rimanendo a sua disposizione per ulteriori domande la saluto cordialmente.

Claudia Guerra

Dott.ssa Guerra Claudia Psicologo a Carugo

15 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro anonimo,

Posso capire la sofferenza che tutto questo ti dà. Sappi che non sei solo, ci sono molte persone che hanno le tue stesse insicurezze e paure. Non arrenderti a tutto ciò, cerca un buon psicoterapeuta psicodinamico nella tua zona, armati di motivazione e di desiderio per comprendere ciò che sta dentro alla tua sofferenza, le cose possono cambiare.
Puoi farcela!

Dott. Edoardo Guerrieri Psicologo a Empoli

13 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78400

Risposte