Risposta ai commenti sulla mia domanda

Inviata da Lisa · 27 set 2018 Psicologia sociale e legale

Gentili psicologi sento il bisogno di fare delle precisazioni. Voi parlate di precise responsabilità che mi dovrei prendere io nei confronti di un figlio adolescente non mio,in quanto convivente del padre. Ma le responsabilità dei genitori? Il ragazzo vive con la mamma e vede il padre due tre volte la settimana. Questa era la situazione quando siamo andati a convivere ed è la stessa di oggi. Il suo lavoro gli consente di adempiere ai suoi doveri di padre e di rispettare i termini di una sentenza di divorzio. Lo sapete no che quando si divorzia il padre e la madre continuano ad essere comunque genitori e hanno precisi doveri... E che si deve rispettare la sentenza. I giorni stabiliti. Se lui dovesse cambiare lavoro, e lo cambierebbe volontariamente al solo scopo di avere più tempo per i suoi hobbies, in pratica non vedrebbe più il figlio. La soluzione sarebbe di modificare gli accordi. Visto che lavoro il fine settimana lo vedrò in altri giorni... Ma così la madre non avrebbe il fine settimana libero senza figlio tra i piedi e si arrabbierebbe! Allora, io sapevo della presenza del figlio...ma i genitori? Lo hanno messo al mondo scelta loro. Per quale motivo dovrei sacrificare io il mio tempo per permettere loro di farsi gli affari propri? E poi... Non dite sempre che noi nuove compagne dobbiamo rispettare i ruoli e non fare da madre ai figli dei compagni perché la madre ce l'hanno? Benissimo, allora il problema non si pone. Grazie di nuovo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 SET 2018

Buongiorno lisa,

Spero di non fare confusione e di ricordami bene la domanda che aveva posto qualche settimana fa.
Leggo in lei molta rabbia e non capisco bene la direzione. Verso il figlio? Il suo compagno? O la madre? Sono d'accordo con lei quando dice che è importante, dopo il divirzio, mantenere il ruolo di madre e di padre, tuttavia dovrebbe tenere il figlio quando il suo compagno fa il turno serale no? Dopo tutto se convivete è normale che lui si affidi a lei no?
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva
Cordiali saluti

Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1664 Risposte

1177 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86850

Risposte