Rimanere ma come???

Inviata da Airam.78 · 14 mar 2022 Terapia di coppia

Buona sera,
Ho 43 anni e sono sposata con mio marito da quasi 20 anni. Stiamo insieme però da 27 anni. Il nostro rapporto non è mai stato idilliaco, anzi è stato turbolento e molto sofferto... In cuor mio ho sempre saputo che lui era come un veleno che lentamente e inesorabilmente avrebbe intossicato la mia vita... Ma purtroppo l'ho sempre amato ed ogni volta che avevo avuto il coraggio di lasciarlo mi veniva "pena" perché fondamentalmente è un uomo solo, senza famiglia, con un padre violento, una madre assente e opportunista e fratelli litigiosi e invisibili... Ho sempre saputo che lui aveva creato tutto un mondo attorno a me e che io ero il suo solo punto di riferimento... Lasciarlo?? Si avrei dovuto ma lui sarebbe rimasto solo a questo mondo... Ieri come oggi...
Lui è un uomo incostante, violento verbalmente e offensivo quando non di fa, dice o si pensa come lui vuole... Mi tratta sempre male, mi cattiverie gratuite e adesso fa lo stesso con mia figlia adolescente (14anni). Anche con gli altri 2 bambini più piccoli è snervante... Devono fare le cose come dice lui e non li lascia esprimere liberamente. Sono anni che sopporto angherie.. Vivo sempre col fiato sospeso, faccio tutto cercando di evitare di farlo arrabbiare evitando così litigi... Se esco cerco di tornare prima che posso.. Se mi vedo con qualche amica cerco sempre di scappare il prima possibile, a lavoro sono sempre con le palpitazioni se per caso devo fermarmi e devo dirglielo.... In questi giorni poi tutto è peggiorato perché io ho avuto un periodo malessere fisico e di forte stress ed ero molto nervosa... Così alla sua ennesima sfuriata gli ho detto in malo modo di non assillarmi perché stavo male... Lui invece di capirmi ha elevato alla massima potenza la sua cattiveria ed ha preso di mira mia figlia adolescente, vomitandole, per scemenze, ogni genere di offesa " facchina, maleducata, inutile ecc.." e mia figlia soffre molto e spesso quando arriva a casa lui, lei inizia a tremare!!!! L'altro giorno addirittura ha spaccato con un calcio un mobile e tirando all'aria di tutto ci urlava (s me e a mia figlia) di toglierci da davanti i suoi occhi altrimenti non rispondeva più delle sue azioni....
Dice che mia figlia è falsa e maleducata ed io la copro e non lo faccio rispettare...
Pretende che io appoggi rimproveri, negazioni e torture psicologiche... Io invece se non li condivido spesso mi metto davanti e difendo la loro innocenza.... Ho spesso fatto da muro con mia figlia tutte le volte che per motivi stupidi le voleva sequestrare il cellulare e leggerne il contenuto... Insomma per me quello era come violare il suo mondo e la sua privacy!!!
Oppure tutte le volte che le negava di uscire ed io guardavo gli occhi di mia figlia pieni di lacrime...
Una figlia meravigliosa che mi aiuta anche con i fratelli, che studia tanto e che dà una mano anche in casa.. Certo ha i suoi difetti.. Ma è piccola e attraversa un'età difficile... Lui la sta distruggendo psicologicamente e lei piange sul mio petto quasi ogni sera...
Adesso lui non dorme e non mangia più con noi... Vive in casa come un fantasma, e l'atmosfera è terrificante e quando esce tiro un sospiro di sollievo...
So che la cosa giusta da fare è lasciarci ma temo per i miei figli più piccoli (4 e 6 anni), ho paura di destabilizzarli... Ho anche timore di essere inconsciamente" io" la causa per cui lui fa così... Perché quando tutto fila lui è un uomo meraviglioso, presente con i figli, aiuta in casa, collabora ed è allegro e divertente... Sarò io la colpevole di tutto??? E se alla facessi un errore? Dovrei essere forte e rimanere insieme per loro???
Il divorzio per me è un fallimento... Il mio fallimento...
Amore, progetti.... Tutto fallito miseramente...
Come posso fare a sentirmi meglio???

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 MAR 2022

Cara,
Le sue parole sono toccanti. Mi arriva un senso di malessere, dolore e disagio profondi e mi dispiace per ciò che sta vivendo ed ha vissuto negli anni.
Alla luce di quanto riporta, sarebbe il caso di intraprendere un percorso mirato che la aiuti a trovare una chiave, ma anche ciò che, ad oggi, alimenta il problema, che certamente non risiede in assoluto in lei. In una coppia quello che accade dipende sempre almeno da entrambi. Racconta di un uomo con problemi importanti di aggressività e violenza verbale e psicologica. Il suo ruolo in tutto questo potrebbe essere nettamente diverso da ciò che pensa, e soprattutto non è di colpe che si tratta. Probabilmente non sta guardando nella direzione giusta o con le “lenti” giuste, e le soluzioni che prima potevano funzionare, o le sembravano le più adatte, oggi non si applicano più o in qualche modo non sono realmente “la soluzione” migliore.
Un percorso potrebbe aiutarla in vari modi… anche solo parlare liberamente di ciò che vive potrebbe aiutarla grandemente a fare ordine e maturare consapevolezze vantaggiose.
Augurandole il meglio, resto a sua disposizione e le invio un caro saluto.

Dr.ssa ASignorelli, esperta in vita Relazionale e di coppia, sedute anche online

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

747 Risposte

1070 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2022

Buongiorno Airam, mi dispiace per la situazione difficile che sta vivendo. Penso che dovrebbe prendersi uno spazio psicologico in cui capire se voler continuare il rapporto con suo marito e quindi conseguentemente magari intraprendere una terapia di coppia, o se valutare l'altra opzione della separazione. Ci sarebbero tante cose da capire nella vostra dinamica relazionale. Comunque quando i genitori sono sereni, anche i figli lo sono, anche se sono separati.
Le auguro di risolvere presto la sua situazione e di stare meglio.
Cordialmente
EG

Dott.ssa Elisa Gualerni Psicologo a Ancona

20 Risposte

11 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2022

Cara,

alla luce dei gravi abusi emotivi che da tempo state subendo da quest'uomo, dovrebbe pensare seriamente all'idea che il fallimento persevererà se continuerà a sottoporre le sue figlie alla sua presenza e invadenza costante.
La invito a intraprendere un percorso psicologico di sostegno alla genitorialità in modo da riattivare le sue preziose risorse di donna e madre, per riacquisire maggior consapevolezza, assertività e fiducia in se stessa.

Sono a sua completa disposizione, anche online.

Dott.ssa Francesca Orefice.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

761 Risposte

269 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20600

psicologi

domande 34650

domande

Risposte 118350

Risposte