Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Rileggere una vecchia chat e...?

Inviata da Giulia il 23 gen 2016 Relazioni sociali

Stavo rispolverando le vecchie chat di Facebook e ho trovato una conversazione di 4 anni fa, quando mi ero appena fidanzata col mio attuale compagno. La chat era con un ragazzo con cui mi scrivevo ogni tanto prima di mettermi col mio compagno. Non ci scrivevamo nulla di che, solo chiacchiere. Era lui che ogni tanto mi metteva una canzone o qualcosa del genere, gli piacevo ma non lo ricambiavo e non gli davo corda. Forse c'era stato un momento in cui avevo pensato che potesse piacermi, ma parlo di molto tempo prima che conoscessi il mio ragazzo, e comunque mi ero sbagliata, era solo un pensiero così. Insomma, in questa chat c'erano dei messaggi che risalgono al periodo in cui ero ai primi appuntamenti col mio compagno (quindi non eravamo fidanzati ma ci vedevamo ed eravamo molto attratti l'uno dall'altra). In un messaggio lui (questo tipo, non il mio ragazzo) mi aveva messo una canzone e io gli ho chiesto perché me l'aveva mandata. Lui mi ha risposto "così, speravo e credevo potesse piacerti" e io "ah! Si si mi piace, grazie! Pensavo fosse per qualcun altro e avessi sbagliato a mandarla a me:)"
Poi ci sono dei messaggi di tre mesi dopo, quando ero felicemente fidanzata col mio compagno, e innamorata più che mai. Lui mi ha scritto che era contento per me e ci siamo scambiati qualche messaggio in cui lui diceva che anche a lui sarebbe piaciuto avere una ragazza, e io gli rispondevo che doveva solo essere paziente e sarebbe arrivato l'amore come era arrivato per me. La conversazione finisce con un suo messaggio "beh io vado a leggere un po'. Se vuoi mi trovi sul cellulare. Ma dubito mi scriverai:). Baci, alla prossima".
Questa e stata la mia risposta "va bene, io sto disegnando:) buona lettura!:)"
Perché ho un senso di colpa addosso? Ricordo che dopo questa conversazione ho iniziato a ignorarlo, perché lui ogni tanto mi scriveva e al mio ragazzo dava fastidio. Forse lo sento in colpa perché il mio ragazzo non sapeva che io e lui ci scrivevamo? Io ricordo che dicevo al mio ragazzo che era lui a scrivermi e io lo ignoravo. In realtà gli avevo risposto in quella conversazione, ma non l'ho detto al mio ragazzo perché non lo ritenevo importante o semplicemente non ci ho pensato. Forse per questo mi sento in colpa? Aver riletto questa conversazione mi ha fatto ripensare al mio ragazzo che si infastidiva perché questo mi scriveva e io lo tranquillizzano dicendogli che non era nessuno di importante e che io lo ignoravo. Ripeto, non gli ho detto di quella conversazione perché forse neanche me lo ricordavo! O perché davvero non aveva nessuna importanza, e perché le volte dopo gli rispondevo fredda e a monosillabi. Che però non significa ignorare, In effetti...
Comunque noi ci sentivamo prima che io mi mettessi con il mio ragazzo, quindi che male c'era? Perché dovevo dargli spiegazioni? E per quanto riguarda questa ultima conversazione che abbiamo avuto, anche se il mio ragazzo non l'ha mai saputo, mica ho detto qualcosa di male, no? Anzi, facevo intendere di essere innamorata del mio ragazzo. Che mi dite? Credo che comunque non avrebbe senso tirare fuori la cosa dopo 4 anni....

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Chiara,
non penso che lei si debba sentire in colpa per una omissione di poca importanza come quella che ci ha confidato.
Qui non c'è nulla di rilevante da riparare e quindi il senso di colpa è inopportuno.
Può essere però, proprio perchè inopportuno, la spia di una sua fragilità o mancanza di autostima per cui, se fa fatica a sbarazzarsene le suggerisco un sostegno psicologico dal vivo.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6777 Risposte

18958 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Mary
questo tuo vago senso di colpa nel rileggere le vecchie mail non credo sia dovuto al tuo ragazzo quanto ad un tuo senso interiore di aver come "abbandonato" questo corteggiatore.
Diciamo che il piccolo flirt tra voi due si è interrrotto appena hai conosciuto il tuo attuale ragazzo e, però, fino a quel momento, al corteggiatore virtuale qualche speranza l'avevi lasciata.
Comunque siano andate le cose davvero ora non ha alcun senso che tu ti torturi la mente.
Rileggere le vecchie cose spesso procura malessere e nostalgia, si trova sempre qualcosa che si sarebbe voluto fare diversamente e vi si trovano sempre interrogativi sterili.
Il passato è passato!
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6836 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Mary,
ti stai ponendo davvero molte domande.
Si tratta di una conversazione di 4 anni fa, che senso ha doverla riferire...ma la questione non sta qui. Perché ora, in questo periodo, questa conversazione riemerge dopo 4 anni e ti lascia così turbata?
E' successo forse qualcosa in questo periodo? Qualcosa con il tuo ragazzo forse?
Se questo pensiero dovesse ancora "tormentarti" o comunque tornare ti consiglio di rivolgerti ad un terapeuta per analizzare ciò che ha smosso questa conversazione.

A disposizione.
Un caro saluto
Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

385 Risposte

425 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20700

domande

Risposte 80350

Risposte