Relazione terapeutica: rapporto terapeuta-paziente

Inviata da Claudio Cucinotta. 17 mar 2013 8 Risposte  · Orientamento professionale

Salve,
mi appresto a domandare quanto segue:
è vero che, un terapeuta, non può avere contatti col paziente al di fuori del setting terapeutico?
è vero che, tra paziente e terapeuta, non può esserci alcuno scambio di gesti affettivi, effusioni, tenerezze di qualsiasi tipo?
è vero che, il terapeuta, non può rivolgersi al paziente con appellativi del tipo:"Io sono, per te, come un padre"."Tu sei, per me, come un figlio"?
È vero che, il terapeuta,non può,ad es., aiutare il paziente a reperire un impiego oppure a superare gli esami universitari, mediante raccomandazioni?
è più importante la qualità o la frequenza temporale delle sedute?Mi spiego meglio:è preferibile un terapeuta che,lavorando in servizio pubblico e, seguendo quindi un vasto bacino d'utenza,offre incontri sporadici;ma comunque proficui oppure incontri frequenti,ma infruttuosi?
è deleterio che,un paziente,in un transfert,si affezioni filialmente al terapeuta?Lo veda,insomma,come un genitore (specie se il genitore effettivo non c'è più o non c'è mai stato)?
Se un paziente sente denigrare,da un collega,il proprio terapeuta:come si deve regolare?
Come si procede se, il paziente, a seguito delle calunnie udite,non ripone fiducia nel terapeuta; ma, al contempo, non riesce a staccarsi da costui, perché lo vede come un referente affettivo assimilabile ad una figura paterna?
Grazie per l'attenzione
Confido in vostre risposte

padre

Miglior risposta

Egregio signor Claudio Cucinotta,
per avere risposte concrete ai suoi dubbi evitando polemiche on line tutelando comunque se stesso le consiglio di fare riferimento all'ordine degli psicologi della sua regione: presentarsi personalmente e chiedere del referente della commissione deontologia cui esporre quanto qui noto
dr paolo zucconi, psicoterapeuta e sessuologo comportamentale a udine

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Condivido in pieno le risposte dei due colleghi precedenti. E' sicuro che il suo/a terapeuta sia iscritto all'Albo, nonchè abilitato alla Psicoterapia??

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

18 APR 2013

Logo Dr.Brunialti, psicoterapeuta sessuologia clinica, psicologa europea Dr.Brunialti, psicoterapeuta sessuologia clinica, psicologa europea

212 Risposte

654 voti positivi

Sembra che Lei si sia Invaghito del suo terapeuta,Un terapeuta Narcisista da quel che lei descrive transfert oppure no,Dovrebbe dire queste cose che prova al terapeuta....
Almeno cosi ti togli tutti i dubbi.... se non ti porti dietro questa pesantezza..

Saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

27 MAR 2013

Logo Dr.Elton Kazanxhi (Psicologo ) Dr.Elton Kazanxhi (Psicologo )

15 Risposte

7 voti positivi

Gentile Claudio, tutte le domande che pone non hanno soggetto. Sarebbe più facile capire la situazione se descrivesse fatti. Ciò che chiede ha delle risposte intuibili anche da non professionisti, quindi ne è già a conoscenza. Un unico punto non è intuibile. Nel rapporto di transfert si può sviluppare una relazione filiale, ciò va bene ma deve esserne fatto buon uso. Sta alla professionalità e all'esperienza del terapeuta ciò. Il transfert è uno degli strumenti di lavoro. Saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

25 MAR 2013

Logo Alessandro Degasperi Alessandro Degasperi

91 Risposte

51 voti positivi

aggiungerei in nota che lei ha pubblicato un post analogo circa un anno fa, cosa che mi lascia ulteriormente perplessa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

20 MAR 2013

Logo Anonimo-126894 Anonimo-126894

272 Risposte

158 voti positivi

salve,
il suo post mantiene un tono di generale impersonalità, non capisco bene con chiarezza se si riferisce ad un'esperienza che ha avuto o che qualcuno che lei conosce sta avendo, se sono pensieri/fantasie o altro.... detto questo i comportamenti e le frasi che lei cita, reali o meno si discostano parecchio dalla deontologia e soprattutto dall'obiettivo di una terapia psicologica, ovvero il benessere e l'autonomia individuali. Non ritengo di avere dettagli sufficienti per consigliarle come agire, ma se lei ha davvero avuto esperienze come quelle che descrive col suo terapeuta sarebbe certamente importante approfondirle.
Cordiali saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

20 MAR 2013

Logo Anonimo-126894 Anonimo-126894

272 Risposte

158 voti positivi

Mi dispiace che nelle risposte precedenti non si sia tenuto conto del fenomeno da cui non si può prescindere...quello del Transfert e Controtransfert di cui ogni psicoterapeuta è ovviamente al corrente....non hai detto nulla di nuovo di quanto accade nel setting: Lasciando perdere in questo caso la questione deontologica, la quale peraltro tiene conto del fenomeno di cui sopra, ti pregherei di dire tutto quello che hai pubblicato qui, a scanso di fraintendimenti , esclusivamente e primariamente al tuop attuale terapeuta...a tua disposizione comunque per dettagli ulteriori Dottssa Carla Panno- psicplpga e psicoterapeuta di Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2013

Logo Dott.ssa Carla Panno Dott.ssa Carla Panno

1056 Risposte

602 voti positivi

gentile Claudio,
le cose che riferisce sono gravissime e violano l'intero codice deontologico cui tutti gli psicologi devono attenersi. Può denunciare questo terapeuta all'Ordine Psicologi della sua città. Questo soggetto ha fatto leva si suoi punti deboli per legarla ad rapporto di dipendenza, al contrario il percorso psicologico deve promuovere l'autonomia della persona. Posso consigliarle di rivolgersi ad un altro psicologo, la cui etica e moralità siano riconosciute, per farsi aiutare a sganciarsi da questa figura opprimente e portare avanti gli obiettivi terapeutici che l'hanno condotta a rivolgersi ad uno psicoterapeuta.
In bocca al lupo
Dott.ssa Cristina Mencacci

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2013

Logo Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa

366 Risposte

157 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Rapporto terapeuta paziente dopo la terapia

12 Risposte, Ultima risposta il 02 Novembre 2015

Rapporto Terapeuta Paziente

38 Risposte, Ultima risposta il 13 Dicembre 2018

come scoprire relazione tra terapeuta e paziente

13 Risposte, Ultima risposta il 14 Settembre 2013

transfer nel rapporto terapeuta-paziente

7 Risposte, Ultima risposta il 21 Marzo 2016

Può la relazione tra un terapeuta e un paziente definirsi d'amore?

5 Risposte, Ultima risposta il 21 Maggio 2015

Relazione paziente terapeuta oltre il termine della terapia?

7 Risposte, Ultima risposta il 13 Ottobre 2015

Rapporto paziente terapeuta

2 Risposte, Ultima risposta il 07 Luglio 2016

Relazione terapeuta paziente, aiutatemi

10 Risposte, Ultima risposta il 24 Febbraio 2015