Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Rapporto in crisi: cosa fare?

Inviata da Persa il 10 ago 2014 Terapia di coppia

Io e il mio compagno conviviamo da tre anni. Nell'ultimo periodo lui è entrato in crisi con se stesso, si è chiuso sempre più, ha perso sogni e prospettive per il futuro. Ora purtroppo questa sua negatività ha invaso tutto: si dichiara scontento del suo lavoro (vorrebbe cambiarlo) e ha iniziato a dire di non amarmi nemmeno più (dalla sera alla mattina). Dice che non gli piace la sua vita, non è sicuro delle sue scelte, vorrebbe cancellare tutto e ripartire da zero. Premetto che fino al giorno prima parlavamo di formare una famiglia e invecchiare insieme. Forse compiere 40 anni lo ha messo in difficoltà più di quanto pensassi. In queste ultime settimane quando rientra da lavoro mi dice sì e no due parole, e mentre lo fa non mi guarda nemmeno negli occhi. Se entro in una stanza lui esce, sta sempre per conto suo, addirittura spesso con gli auricolari per non essere disturbato. Ha iniziato ad affievolire il tono di voce, biascica le parole... le poche cose che mi dice devo anche chiedergli di ripeterle perché quasi non le sento. Prima di metterci insieme eravamo amici, e in questi anni ci siamo sempre divertiti, abbiamo sempre riso tanto insieme... E avevamo un rapporto anche molto fisico, sempre in contatto, sempre vicini... Ora mi manca così tanto, vivere insieme a questo involucro vuoto mi fa davvero male. Vorrei parlargli, ma ho un muro davanti il più delle volte, e soprattutto mi sembra che in questo momento della sua vita non sia in grado di ascoltare alcunché. Non so se quello che sta attraversando si possa definire depressione, ma a mio avviso le somiglia molto, e l'incapacità a reagire a tutto questo mi spiazza. Lui è sempre stato un uomo deciso, energico, mentre ora mi sembra inerme, in balia di ciò che lo tormenta. Ovviamente esclude a priori la possibilità di rivolgersi a un professionista, non vuole sentire nemmeno parlare di terapia di coppia. Forse siamo a un punto in cui dovremmo realizzare davvero tutti quei progetti di famiglia di cui parlavamo e si è spaventato a tal punto da montare tutto questo? Io lo amo davvero, non ho dubbi (anche se questa parte di lui, per andare avanti in qualche modo va affrontata), vorrei che tornasse a star bene, a guardare fiducioso al futuro, e poi come gli ho anche detto, qualsiasi desiderio professionale mi farò in 100mila per aiutarlo a realizzarlo. Ora siamo qui, viviamo insieme sospesi in questo stato, e le ferie imminenti mi spaventano un po'. Organizzarmi un'estate da sola non mi va davvero, ma anche rimanere in casa stando in stanze diverse mi angoscia parecchio. Non so bene come comportarmi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile signora Persa,
solo uno psicoterapeuta capace le potrà dire se vale la pena e quanto sottoporsi a terapia di coppia oppure sia preferibile che lei stessa chiarisca tante idee e comportamenti presso il professionista. scopo stare meglio.
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1554 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima,
al di là delle tue interpretazioni fondate o no, sarebbe il caso di sapere se in concreto il tuo compagno stia cercando qualche 'distrazione' per non affrontare il nuovo rapporto più maturo con te. Per verificare, è necessario 'mollare la presa' e cogliere l'opportunità delle vacanze separate per fare una pausa di riflessione. Non vedo alternative, anzi, paradossalmente, gli daresti un input di fondamentale importanza verso la maturazione. È un sacrificio che può portare buoni risultati anche se costa emotivamente. Spero di esserti stata utile e comunque resto a disposizione. Auguri.
Dott.ssa Carla Panno
Psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

618 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Persa,
la terapia di coppia sarebbe la più indicata, ma se il suo compagno non è disponibile, vada lei da uno psicologo psicoterapeuta. Esistono infatti tecniche che possono ovviare, almeno in parte, all'assenza e produrre comunque dei risultati o uno sblocco del negativismo del suo compagno.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

703 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte