Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Rapporto con un uomo separato

Inviata da Irene Matteucci · 4 feb 2019 Terapia di coppia

Buongiorno Ho 37 anni e convivo da più di un anno con uomo separato da 4 anni, mio coetaneo e padre di una bambina di 10 anni. Ci siamo conosciuti al lavoro e il rapporto è nato all'insegna della stabilità, del rispetto reciproco e del comune desiderio di avere una famiglia. Dopo 4 anni di alti e bassi di relazione con un "narcisista", ho finalmente trovato la mia stabilità con partner che condivide i miei stessi sentimenti e valori. Ma con il passare del tempo la sua situazione economica e familiare mi ha travolto ed avvilito. Il mio compagno soffre del rapporto conflittuale con l'ex moglie, forse intenzionata a fare causa per un mantenimento del terzo del suo stipendio, la quale lo ha progressivamente estromesso dalle decisioni importanti sulla vita della figlia, trattandolo da "bancomat" o babysitter secondo le sue esigenze. Abbattuto dalle spese e dal mutuo della casa coniugale, si è trovato in gravi difficoltà economiche, così l'ho accolto insieme alla figlia ( che vede una volta a settimana) in casa mia senza chiedergli alcun contributo, anzi a volte provvedendo io stessa a spese per vestiario o altro per entrambi. Negli ultimi due mesi si è pure dovuto trasferire a 2 ore di macchina per migliorare la sua posizione lavorativa, così ci vediamo una volta a settimana. Lo amo moltissimo, ma negli ultimi tempi mi assale la paura di non poter riuscire a gestire la situazione. Vorrei una famiglia mia ma mi rendo conto che non ci sono le condizioni, pure se lui vorrebbe. Mi sto allontanando dalla bambina che mi adora ed ha con me un ottimo rapporto, perché ho paura che possa essere gelosa del padre quando sarà adolescente, a volte mi sento un´"estranea" a casa mia in quanto non condivido il loro legame di sangue. Inoltre l'unico giorno che ci vediamo deve stare anche giustamente con la figlia, e per il rapporto di coppia non rimane che una sera ogni tanto. Ovviamente di vacanze non se ne parla nemmeno. Sono stanca di tanti sacrifici, della solitudine e della mancanza di futuro, ma lui nella mia vita é una presenza importante che mi ha fatto solo bene, e non riesco ad immaginarla senza di lui. Forse dovrei assumere qualche farmaco per la depressione? Semplicemente dedicarmi più a me stessa? Avere pazienza che le cose migliorino? O semplicemente mollare? Non posso neanche pensare di abbandonarlo con tutti i suoi problemi dopo quanto mi é stato vicino, per l'amore e la comprensione che ha sempre avuto nei miei confronti. Dice sempre che vorrebbe darmi più sicurezza, perché me lo merito, e di avere fiducia che le cose miglioreranno. Vuole anche che mi trasferisca con lui (lavorando nella stessa azienda), anche se nella mia città ho casa di proprietà e temo un ulteriore aumento di spese. Grazie in anticipo per la consulenza.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 FEB 2019

Gentile Irene,
il fatto che il suo compagno abbia una figlia e relative responsabilità come padre è un dato importante conosciuto fin dall'inizio che non l'ha dissuasa dall'accettare una relazione sentimentale con lui.
Sembra che ora lei si stia rendendo conto che gestire tale relazione non è facile e comporta problemi aggiuntivi che cominciano a pesarle.
Intanto non è giusto che lei riversi le sue frustrazioni e i suoi timori sulla bambina che già è stata penalizzata dalla separazione dei genitori senza averne colpa.
In ogni caso per sciogliere i suoi dubbi e trovare risposte adeguate alle domande che si pone e pone, non sono sufficienti le informazioni che qui fornisce ma è necessario un approfondimento sui diversi aspetti di tale relazione, meglio se in un contesto di psicoterapia che le consiglio di intraprendere.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6840 Risposte

19098 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 FEB 2019

Carissima,
lei mi sembra confusa. Da una parte dice di amarlo e di non poter stare senza di lui, dall'altra ci sono le oggettive difficoltà che le impediscono un vero rapporto di coppia. E le prospettive future non sono rosee. Per far chiarezza dentro di sé e trovare una soluzione a questa crisi le consiglio qualche seduta con uno psicologo della sua zona o presente sul sito ma che usi Skype.
MI faccia pure delle domande se ne ha bisogno!

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

722 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 FEB 2019

Buonasera Irene,

Le assicuro che assumendo anche farmaci per la depressione la situazione non cambierebbe e nemmeno il senso di delusione che prova. Come se avesse investito tanto in questa relazione, ma ora non riesce a vedere concretamente quello che ha costruito e proiettarsi verso il futuro spaventa. Non deve mollare e nemmeno attendere che le cose migliorino, deve lavorare su se stessa, capire le sue paure e comprendere ciò che vuole fare. Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole può scrivermi e farmi delle domande.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1655 Risposte

1170 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21850

domande

Risposte 82350

Risposte