Rapporto con i genitori, la sincerità è possibile?

Inviata da Rolando. 25 set 2013 6 Risposte  · Terapia familiare

Salve, ho un grande problema. La mia fidanzata (da 4 anni) ha deciso ad un certo punto di avere un rapporto di completa sincerità con i genitori, e gli ha raccontato che tantissime volte abbiamo dormito insieme nello stesso letto a casa dei miei genitori. premetto che praticamente conviviamo insieme essendoci laureati insieme alla triennale e adesso stiamo seguendo insieme la specialistica (case separate ma dormiamo sempre insieme). i suoi si sono infuriati da morire, hanno detto che lei è una poco di buono e molto altro, mi odiano, odiano i miei genitori perchè dicobo che li hanno mancati di rispetto, non gli permettono più di venire a casa dei miei (cioè di rimanere a dormire), e gli hanno praticamente inculcato che la colpa di tutto questo è dei miei genitori perchè dovevano assolutamente vietarcelo. Lei è molto attaccata ai suoi, gli risulta difficile allontanarsi, adesso siamo a 400 Km di distanza, e si lascia molto influenzare dal loro pensiero, e anche se la pensa diversmente da loro poi finisce per fare quello che dicono loro. io invece sono molto indipendente, ascolto i condigli dei miei ma poi ragiono con il mio cervello e faccio quello che ritengo più giusto, e evito di mettere lei in cattiva luce, insomma se si tratta di dire qualche piccola bugia lo faccio, a fin di bene. Inoltre è molto cattolica, segue dei gruppi religiosi da quando è piccola, però io la vedo incoerente, insomma predica bene e razzola male. per non far rimanere male i miei genitori e per poterci vedere qualche volta anche in estate , gli ho chiesto di venire lo stesso e rimanere sincera con i suoi però fare comuque quello che vuole, cioè rimanere a dormire, anche senza dormire nello stesso letto. Insomma andare contro la logica antiquata dei suoi in nome dell'amore (anche xkè i suoi lo sanno che durante il resto dell'anno dormiamo insieme). Niente da fare, dice che non ci riesce, che questa cosa è troppo importante per i suoi e lei si sente la coscienza sporca se gli nasconde questa cosa (ma altre glie le noasconde!). Il problema è che questa cosa è successa l'anno scorso, ci siamo laciati (lei ha voluto) poi ci siamo rimessi insieme perchè diceva di essere cambiata e si è trasferita a fare la specialistica da me, contro i genitori, poi durente 7 mesi ha ricambiato idea su questa cosa, e glie lo ha ridetto!!! Adesso staimo in un periodo di riflessione, ci amiamo, ci vogliamo, ma per questi principi non siamo proprio compatibili; per le altre incompatibilità, durante 4 anni, abbiamo raggiunto equilibrio, stiamo bene (anche se sono andato molto di più io incontro a lei, modificando tante cose di me). Ma lei questa cosa non riesce proprio a modificarla, insomma sa di perdermi ma una piccola bugia a fin dibene non riesce a dirgliela a quella strega di sua madre!!! (scusate ma è veramente una strega!) non sò che cosa fare: accetto questa cosa o la mando a quel paese? e se l'accetto riuscirò a farlo completamente o prima o poi avrò rancore? per me è una questione di principio, se non riesce a dire a mammina, a 25 anni, una piccola bugia a fin di bene e soprattutto alla fine finisce per fare tutto quello che dicono i suoi come sarà io nostro futuro? Mi scuso in anticipo per la domanda lunga e forse incomprensibile, spero in un vostro consiglio. Grazie, Sergio.

consiglio

Miglior risposta

Gentile Sergio,
sicuramente la sua ragazza ha diverse questioni da mettere in discussione: la protezione della sua/vostra intimità e la costruzione di una relazione che la svincoli emotivamente dalla famiglia, ma probabilmente non è pronta o non è ciò vuole. L'appartenenza della propria origine familiare è importante ma è anche importante come negoziate fra di voi questa diversa provenienza. C'è sicuramente un impegnativo lavoro di crescita da fare per entrambi. In bocca al lupo. Dott.ssa Marialba Albisinni

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sergio,
sembra dalle sue parole che la sua ragazza si trovi a gestire un conflitto di lealtà tra da una parte lei e dall'altra i suoi genitori; quello su cui le suggerisco di riflettere è il suo personale vissuto rispetto a questa situazione: cosa desidera da questa relazione? Quali sono i suoi obiettivi con questa ragazza? Si tratta di obiettivi condivisi? Come desidererebbe impostare il rapporto in maniera diversa? Le consiglio di focalizzarsi in questo momento su se stesso e su ciò di cui lei ha bisogno, per capire se la relazione con la sua ragazza può rispondere a questo. Se pensa che un confronto con uno psicologo possa esserle di aiuto per fare chiarezza dentro di sé, non esiti a contattare un professionista della sua zona. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2013

Logo Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani

992 Risposte

449 voti positivi

Gentile Sergio,
comprendo bene la sua situazione e il bisogno di affrancamento dalle rispettive famiglie di origine. La sua partner è cresciuta in un contesto che probabilmente ha alimentato in lei un senso di responsabilità connesso a dei vissuti di colpa. Questo rende molto più difficile la possibilità di "essere e sentirsi" pienamente autonoma nelle diverse scelte di vita.
Quando lei scrive "predica bene e razzola male", esprime bene l'ambivalenza di questa ragazza che se da una parte intende fare le sue scelte di vita e ragionare con la sua testa, dall'altra è ancora invischiata in dinamiche famigliari che la tengono in scacco, elicitando appunto dei sensi di colpa che dovrebbe ri-elaborare se possibile con l'ausilio di uno psicologo.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2013

Logo Dott. Giuseppe Del Signore Dott. Giuseppe Del Signore

834 Risposte

632 voti positivi

Salve Sergio
Certo è una situazione che ha le sue difficoltà e mi sembra che lei abbia fatto evoglia fare ancora altro per ritrovare un equilibrio.
La sua fidanzata sicuramente si trova in una situazione altrettanto difficile e divisa tra gli affetti di sempre e lei il suo grande amore.
È una situazione che ha bisogno di essere attenzionata sicuramente diversamente ein contesto differente.
Inanto spero che l' aver condiviso con lei che si trova in una situazione particolare enon facile abbia in parte validato alcuni suoi interrogativi.
A presto

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

26 SET 2013

Logo Dott.ssa Letizia Patricolo Dott.ssa Letizia Patricolo

14 Risposte

19 voti positivi

Gentile Sergio, per come Lei ci racconta la situazione si può notare un cordone ombelicale ancora resistente. L'assoluta trasparenza tra figli e genitori non permette lo "sganciamento" del figlio ormai adulto dalla famiglia d'origine, in quanto lo rendo più controllabile sia nei comportamenti che influenzabile nei sentimenti. La Sua ragazza dovrebbbe farsi aiutare in un percorso di crescita, chissà se vorrà.. altrimenti la vedo difficile tra voi.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

26 SET 2013

Logo Dr.Brunialti, psicoterapeuta sessuologa clinica, psicologa europea Dr.Brunialti, psicoterapeuta sessuologa clinica, psicologa europea

212 Risposte

660 voti positivi

Sergio ho come l'impressione che il reale problema per te non sia tanto capire perchè la tua fidanzata non riesce a dire una piccola bugia a fin di bene.
in realtà la cosa che realmente ti turba è vederla in balìa delle opinioni e dei giudizi altrui, siano anche dei suoi genitori.
Allo stesso tempo sembra che anche tu sei in un periodo di ripensamenti e critiche rispetto agli anni vissuti insieme e a come vi siete costruiti il vostro rapporto.
Ritengo che potrebbe esserti molto utile confrontarti con uno psicoterapeuta per una consulenza, anche a distanza.
In tal modo potresti indagare meglio i tuoi sentimenti, le tue emozioni e come sei in questa storia per comprendere se ci sono dei nodi che se sciolti possono portare benessere a te e alla tua coppia.
Sono disponibile per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

26 SET 2013

Logo Dott.ssa Rosalba Serra Dott.ssa Rosalba Serra

9 Risposte

6 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Fiducia, rispetto e sincerità

2 Risposte, Ultima risposta il 30 Maggio 2018

Rapporto con i genitori in età adulta

2 Risposte, Ultima risposta il 05 Giugno 2018

Lui detesta il rapporto con il mio ex. Come devo comportarmi?

7 Risposte, Ultima risposta il 01 Luglio 2014

Genitori anaffettivi e distaccati

3 Risposte, Ultima risposta il 18 Agosto 2016

Possibile schizofrenia futura?

1 Risposta, Ultima risposta il 29 Gennaio 2019

Ansia e genitori

3 Risposte, Ultima risposta il 20 Settembre 2017

vorrei separarmi dai miei genitori, per il mio benessere

1 Risposta, Ultima risposta il 09 Maggio 2017