Rapporto complicato a dir poco

Inviata da Mario · 25 lug 2019 Terapia di coppia

Buonasera sono Marco ho 38 anni,sono sposato da 2 anni con una donna di 30 anni.Stiamo insieme da 7 anni.
Viviamo insieme da 5 anni,e da quando ci siamo conosciuti ne abbiamo passate tante.
All' inizio della nostra storia abbiamo tanto litigato per via dei suoi ex. O meglio,non erano loro a dare fastidio,bensì,lei non smetteva di pensarli e cercarli su Facebook senza contattarli,ma spiando le loro bacheche.Cosa che scoprii dopo mesi di fidanzamento,nonostante lei sapesse quanto la loro presenza mi potesse far male..Ma mi incoraggiava e mi coccolava che era tutto a posto..Che loro non si facevano più sentire.Ma in realtà poi ho scoperto che lei li cercava ancora..
Inoltre nelle nostre uscite,nei bar,nei locali,ovunque,ha sempre fatto una cosa che le ho sempre detto che mi faceva male ovvero guardava chiunque fosse un bell uomo alle mie spalle,con sorrisini da seduttrice..e questo mi faceva stare male..
Con questi esempi di cui parlo sopra,abbiamo sempre litigato,al punto che mi prometteva sempre che lei mi amava,che non l avrebbe fatto più ecc ecc..e io preso dai sensi di colpa per come la trattavo mentre mi arrabbiavo,le ho sempre dato retta,creduta,dato altre possibilità..Ma niente..Questa storia di fissare gli altri a tradimento non l ha mai persa..continuava imperterrita nonostante i precedenti..
Ma tra suoi pianti e mille promesse ho sempre voluto darle fiducia.Credendo alle sue promesse..Ma purtroppo questa situazione,negli anni,l ha portata ad avere paura di qualunque cosa..Io le dico che è falsa..su tutto.. magari le chiedo una cosa,e la vedo rispondermi con un aria di chi pensa prima di rispondere per paura di poter fare qualche errore.. e glielo faccio notare ma lei dice che non è così.. ormai vedo che ha paura di qualunque cosa.. anche se le chiedo dove hai preso questa maglia?vedo che ha paura di rispondere perché nella sua mente chissa cosa passa a livello di gelosia..crede che qualunque cosa debba rispondere si tratti di gelosia..e io mi sento male per questo..cioè ad avere una donna "falsa" a fianco..Non so cosa pensa in realtà,non si apre a niente..come se con me vivesse in incognito..ma io lo sento che non è "naturale"..mi sento preso in giro..potrei vivere da solo e soffrirei solo all inizio per la sua mancanza dato che la amo tantissimo,ma poi mi passerebbe come ogni dolore..ma lei non ci sta..quando penso di lasciarla poi diventa una piccola vittima e magari fa tutto per farmi ricredere...ma appena passano un po di giorni,ritorna nel suo stato mentale. Io le dico che ha un altra vita all infuori di me con la sua testa..che non è se stessa..che non la conosco veramente..ma lei è un muro di silenzio,mi basta partire nel discorso che inizia a piangere e fare la vittima e non pronuncia nessuna parola.. non abbiamo dialogo..
Possibile che a causa dei problemi che abbiamo avuto in passato,oggi è diventata così?un manichino,una marionetta che sta attenta a cosa dice e cosa pensa per non sbagliare..
E le ho sempre spiegato che deve essere naturale per il nostro bene. Nn sono geloso.. la faccio uscire con chi vuole e come vuole ma niente....addirittura è lei a preoccuparsi di non vestirsi troppo scollata ecc ecc nonostante le dico che vorrei che si sentisse libera..
Eppure da quando ci siamo conosciuti non ho mai fatto il geloso..tranne per le situazioni di cui ho parlato sopra,in cui era lei a fare" l errore" e non io geloso..
Ma niente..ancora oggi se usciamo se mi giro all istante la vedo continuare a farmi del male alle spalle..Continua a guardare agli altri e sa da 7 anni che questa cosa mi conficca pugnali alla schiena..alternando poi la testa bassa..cioè vuole dimostrare che non guarda nessuno e mi sembra un cane bastonato.. e le dico che non deve sentirsi così.. ma essere felice e libera... cerco di non guardarla se usciamo proprio per non farle sentire il peso che la controllo,ma niente..anzi se faccio cosi,ne approfitta invece per guardare gli altri..perché poi si sa..le donne carine come lei,vengono guardate dai maschi dai 15 ai 90 anni..e le ho sempre fatto capire che è normaleche loro la guardano..a me basterebbe che lei non mi faccia questo alle spalle..
Intanto per via di questi problemi,lei vive questa vita fatta di paure bugie e finzione che tutto vada bene..ma io lo sento che non è se stessa..non so come fare..io la amo ma la lascerei perché le cose nn vanno bene.a lei non vuole perdermi..ma soffro tanto a vedere che non è sincera e che sopratutto non "ha pieta" per i miei sentimenti perché continua a non realizzare i miei desideri..cioè di portarmi rispetto sopratutto quando non vedo, e di essere se stessa..perché sembra una marionetta che non vuole farmi pensare a male..ma preferisco le verità ad una vita di falsità..
Sappiamo che abbiamo bisogno di uno psicologo magari di coppia..ma secondo voi cosa posso fare per migliorare la nostra coppia?e farla essere sincera e non aver più paura di me?perche da anni le sto cercando di farcapire che può dirmi qualunque cosa che non mi arrabbierei nemmeno.

Scusate la forma e la grammatica. Cordiali saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 LUG 2019

Gentile Mario,

la sensazione che ho avuto nel leggere la sua lettera è stata quella di un’escalation di preoccupazioni e ansie dall’inzio del suo rapporto di coppia ad oggi, fino ad arrivare a cogliere nel presente il suo senso di confusione e contraddizione circa il suo comportamento e ciò che si aspetta da sua moglie.

Come lei afferma, i rapporti possono essere complicati, per tante ragioni: perché pensiamo con essi di “possedere” l’altra persona per poi renderci conto che non è possibile, perché l’altro è “altro da noi”; vorremmo controllarne la vita e i pensieri, ma è un gioco impossibile; pensiamo che, come con una bacchetta magica, l’altro esista per soddisfare i nostri bisogni e desideri, ma anche questo non si realizza.
A dir il vero, quanto illustrato sopra appare essere la descrizione di un quadro, opera di un pittore che, come accade nelle realizzazioni artistiche, segue le proprie inclinazioni e ispirazioni e non è detto che ciò abbia a che fare con quanto accade intorno a lui.

Come dice lei, è importante considerare più in dettaglio questi suoi vissuti legati al rapporto con sua moglie, attraverso un percorso di psicoterapia.


Resto a disposizone.

Cordiali saluti.
Dott.ssa Barbara Furlano

Dott.ssa Barbara Furlano Psicologo a Asti

94 Risposte

158 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19000

psicologi

domande 30550

domande

Risposte 104800

Risposte