Ragazzo e autostima

Inviata da Giada. 23 ott 2017 5 Risposte  · Autostima

Salve! Cerco di esporre in breve la mia situazione sperando di riuscire a spiegarmi.
Sono stata fidanzata con un ragazzo “ufficialmente” tre mesi, ma tra alti e bassi l’ho frequentato 9 mesi circa.
Non è un ragazzo semplice, anzi. Non so se può centrar qualcosa in questo contesto, ma due anni fa ha perso il padre. È un ragazzo insicuro, introverso, ma sopratutto mi viene da dire immaturo. Ci siamo lasciati da tre settimane quando entrambi stanchi di continue liti abbiamo deciso di chiuderla, ma entrambi stiamo male. Il motivo principale per cui ci siamo lasciati è il fatto che ha sempre messo al primo posto gli amici e lui stesso, anche se a parole mi ha promesso il mondo, a fatti ha fatto ben poco. Ora dopo tre settimane è “tornato” scrivendomi di essersi pentito addirittura di avermi detto determinate cose che lui stesso sa di non poter mantenere e io ovviamente mi sono sentita ancora più ferita di quanto non mi sia sentita prima. Ho dato tanto e ho investito tante energie per fare funzionare la nostra relazione, ma non riesco ad accettare il fatto che lui è così e non cambierà. Sono arrivata a pensare di essere io a pretendere troppo, che ho sbagliato ad arrivare a chiudere così frettolosamente dopo soli tre mesi effettivi senza dargli tempo sufficiente di dimostrarmi a fatti che ci tiene, ma credo siano pensieri dovuti al dolore che sto provando in questi giorni per la situazione. Forse è anche il disappunto e la delusione sopratutto nel pensare che lui non è riuscito a darmi tutto quello che io ho dato a lui. Mi sono impegnata per andare d’accordo con i suoi amici, ho accettato molte volte che lui non riuscisse a gestire le cose perché inesperto e insicuro, tutte cose che ad esempio lui non ha mai fatto per me, nascondendosi sempre dietro al suo carattere.
Nel frattempo però sto uscendo con un altro ragazzo con cui ho avuto qualche uscita in passato e che, non posso negare, mi piace. È l’opposto del mio ex, è maturo, è intelligente e sopratutto mi ascolta e per quanto può fare mi mette al primo posto e non mi trascura come alla fine invece ha fatto il mio ex. Eppure io continuo a stare male per il mio ex, penso a lui, a tornare da lui, a stare con lui. La mia migliore amica, ma anche le mie altre amiche continuano a dirmi di non fare cavolate, di non perdere ulteriormente la dignità sforzandomi di fare andare una cosa che non va fino a quando lui non matura e non si decide a vivere una relazione serena con me, senza mettere davanti tutto e tutti. Io non so cosa fare. Capisco perfettamente che tornandoci assieme cancellerei ogni parte di me, il mio orgoglio ne risentirebbe e andrei incontro a tutto quello che mi ha portato a lasciarlo e a quello che mi ha fatto male, però dall’altra penso a lui e a tutto il tempo passato assieme, alle esperienze e a tutto quello che abbiamo condiviso e non riesco a lasciarlo andare, a scapito di portare la mia dignità sottoterra.
Sicuramente in tutto ciò emerge la mia grande confusione e la mia grande instabilità, oltre che la mia tendenza a prendere le cose troppo “di cuore”, vedendo quasi del tragico in questioni che dovrebbero essere affrontati in maniera più tranquilla o comunque meno esagerata. Credo sia anche una questione di bassa autostima mia e di incapacità di lasciare andare le persone o forse semplicemente paura dei cambiamenti, paura di fallire di nuovo, di provarci di nuovo...questa paura mi condiziona abbastanza in generale, ho avuto problemi di ansia che ho gestito mediante l’aiuto di una psicologa che mi hanno portata a lasciare la città in cui si trova la mia università per fare da pendolare. Sto ancora lavorando molto per quanto riguarda la paura di affrontare un viaggio o di stare per lungo tempo fuori casa, tutte conseguenze del fatto che sono stata male quando ero lontana da casa a causa dell’ansia e che mi hanno portata appunto a scegliere di fare avanti e indietro per quest’anno, ma ho fatto progressi grandi sia per la gestione dell’ansia sia per la voglia di sperimentare e sopratutto di viaggiare e di conoscere. Grazie per chi avrà interesse a darmi un consiglio o a esporre la sua visione riguardo la mia storia. Ho 20 anni. Grazie!

amici , consiglio

Miglior risposta

Ciao Giada,

credo che, nell'ultima parte della tua mail, tu abbia già individuato da sola degli aspetti importanti che ti posso aiutare a fare chiarezza.
Non ti conosco, non conosco la tua storia, pertanto non sento ci sia nessun consiglio concreto da dare.
Senz'altro penso che l'amore, le relazioni, gli affetti non conoscano parole come orgoglio e dignità...se le conoscono, sono a mio avviso pessimi consiglieri. Dalla mia prospettiva c'è un ragazzo, che è quello che è, con i propri limiti e le proprie fatiche, e poi c'è una ragazza, che altrettanto è quello che è, con i proprio limiti e le proprie fatiche. Se tu riuscissi ad attivare la tua parte empatica, "di cuore" come dici, che si fonda anche sulla sensibilità tratta dalle tue esperienze di vita non del tutto serene, potreste davvero darvi l'occasione di crescere insieme.

Un saluto affettuoso,
Alessandra

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giada,
Lei ha fatto importanti passi avanti nella gestione di se stessa e della relazione! La sua analisi è perfetta...ora la domanda è cosa la spinge a voler tornare con questo ex? Cosa la trattiene?
E' emersa una parte di se molto costruttiva nel lavoro svolto con la psicologa: la voglia di sperimentarsi, di conoscere, di cambiare.
Coltivi queste preziose risorse e scelga una relazione sana.
La continuazione del percorso psicologico la rafforzerà ulteriormente e aumenterà la fiducia in se.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2017

Logo Dr.ssa Donatella Costa Dr.ssa Donatella Costa

2335 Risposte

1988 voti positivi

Cara Giada,
dalle tue parole emerge perfettamente la tua sensibilità e la tua capacità di guardare dentro te stessa. Ti sei data le risposte giuste da sola: probabilmente la difficoltà a lasciare andare definitivamente il tuo ex ragazzo sta proprio nella paura del cambiamento e della novità. Da come dici però stai facendo dei grandi passi avanti nel gestire l'ansia relativa a questi timori. Continua così perchè sei sulla strada giusta. Legarti nuovamente ad un ragazzo che ti faceva sentire insicura e poco apprezzata forse potrebbe ostacolare il lavoro su te stessa che stai coraggiosamente facendo. Ben vengano nuove esperienze che potrebbero invece mettere in luce lati di te poco conosciuti ed aiutarti ad avere una maggiore autostima. Buona fortuna!
dott.ssa Eleonora Ubertis Albano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2017

Logo Dott.ssa Eleonora Ubertis Albano Dott.ssa Eleonora Ubertis Albano

5 Risposte

2 voti positivi

Buongiorno Giada,
Se come ha scritto è gia seguita da una psicologa, la invito a confrontarsi con lei su questo dubbi. Conoscendo meglio lei e la sua storia, potrà certamente aiutarla di più a guardarsi dentro e a capire la scelta migliore da fare.

È normale vivere emozioni contrastanti nelle relazioni, sarebbe importante approfondire cosa la tiene agganciata emotivamente al suo ex e cosa le impedisce di dare spazio ad un cambiamento. Possono essere molte le emozioni negative coinvolte, paura di fallire, senso di colpa, paura di essere abbandonata. In lei quali risuonano di più in questo periodo?

Buona giornata,
Camilla Marzocchi
Bologna BO

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2017

Logo Dott.ssa Camilla Marzocchi Dott.ssa Camilla Marzocchi

341 Risposte

164 voti positivi

Ciao Giada,
la storia che racconti è davvero interessante e ricca di particolari su cui puoi trarre molti spunti di maturazione personale. La relazione di coppia che racconti ti ha certamente affaticato molto e hai speso tante energie. E' quindi naturale che tu stia facendo i conti con questo investimento, in cui immagino devi esserti impegnata molto. Sicuro un supporto psicologico potrebbe sostenere questa tua fase di passaggio e di cambiamento; ti invito intanto a riflettere sulla tua nuova frequentazione, un ragazzo opposto al tuo ex - maturo ed intelligente; pensa, probabilmente senza aver avuto esperienza di una storia precedente così "anomala", non avresti questo termine di paragone per poter scegliere una persona che finalmente puoi dire che ti piace! Sii serena nei cambiamenti e accogli il nuovo come l'accadersi di una Giada sempre più cresciuta e matura.

Un caro saluto,
Giuseppe Marino - Psicologo

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2017

Logo Dott. Giuseppe Marino Dott. Giuseppe Marino

82 Risposte

92 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Sono un ragazzo di 28 anni timido con poca autostima e molto insicuro

11 Risposte, Ultima risposta il 09 Settembre 2015

Autostima sotto zero e nodo del passato da sciogliere

5 Risposte, Ultima risposta il 26 Maggio 2017

Autostima e gelosia nel rapporto di coppia

6 Risposte, Ultima risposta il 24 Settembre 2015

Gelosia, bassa autostima, e non volerle affrontare

1 Risposta, Ultima risposta il 17 Agosto 2017

Perché non mi sento abbastanza e non ho autostima?

1 Risposta, Ultima risposta il 17 Gennaio 2018

Gelosia retroattiva per mancanza di fiducia o di autostima?

2 Risposte, Ultima risposta il 19 Giugno 2018

Ho gravi problemi di autostima

1 Risposta, Ultima risposta il 27 Marzo 2019

Tanti problemi, non vivo più bene. Bassa autostima e ribellione

5 Risposte, Ultima risposta il 31 Dicembre 2016

Autostima sotto zero

2 Risposte, Ultima risposta il 25 Maggio 2017