Rabbia nervoso iperattività nella mamma e nel bambino

Inviata da Ile · 5 feb 2018 Psicologia sociale e legale

Salve, ho 30 anni e sono unico genitore di una bambina di 2 anni e mezzo. Al 4 mese di gravidanza ho scoperto i "tradimenti" del mio compagno dopo quasi 7 anni di relazione. La gravidanza è stata voluta da entrambi, ma dopo aver scoperto tutto ha scaricato tutte le colpe su di me, e ha iniziato a rinnegare la figlia dicendo che non fosse sua. Dal 3o mese di gravidanza sono diventata epilettica, non gestazionale. La rabbia, la tristezza e il nervoso non mi abbandonano da allora e sono pienamente consapevole che probabilmente tante volte sfogo le mie frustrazioni su mia figlia che assorbe tutto. tante volte stringe i pugni, diventa tutte rossa e comincia a tremate dalla forza che mette nello stringere, altre volte se le dico di non fare qualcosa dopo 100 volte che mi ripeto lei prende qualsiasi cosa a portata di mano e me la scaraventa addosso, ripetutamente anche, proprio per farmi del male, se l attenzione non è su di lei mette in disordine tutto quanto e se le dico di riordinare si arrabbia, tante volte, nonostante abbiamo tolto il pannolone già da un po', specialmente se c è qualcuno in casa non mi dice che le scappa la pipi ed è capace si farla nelle mutande anche 4 volte di seguito! non so più come comportarmi, se gliela spiego con calma non mi ascolta, se mi arrabbio mi ride in faccia, mi dice scusa mamma come per impietosirmi ma in qualsiasi caso fa sempre quello che vuole lei! All asilo nido si comporta nello stesso identico modo, sia con le maestre che con i compagni. Grazie per i suggerimenti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 FEB 2018

Gentile Ile,
La sua è una situazione piuttosto delicata, di certo non facile. Deve essere molto doloroso per lei vedere questi atteggiamenti della bimba verso di lei.
Si percepisce anche un certo carico di rabbia, un po' per la situazione attuale e un po' probabilmente derivante dalla non elaborazione dell'abbandono da parte del partner durante la gravidanza. Non a caso ha iniziato a sviluppare delle crisi epilettiche proprio a ridosso di ciò, come dice nel breve racconto.
Sicuramente, per il bene della bambina (che in qualche modo assorbe la sua rabbia, il suo nervosismo e la sua difficoltà) sia per il suo di bene, le consiglio vivamente di valutare la possibilità di intraprendere un percorso psicologico e psicoterapeutico con un professionista, per intervenire su questa situazione quanto prima.

Resto a sua disposizione,
Dott.ssa E. Parise

Dott.ssa Elena Parise Psicologo a Pontedera

55 Risposte

192 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte