Quali sono i limiti che uno psicologo non può superare?

Inviata da Irene. 7 nov 2014 · 16 Risposte · Orientamento professionale

Volevo sapere da più psicologi possibili quali sono effettivamente i limiti che uno psicologo o psicoterapista non può e non deve superare. Per quanto riguarda il contatto fisico, cosa è concesso?
Il mio mi abbraccia posando le mani sui fianchi, mi tiene le mani, mi da i baci sulle guance a volte...
E come contenuto? Uno psicologo può confessare ad un paziente di provare affetto per questo o di esserne affascinato? Può fare regali?
Grazie a tutti, è di fondamentale importanza.

16 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile signora Ale,
    penso che sia il caso di chiarire prima con lo psicologo successivamente in caso di mancato chiarimento e espresse le sue esigenze di informare l'ordine provinciale psicologi
    dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale in Udine

    Pubblicato il 10 Novembre 2014

    Logo Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

    1087 Risposte

    1463 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
    Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
    Finalità:
    a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
    b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
    c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
    d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
    e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
    Legittimità: Consenso dell’interessato.
    Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
    Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
    Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos
    • 13150 Psicologi a tua disposizione
    • 15050 Domande inviate
    • 66100 Risposte date
    • Gentile Ale,
      la relazione terapeutica si fonda su regole precise che anche il terapeuta deve rispettare se vuole svolgere in maniera etica la professione. Il terapeuta può esprimere calore e vicinanza emotiva non dimenticando mai il suo ruolo professionale; ciò comporta l'astenersi dall'avere atteggiamenti che risultano lesivi della dignità della persona. Le parole da lei usate lasciano immaginare un comportamento da parte del terapeuta che sembra ambiguo e che fuoriesce dal tipo di relazione che si dovrebbe instaurare tra terapeuta e paziente. Io credo che può essere utile esprimere al terapeuta le sue perplessità e se i dubbi permangono e/ o il vissuto di disagio eventualmente percepito rimane, credo sia necessario rivolgersi ad un altro terapeuta. Senza l'osservanza da parte del terapeuta delle regole deontologiche qualsiasi intervento risulta inficiato a priori e può produrre conseguenze negative dal punto di vista emotivo e psicologco al paziente oltre che costituire una grave violazione.

      Pubblicato il 18 Novembre 2014

      Logo Lucia Scafidi

      13 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • potresti dire a questo psicologo che questi suoi atteggiamenti ti danno fastidio e cercarne un altro

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Psicologa Gentili Sonia
    • potresti dire chiaramente allo psicologo che questi atteggiamenti ti danno fastidio e cercare un altro professionista

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Anonimo
    • potresti chiarire a questo psicologo che questi suoi atteggiamenti ti danno fastidio e cercarne un altro

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Anonimo
    • Gentile Ale, come già hanno risposto i miei colleghi prima di me, risulta chiaro che la relazione tra psicologo e paziente dovrebbe basarsi su un piano mentale più che fisico, ammenochè non si tratti di interventi psicocorporei ed anche in quel caso ci sono dei confini e dei limiti ben definiti. Tuttavia io mi soffermerei sul disagio che prova ed esprime nella sua domanda chiedendomi, al posto suo, se la sua richiesta non parta proprio da un dubbio di cui conosce già la risposta e cioè che si sta superando il confine tra rapporto terapeutico e qualcos'altro. In tal caso penso che sarebbe necessario chiarirsi con il suo terapeuta e nel caso in cui la situazione, benché inficiata, non ritorni alla normalità pensare di interrompere definitivamente la terapia con questa persona.
      Dott. Pasquale Saviano
      Psicologo - Piscoterapeuta
      Frattamaggiore (NA)

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Logo Dott. Pasquale Saviano

      1 Risposta

    • Gentile Ale,
      è con enorme perplessità e rammarico che leggo le sue parole. Lo psicologo, si, ha dei limiti chiari e invalicabili, superati i quali la relazione non può più considerarsi terapeutica. Da come scrive, pare che il "collega" si sia spinto ben oltre, per quello le suggerisco di parlarne con lui per cercare di fare un pò di chiarezza e poi decidere come e in che direzione procedere.
      Saluti

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Logo Dott.ssa Valentina Nappo

      41 Risposte

      100 Valutazioni positive

    • Gent.le Signora
      evitiamo giri di parole. da come lo descrive sembra che ci sia un atteggiamento che non rispetta né i confini professionali dello psicologo, né tutela i confini personali del paziente. occorre distinguere che ci sono strumenti che un terapeuta può utilizzare all'interno di un percorso, nel rispetto dell'intimità del paziente: frasi di sostegno (per rinforzare), l'utilizzo di oggetti simbolici che possono essere come regali ma strettamente legati al processo terapeutico e agli obiettivi della psicoterapia. a volte, dipende dalla formazione del terapeuta, il contatto (che non è di certo cingere i fianchi della paziente o dare dei bacini sulle guance) può rientrare negli strumenti, ma difficilmente viene percepito come invadente e travalicante il rispetto per l'altro (come mi sembra di percepire dai suoi dubbi).
      La psicoterapia è uno strumento delicato e comporta responsabilità. Se percepisce un atteggiamento esclusivamente seduttivo ne deve parlare con il suo terapeuta.
      Nei casi estremi in cui l'atteggiamento seduttivo si configura in condotte gravi ed eticamente scorrette è possibile segnalare all'ordine regionale di riferimento quanto accaduto.
      Consideri che il nostro codice deontologico impone che non si adottino condotte lesive verso le persone di cui ci si occupa e prescrive al professionista di adottare un atteggiamento etico corretto.

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Logo Dott. Alessio Orlando

      43 Risposte

      79 Valutazioni positive

    • Gentile Ale, ci sono psicologi e psicoterapeuti più o meno rigido in merito. Quello che lei racconta mi pare vada al di là di quanto un collega potrebbe fare. Ne discuta con lui portando il disagio che le fa provare e veda se l'atteggiamento cambia. Saluti cordiali

      Pubblicato il 17 Novembre 2014

      Logo Alessandro Degasperi

      91 Risposte

      43 Valutazioni positive

    • Cara Ale
      penso che vi possano essere delle manifestazioni di vicinanza ma senza mai varcare il confine di intimità personale ( abbracci prolungati, tenersi le mani, baci ....non mi sembrano adatti). e quindi escluderei tutto questo.
      Senza avere la fobia del corpo occorre assoluto rispetto e chiarezza comunicativa.
      Manifestazioni che non c'entrano con la Psicoterapia creano ansia , portano fuori strada e dirottano pericolosamente il percorso verso la non professionalità.
      Con la confusione anche emotiva si va in direzione opposta all'obiettivo proposto.
      Cordiali saluti
      Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

      Pubblicato il 12 Novembre 2014

      Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci

      3085 Risposte

      5918 Valutazioni positive

    • Caro Utente,
      ci ha parlato di quello che accade, ma non ci ha fatto capire cosa prova quando accadono queste cose; mi piacerebbe saperlo, come mi piacerebbe sapere quanti anni ha lei e se il suo terapeuta è un medico, uno psicologo, uno psicoterapeuta, uno psicoanalista ecc.
      In genere ci sono terapeuti che non considerano il contatto fisico un problema e per molti altri questo è un tabu (una cosa che non si può fare).
      Se ha trovato la forza di esporlo qui a noi, troverà certamente la forza di chiederlo al suo terapeuta. E' la cosa migliore per capire se il vostro rapporto è considerato troppo stretto per uno dei due e così capire cosa fare.
      Ci aggiorni sull'andamento.
      Cordialmente,
      Dr. Adriano R. Principe
      Psicoanalitica Breve - Psicodiagnostica - Neuropsicologia
      Montesarchio (BN)

      Pubblicato il 11 Novembre 2014

      Logo Dott. Adriano Raffaele Principe - Psicologo Benevento Adolescenti
      Dott. Adriano Raffaele Principe - Psicologo Benevento Adolescenti Benevento

      25 Risposte

      18 Valutazioni positive

    • Buonasera Ale, concordo pienamente con la collega dott.ssa Gerbi.
      Il lavoro di uno psicologo è e deve rimanere entro certi confini. Il contatto fisico, soprattutto se del tipo che lei descrive, è da considerarsi fuori luogo.
      Ogni professionista ben formato ne è al corrente, e gli "agiti" (sono così descritti i comportamenti non soggetti alla ponderazione) dovrebbero essere del tutto banditi.
      La saluto,
      Dott. Alberto Agnelli

      Pubblicato il 10 Novembre 2014

      Logo Studio di Psicoterapia e Training Autogeno dott. Alberto Agnelli

      4 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • Cara Ale,
      di solito tutto ciò non è consigliabile in quanto le dimostrazioni di affetto ed il contatto fisico non sono tecniche fini al raggiungimento di obiettivi in un contesto psicologico. Certo, potrebbero esserci eccezioni, in quanto dimostrare vicinanza emotiva in un momento di grave sconforto o sofferenza potrebbe essere di grande aiuto ma sinceramente credo che bisognerebbe fare molta attenzione a questo genere di comportamenti che possono violare in qualche modo lo spazio personale.
      Inoltre, chiedo a Lei di riflettere sull'effetto che ciò le fa e su come si è sentita, credo che anche questo sia importante per comprendere la questione.
      Un saluto,
      Dott.ssa Alessandra Scaccia

      Pubblicato il 10 Novembre 2014

      Logo Dott.ssa Alessandra Scaccia

      11 Risposte

      17 Valutazioni positive

    • Cara Ale, mi piacerebbe sapere come vivi tu questa situazione: ti senti a disagio?
      Il nostro codice deontologico- ed una certa etica personale- ci dice esattamente cosa si possa e cosa non si possa fare.
      Non siamo tenuti ad un contatto fisico, sebbene non sia raro che si possa provare dell'affetto nei confronti di un proprio paziente, ma mai e poi mai ci deve porre nei suoi confronti come un amico o, in casi estremi, come un amante.
      Il contatto fisico che il tuo psicologo o psicoterapeuta esterna è assolutamente inappropriato così come i contenuti che affermi abbia esternato.
      Ti consiglio vivamente di parlare con lui di questa situazione e valutare, qualora fosse il caso, l'interruzione del vostro rapporto che, ricordo, dovrebbe rimanere sempre e soltanto di tipo professionale.
      Un caro saluto,

      Dott.ssa Valentina Mossa in Torino

      Pubblicato il 10 Novembre 2014

      Logo Dott.ssa Valentina Mossa

      159 Risposte

      220 Valutazioni positive

    • Gentile Ale, il contatto fisico non è previsto, niente abbracci nè mani sui fianchi, neanche regali; nemmeno l'espressione dei propri sentimenti, se non per finalità terapeutiche frutto di elaborazione di dinamiche transferali e controtransferali. Ne parli direttamente con il suo psicologo, esprima le sue perplessità.
      Saluti
      Maria Rita Milesi
      Psicologa Psicoterapeuta a Bergamo e a Milano

      Pubblicato il 10 Novembre 2014

      Logo Dr.ssa Maria Rita Milesi

      140 Risposte

      166 Valutazioni positive

    • Cara Ale,
      Lo psicologo non è e non deve diventare un amico. Pertanto confidenze intime e contatti fisici non dovrebbero esserci. La self disclosure del terapista é concessa solo quando funzionale alla terapia stessa.
      Cordialmente,
      Dott.ssa Gerbi

      Pubblicato il 10 Novembre 2014

      Logo Dott.ssa Martina Gerbi

      143 Risposte

      242 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande