Qual'è il metodo di psicoterapia più indicato per complesso d'inferiorità?

Inviata da angelo · 9 nov 2015 Orientamento professionale

Se c'è un complesso d'inferiorità e timore del rifiuto dagli altri, qual è il metodo di psicoterapia più indicato?
Grazie
Saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 NOV 2015

Buongiorno,
il terapeuta di elezione, che si è occupato di senso di inferiorità e di complesso di inferiorità, è Alfred Adler. Uno dei ruoli del terapeuta adleriano è quello di incoraggiare il paziente all'interno del percorso terapeutico, rinforzando quello che viene definito il "sentimento sociale", restituendo al soggetto la fiducia in se stesso e nelle sue possibilità, il senso di appartenenza, le premesse per un mutamento della qualità della sua vita.
In realtà una buona psicoterapia, qualunque sia l'orientamento della stessa, porta il paziente a lavorare su se stesso, sulla propria autostima e sulla percezione di se stesso con gli altri, perché l'obiettivo comune delle psicoterapie è il benessere psicologico del paziente.
Saluti
dr.ssa Monica Mazzucato

Dott.ssa Monica Mazzucato Psicologo a San Mauro Torinese

8 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 NOV 2015

Una psicoterapia adleriana. Il sentimento/complesso di inferiorità sono punti cardine del pensiero adleriano. La Psicologia Individuale Comparata di Alfred Adler è una delle tre grandi scuole di psicologia del profondo, assieme alla psicoanalisi di Freud ed alla psicologia analitica di Jung.
Cordiali saluti.
Dott.ssa Claudia Colli, psicologa clinica e psicoterapeuta adleriana (Gerenzano, VA)

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2015

Caro Antonio, premettendo che occorre capire meglio cosa intendi con complesso di inferiorità, vi sono metodologie psicoterapeutiche cosiddette brevi ( una decina di incontri ) tra le quali molto efficace è la psicoterapia ipnotica ( che non ha niente a che vedere con l'ipnosi da palcoscenico nè con gli stereotipi proposti nei film ).
E' necessario almeno un colloquio preliminare per una prima valutazione del Tuo disagio.
Dal poco che dici ti consiglierei appunto questa metodologia.
Io lavoro vicino ad Asti, Se vuoi possiamo fissare un colloquio ( gratuito ) per valutare un pò meglio il quadro della Tua sofferenza. Nell'occasione sarò ben lieto di spiegarTi in che cosa consite la psicoterapia ipnotica neo-eriksoniana (puoi anche cercare su Internet informazioni al riguardo ).
Vorrei anche dirTi che una persona che comprende, come Te,che qualcosa nell'immagine che ha di sè non gli piace e ne soffre, e si pone gli interrogativi che Ti poni Tu non è certo inferiore agli altri, anzi.
Con simpatia. Marco Tartari , Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

753 Risposte

469 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2015

Buonasera,
confermo che non esiste un metodo,
posso garantirle che esistono parti di lei meravigliose che forse neanche conosce
a questo punto la via, e non il metodo, migliore consiste nel riappropriarsi della sua natura, quando si amerà nuovamente non le importerà il giudizio e il rifiuto altrui.

saranno le persone a cercarla per avere il piacere della sua compagnia.
non sarà più lei ad adeguarsi e a negarsi per compiacere.

Dott. Federico Fontana Psicologo a Brescia

11 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2015

Caro Antonio,
non esiste un metodo più indicato a priori. La buona riuscita del lavoro terapeutico dipende da tante variabili tra cui la relazione psicologo-cliente, la sua motivazione nell'iniziare e proseguire il lavoro con lo psicologo e caratterstiche del tutto personali che la possano portare a preferire un approccio ad un altro.

Consideri che le tecniche e gli strumenti della psicologia sono parimenti buoni, la differenza sta nel modo in cui lei e lo psicologo li userete. Si appoggi ad un professionista e valuti con lui come e con chi proseguire.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2108 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2015

Gentile Antonio,
lei si riferisce ad un problema di carenza di autostima e di assertività che può essere curato bene da una psicoterapia cognitivo-comportamentale ma anche da qualunque altro indirizzo di psicoterapia giacchè quello che più conta è il rapporto di fiducia con una buona alleanza di lavoro che si deve stabilire tra il paziente e il terapeuta.
In forza di questa cosa lei si deve affidare e lasciarsi guidare portando a termine il percorso terapeutico concordato fino al raggiungimento degli obbiettivi prefissati senza interromperlo prematuramente.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7523 Risposte

21052 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2015

Gentile Antonio,

un percorso di psicoterapia davvero valido, al di là del metodo, è quello in cui viene a stabilirsi un buon rapporto terapeutico.
L'importante è che lei riesca ad aver fiducia nella persona cui si rivolge, che si senta a suo agio e libero di esprimersi. Questi, intanto, sono i presupposti di base per pensare di iniziare un percorso.
Poi con il tempo emergeranno altre esigenze, e le strategie cambieranno di pari passo. Stia sereno e scelga uno psicoterapeuta che la faccia sentire "bene".

Buona fortuna,
Michela Vespa

Dott.ssa Michela Vespa Psicologo a Roma

74 Risposte

296 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2015

Buongiorno Antonio, immagino che, per "complesso di inferiorità" e "timore del rifiuto degli altri", lei intenda una scarsa autostima di Sé, accompagnata sia da un timore del giudizio altrui che, se negativo, potrebbe portare ad un senso di abbandono (reale e/o percepito). Non rilevando una sintomatologia conclamata (almeno, lei non ne parla), credo che dovrebbe orientarsi verso una psicoterapia esistenziale (ovvero che si focalizza più sulla sua struttura di personalità, in quale ambiente domestico è nata, in quale clima familiare si è evoluta, etc.), piuttosto che verso una psicoterapia sintomatologica. In ogni caso, tutte le psicoterapie, a priori, possono andare bene. Ciò che conta è che lei cerchi un terapeuta col quale si possa sentire a suo agio in modo da costruire un'alleanza terapeutica buona, che è la base affinché la psicoterapia abbia maggiori possibilità di riuscita. Dunque, le consiglio di fare due o tre primi colloqui e poi scegliere.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

734 Risposte

1146 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29800

domande

Risposte 101300

Risposte