Quale è l'atteggiamento giusto?

Inviata da Anna il 17 gen 2019

Buongiorno a tutti.
Spero qualcuno possa aiutarmi a capire come comportarmi con mia figlia , ha 15 anni e purtroppo ha conosciuto la persona sbagliata. Questo ragazzo ha due anni più di lei e sono venuta a conoscenza del fatto che lui spaccia. Mia figlia è molto innamorata di questo ragazzo è il suo "primo amore" anche se per ora è una cosa virtuale perché lui vive in Francia ma a breve si trasferirà in Italia.
Io sono davvero angosciata, ho sempre fatto del mio meglio e insegnato a mia figlia i valori della vita e quali comportamenti morali e sociali bisognerebbe avere. Non so cosa fare o meglio fosse per me vieterei ogni contatto ma ho letto che questo può essere anche peggio, però ho bisogno di un consiglio, voi che fareste al posto mio?
Come devo affrontare questo discorso con lei? Ovviamente lei sa bene cosa fa questo ragazzo eppure accetta questa cosa tranquillamente, forse per ingenuità o cecità. Vi prego apprezzerei molto un consiglio se possibile.
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buonasera Anna,
indubbiamente il fatto che sua figlia sappia cosa fa questo ragazzo e lo accetti tranquillamente non aiuta la situazione. Apparentemente sembra non esserci via di scampo. Avrei bisogno di conoscere altri elementi come la storia passata di sua figlia, il suo carattere, i suoi interessi, le amicizie che frequenta, il suo stato psichico. E magari qualcosa anche di questo ragazzo. Insomma io le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo della sua zona o meglio presente in questo sito ma che usi Skype in modo da fornire le informazioni aggiuntive e trovare la soluzione migliore per sua figlia.
MI faccia pure delle domande se ne ha bisogno!

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

474 Risposte

709 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Anna,

sicuramente per aiutarla mancano delle informazioni rispetto a sua figlia e al rapporto che ha con voi genitori. Detto questo credo che un buon punto di partenza sia il rapporto di "confidenza" che lei ha stabilito con sua figlia e che ancora adesso la porta a confrontarsi con lei rispetto a questa relazione. Le suggerisco di rivolgersi ad un collega della zona che possa aiutarla a fare un'analisi più precisa e funzionale di questa problematica in maniera da poterla gestire nel modo migliore possibile.
Cordiali saluti
Dott.ssa Barbara Testa Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Barbara Testa Psicologo a Como

100 Risposte

83 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77200

Risposte