Quale comunità per mio figlio asociale? (II parte)

Inviata da Mario il 22 ago 2014 Ludopatia

Grazie a tutti coloro che mi hanno risposto.
Cerco di dare qualche informazione in più seguendo principalmente i punti proposti dalla dott.ssa Panno, ma tenendo conto anche degli altri interventi.
-Mio figlio ha seguito negli anni scorsi una psicoterapia a carico dello Stato per problemi di ludopatia; superato questo problema, ha seguito privatamente per un anno un’altra psicoterapia per dei presunti problemi di impotenza che lui dichiara di avere. Attualmente è in terapia presso un CPS della nostra città. Questa terapia è stata così articolata: terapia farmacologica (Seroquel, Depakin Chrono, Zoloft); intervento riabilitativo (in pratica: visione di film, attività di coltivazione piante, musicoterapia…tutte molto blande, per la verità); intervento psicoterapico di sostegno (ma dopo mesi ha visto la psicologa solo due volte).
-L’unica diagnosi che gli è stata ad oggi fornita è la seguente: “Disturbo di personalità NAS (301.9 ICD-9-CM)”… che, mi sbaglierò, significa tutto e niente. Mi sembrano più indicative le parole scritte da un’educatrice: “ …si evidenzia la difficoltà nelle relazioni con isolamento sociale e tendenza all’anaclitismo. Le risposte date sono superficiali con tendenza alla chiusura e alla poca messa in discussione…così come è superficiale la disponibilità ad aderire alle proposte terapeutico-riabilitative che subisce più che utilizzare. Presenta assenza di progettualità con aspettative deleganti di cambiamento sia nei confronti degli altri che dell’ambiente”.
-Con il senno di poi, noi genitori riconosciamo queste manifestazioni del carattere da sempre. In passato, anche se preoccupati, consideravamo queste manifestazioni superabili con la crescita e con lo sviluppo di una personalità più forte. Purtroppo ciò non è avvenuto ed ora ci ritroviamo a vedere un figlio completamente inerte…le cui uniche iniziative, che si fondano su una scarsa conoscenza della vita, risultano alla fine essere autodistruttive (vedi ludopatia e…molto altro).
-Ha manifestato anche alcuni episodi di aggressività nei nostri confronti, fortunatamente contenuti.
-Non ha interessi particolari e duraturi nel tempo. Mi spiego. Quando si interessa a qualcosa lo fa in modo esclusivo, ossessivo –compulsivo, per un periodo di tempo limitato. Alcuni esempi di centri d’interesse: il fenomeno dell’odio razziale, il gioco, i serial killer, i cartoni animati di super-eroi, ecc. L’unico interesse che mantiene nel tempo da alcuni anni è il fitness, body building.
Noi genitori siamo convinti che l’unico modo per uscire da questa situazione per nostro figlio sia l’allontanamento dall’ambiente, che ormai gli sta stretto, un percorso riabilitativo controllato che sia basato sul “fare” e sul “partecipare”, ma sotto il controllo di persone attente…in definitiva: una comunità terapeutica.
Ringrazio per l’attenzione che mi avrete voluto dedicare.
Un sorriso
Mario

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Salve,
personalmente ti avevo suggerito di rivolgerti, senza perdere tempo alle istituzioni competenti, anche perché l'iter burocratico non è semplice come ci si aspetterebbe. Auguri
Dottsa Carla Panno
psicologa - psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

615 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ludopatia

Vedere più psicologi specializzati in Ludopatia

Altre domande su Ludopatia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15200

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte