Può un nevrotico essere un buon analista?

Inviata da Giulia · 9 mar 2015 Orientamento professionale

Può un buon nevrotico, che quindi non soccombe di fronte ai suoi conflitti, fare l'analista, oppure è necessario che non presenti nevrosi nemmeno se "positive"?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 MAR 2015

Ciao Gianbattista
chiaramente dipende tutto dal grado di consapevolezza raggiunto nell'ambito del percorso personale. Mi spiego se si tratta di una persona che ha preso consapevolezza del suo problema e ci lavora duramente sopra sia perché deve farlo per poter completare il suo iter di preparazione professionale, sia (e sopratutto direi) perchè è interessato al suo sviluppo ed equilibrio in quanto persona, allora certamente non solo può fare l'analista ma sarà anche uno bravo in quanto conserverà umiltà e motivazione personale sapendo trasmettere lo stesso nei pazienti.
Se invece è un "nevrotico" che non interessato al suo sviluppo di persona maschera e mantiene la sua nevrosi anche attraverso lo studio e le conoscenze psicologiche e pure attraverso l'analisi personale non "smantella" il suo essere nevrotico come condizione esistenziale (esistono questi casi), allora è meglio che non sia un analista.
La linea che stò tracciando con la mia riflessione è sottile credo che coloro che la colgano meglio siano i pazienti e che questi possano, istintivamente, accorgersi dell'analista nevrotico consapevole, come dell'analista nevrotico inconsapevole e autorafforzante.
D'altronde molte personalità narcisiste (nevroticamente fissate su di sè) sono attratte da questa professione.
Spero di aver spiegato un pochino. Il tema è assai complesso.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7283 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAR 2015

Buongiorno,
per rispetto della sua persona e della mia professionalità
preferisco non dare consulenze senza avere informazioni più dettagliate
sulla sua situazione. Se ha bisogno può contattarmi ai miei recapiti.
Cordiali saluti. Cristiano Grandi.

Dott. Cristiano Grandi Psicologo a Modena

22 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAR 2015

Buongiorno Giambattista,
indipendentemente dalla diagnosi ogni analista ha delle sofferenze personali. Non si immagini che una persona che ha finito l'analisi personale sia un essere puro. Questi sarà, almeno è auspicabile, una persona meno ingombrata dalle sofferenze della propria storia.
In ogni caso ogni analista che si rispetti è costantemente in supervisione (parla con colleghi analisti spesso più anziani dei propri pazienti) e questo consente di osservare continuamente se ci sono aree non trattate della propria analisi.
Cordialmente,
Dott. Piacentini

Dott. Hermes Piacentini Psicologo a Seveso

38 Risposte

23 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAR 2015

Caro Giambattista,
essere analisti significa anche saper riconoscere le proprie nevrosi e saperle in un certo senso "sfruttare" nel setting analitico per favorire la consapevolezza del paziente che si ha davanti. Il percorso per diventare analisti è caratterizzato da una costante analisi personale, che ha esattamente lo scopo di aiutare il professionista a comprendere, prima dell'altro, se stesso, e dunque anche i propri lati "oscuri" come possono a volte essere dei conflitti non del tutto coscienti o delle pulsioni represse.
Rispondendo alla sua domanda, quindi, una persona con un funzionamento nevrotico può certamente fare l'analista (si ricordi anche di Freud, per esempio: le sue nevrosi le aveva e non poche...) a patto che la persona stessa si impegni nel lavorare a quello che è il suo mondo interno per riconoscerlo e così come meglio riesce gestirlo e pure utilizzarlo all'interno dell'incontro con il paziente.
Le porgo i miei più cordiali saluti,
dott. Simone Ruggerini

Dott. Simone Ruggerini - Psicologo Psicoterapeuta Psicologo a Parma

1 Risposta

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAR 2015

Certo che sì! L'obbligo di percorsi personali terapeutici, oltre che analitici, danno allo psicologo il proprio valore aggiunto rispetto al percorso della formazione specialistica ed universitaria. Il rapporto con la nevrosi diventa allora un gesto creativo, dove la propria individualità, sensibilità, essenza costituiscono una forza, un patrimonio esistenziale che lo psicologo intende offrire alla propria professione, trasmettendo ai propri pazienti il fascino e la forza della ricerca personale.
Dr. Roberto De Pas

De Pas Dr. Roberto Psicologo a Milano

32 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAR 2015

Caro Giambattisa,
se è vero come è vero che per essere buoni analisti è assolutamente necessario fare un percorso di analisi personale e didattica, chi potrebbe svolgere tale attività meglio di una persona che grazie ad una 'sana' nevrosi ha acquisito una sensibilità che favorisce la comunicazione empatica? Ebbene, rispondo 'si' !
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

675 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2015

Caro Giambattista, ritengo che gli analisti siano persone come tante, non esenti da valutazioni “umane”. E’ chiaro che non può essere superata una certa soglia per svolgere una professione così delicata, ma se parliamo di implicazioni nevrotiche non penso che queste possano essere di ostacolo ad una valutazione di altri. Un caro saluto, Giuseppe

Dr. Giuseppe Di Maria Psicologo a Roma

127 Risposte

146 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28450

domande

Risposte 97700

Risposte