Può la malattia di un parente gettare in questo abisso?

Inviata da Leonardo · 5 ago 2017 Ansia

Salve gentili dottori,
Sono un ragazzo di 22 anni ed ho già avuto modo di contattarvi per via della mia ipocondria.
Soffro infatti di colon irritabile, ho effettuato in passato numerosi esami (analisi sangue, urine, eco addome) che per fortuna non hanno evidenziato nulla di patologico.
Da quel momento ho vissuto un periodo di relativa tranquillità (alti e bassi, ma erano gestibili) fino a quando due mesi fa mi hanno dato la notizia che un mio zio soffre di leucemia...
Da quel momento sono stato gettato in un abisso, mi sono fatto 1000 domande, mi sono chiesto "perché tutto in questa famiglia?" (infatti la causa della mia ipocondria è la morte di mio padre avvenuta per un tumore del pancreas quando aveva 38 anni)
Stupidamente ho fatto ricerche su internet, ho cercato quante fossero le probabilità che mi ammalassi anche io, i sintomi ecc...
Da allora vado in paranoia, controllo tutto il controllabile (colore occhi, feci, urine, peso anche fino a 5 volte al giorno, febbre...), mi si chiude lo stomaco, mangio poco ed iniziano i problemi digestivi ed al colon..
Allora sotto consiglio del mio medico mi sottopongo all'ennesima eco addome, che mostra solo meteorismo e peristalsi vivace.
Tuttavia questo non basta per calmarmi, ho la paranoia sempre di avere qualcosa di grave e quindi decido di andare da uno psicologo, presso il consultorio della mia città (ad ora non ho la possibilità di vederne uno privatamente).
Ho fatto due sedute per adesso, e dopo la prima lo psicologo mi ha detto che questo malessere è dovuto alle mie ansie che trovano sfogo nell'intestino, che bisogna lavorare non sulla parte cognitiva ma su quella dell'emotività, devo meglio interpretare i segnali che mi lancia il corpo..
Dopo questa prima seduta le cose vanno meglio, non controllo più morbosamente il mio corpo e l'intestino sembra guarire (certo permangono ancora problemi tipo aria nello stomaco e nella pancia).
Nella seconda seduta speravo mi desse qualche suggerimento per controllare meglio le mie ansie, ma invece ha dirottato il discorso sulle amicizie, sui rapporti sociali (che ahimè è vero sono molto molto scarsi), e mi ha dato appuntamento a settembre.
Vi ho contattati perché oggi ci sono "ricascato"... infatti nel pomeriggio partirò per le vacanze (le partenze mi mettono sempre molta ansia) e stanotte prima di addormentarmi ho avuto di nuovo problemi digestivi e di colon...ho "risolto" di nuovo pesandomi, controllando tutti quei parametri che controllavo morbosamente prima, per dirmi che tutto fosse ok..infatti mi addormento e non ho alcun problema, fino al risveglio. Il bello è che mi sono detto, prima che tutto ciò accadesse, "speriamo che questi episodi siano finalmente finiti!"..
Quindi vi pongo due domande..
L'ansia può generare tutto questo "schifo"?
Come mai lo psicologo del consultorio non mi ha dato qualche suggerimento per padroneggiare l'ansia?
Grazie per l'ascolto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 AGO 2017

Ciao Leonardo, lo psicologo non è un dispensatore di strategie, ti ha già dato una indica importante chr è quella di ascoltare le emozioni e del tempo per lavorare su questa affermazione.: Insieme allo psicologo sarà proprio lei Leonardo a individuare il modo giusto! Nel frattempo quando arriva l'attacco di ipocondria provi a capire le emozioni che lo supportano e a stare su quelle!
Resto a disposizione,
D..ssa Maura Lanfri

Dott.ssa Maura Lanfri Psicologo a Forlì

133 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 AGO 2017

Caro Leonardo

Rispondo direttamente alle tue domande: L'ansia può assolutamente generare tutto quello che hai raccontato e lo psicologo non ti ha dato al momento suggerimenti per diversi motivi, uno dei quali è sicuramente il fatto che non esistano ricette o trucchi per tenere a freno quella che è una tua tendenza a controllare ossessivamente i parametri del tuo corpo. In questo momento hai bisogno di monitorare costantemente il tuo fisico per tenere a freno quello che è invece un disagio emotivo. Alcuni approcci psicoterapici lavorano sul pensiero e poter arrivare a modificare i disagi "dell'anima" ma a questo si arriva gradualmente e dopo aver visto accuratamente come funzionano i tuoi meccanismi psicologici.
Penso che tu abbia già avuto modo di informarti su come funziona l'ipocondria: il dubbio si auto alimenta in un meccanismo di autofeedback e l'unico modo di spezzare il circolo vizioso è quello di smettere di ipercontrollare il tuo funzionamento corporeo, cosa che al momento ti sembrerà impossibile ("se abbasso la guardia poi non mi accorgerò della malattia quando sorgerà davvero").
Intanto penso sia già molto positivo che tu sia al corrente della tua ipocondria e che abbia deciso di rivolgerti a uno psicologo, quindi il mio consiglio è di avere pazienza e soprattutto fidarti del tuo psicologo, o trovarne uno di cui tu ti possa sentire fiducioso.

Dott. Pietro Sgambati Psicologo a Aversa

12 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 AGO 2017

Salve Leonardo, mi sembra di capire che in questo momento leo stia attraversando un periodo di forte preoccupazione. L'eccessiva attenzione all'eventuale possibilità di ammalarsi le sta condizionando la quotidianità. Quello che è utile sapere è che l'ansia, per quanto abbia manifestazioni poco tollerabili e fastidiose, è il modo che il nostro corpo ha per comunicare che c'è qualcosa che non va.. Un'eccessiva attenzione a tali sintomi non fa altro che attivare un circolo vizioso della sua ansia. Sarebbe utile ristrutturare i suoi pensieri circa la sua forte ansia da malattia in modo da avere degli effetti anche sulle emozioni. Quanto al collega, credo che sia utile capire che lo psicologo non dispensa consigli ma cerca, insieme al paziente, la strategia migliore per fronteggiare la situazione di malessere. In bocca al lupo.
Dott.ssa Enrica Vinci

Dott.ssa Enrica Vinci Psicologo a Messina

9 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27750

domande

Risposte 95700

Risposte