Psicoterapia chiusa improvvisamente

Inviata da Elisa il 1 feb 2018 Psicoterapia

Buonasera, sono una ragazza di 25 anni, 5 anni fa ho perso il mio primo figlio essendone anche la causa della sua morte. X 4 anni sono andata avanti nel silenzio tenendomi tutto dentro e sopravvivendo alle giornate finché un giorno toccando il fondo ho deciso di rivolgermi ad una psicologa. Abbiamo fatto 1 anno di terapia insieme e finalmente iniziavo a stare un po’ meglio, ho iniziato a respirare a sorridere grazie a lei. Una mattina di un mese fa mi arriva una sua chiamata dove mi dice che X problemi personali deve mettere in pausa la terapia è che era meglio che mi rivolgessi ad un altro terapista inutile dirvi come mi sono sentita. Mi sono sentita sprofondare nuovamente nel buio più totale. Abbiamo fatto un ultimo incontro richiesto da me, lei sembrava molto dispiaciuta mi ha detto tante cose belle mi ha ftt quello che provava X me è mi ha abbracciato forte cos’è che non erano mai successe durante le precedenti sedute..mi ha detto che non appena risolve i suoi problemi torna e che posso mandare mssg se ho bisogno. Io in qst mese ho mandato mssg ogni tanto lei risp altre volte no. Il problema è che me ne sto facendo una malattia non riesco più a dormire, ho perso 5 kg in un mese e X me perdere peso e sempre stato quasi impossibile, ho pensieri suicidi..e non faccio altro che pensare che mi ha distrutto nuovamente. Non so che fare so solo che ho bisogno di lei. Vorrei sapere se è tutto normale il suo comportamento e sopratutto se è normale il mio comportamento. Grazie anticipatamente

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Elisa,
indubbiamente la terapia che stava facendo non era ancora giunta alla sua conclusione naturale ma gli imprevisti sono sempre possibili e nessuno è veramente insostituibile.
Per questo motivo e anche per il fatto che lei ha reagito proprio male a questo distacco inaspettato, dovrebbe raccogliere il suggerimento che le è stato dato di non interrompere la terapia ma rivolgersi ad un altro terapeuta almeno finchè la psicologa che l'ha finora seguita non sarà di nuovo disponibile.
Non credo sia pertinente chiedersi se il comportamento della sua psicologa è normale perchè presumo che essa avrà avuto le sue buone ragioni per interrompere la terapia.
Piuttosto penso sia da correggere il suo di comportamento perchè non è una buona cosa far diventare la psicoterapia una dipendenza e comunque, come le ho detto, nessuno è insostituibile.
In sintesi, il consiglio è di continuare per adesso la psicoterapia con altro terapeuta, magari suggerito da questa stessa psicologa con la quale può mantenere, se vuole, qualche contatto tramite sms visto che glielo ha permesso.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6500 Risposte

18173 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao cara amica,
non credo esistano parole adatte per lenire il dolore causato dalla perdita di un figlio. Esistono però parole utili per circoscrivere la perdita della terapeuta che non significa necessariamente la fine di un percorso terapeutico. A tal proposito, vorrei invitarti a riflettere sui termini che utilizzi per descrivere i primi successi ottenuti insieme a lei: “ho iniziato a respirare a sorridere grazie a lei”. In realtà sei tornata a sorridere grazie a te stessa. Vedi, senza niente togliere alla collega, l’obiettivo del nostro lavoro è quello di favorire, agevolare la conquista di traguardi e dimensioni già presenti nel paziente. Grazie alla tua volontà di iniziare e grazie alla tua perseveranza di continuare l’analisi sei riuscita a ottenere quei primi successi da te identificati e descritti. Niente ti evita di intraprendere un nuovo percorso terapeutico con un/a nuovo/a terapeuta, che per quanto traumatico potrebbe risultare, non sarebbe che il proseguimento di quello da te già vissuto. L’abbandono della terapia da parte di un professionista è un fatto piuttosto insolito, oserei dire eccezionale e la tua reazione è del tutto legittima. Credo che sia superabile il forte disagio che stai vivendo in questo momento e un grande aiuto lo potresti ricevere da un professionista che magari potrebbe indicarti la tua ex terapeuta. Buona fortuna.
Dott. Roberto Bernini

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, Elisa.
Mi spiace che stia vivendo momenti di buio totale e capisco anche la Sua percezione relativamente ad una chiusura brusca rispetto al lavoro che stava facendo con la psicologa da cui era incarico. In virtù di tutto questo potrebbe tentare a ricontattarla per cercare di comprendere meglio i motivi di tale interruzione e per poter raccontare Lei home si è sentita di fronte a tale scelta... se non fosse possibile alcun incontro, allora piuttosto mi farei indicare dalla dottoressa il nominativo di un professionista collega psicologo psicoterapeuta (poiché si potrebbe ipotizzare un passaggio/invio in cui il lavoro sin qui svolto da Lei possa essere maggiormente comunicato e valorizzato, per quanto comunque resti soprattutto in Lei)...se anche questo non fosse possibile, credo comunque importante rivolgersi ad un professionista della Sua zona. In bocca al lupo!

Dott.ssa Ilaria Gisondi Psicologo a Trezzano sul Naviglio

73 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Le questioni familiari ce li hanno tutti. Anche noi terapeuti. Non è per forza detto che siano scuse. Anche se lo fosse: cambiare punto di vista ti potrebbe far bene non credi?
Arrivare a gesti estremi per tutto questo mi sembra troppo. Certo la reazione di amarezza è normale. In fondo è una perdita anche questa.
Ti consiglio di riprendere in modo urgente una terapia. Io sono disponibile anche al telefono o on line, se siamo troppo distanti. Fammi sapere. Grazie

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

e be' si Elisa....si chiama attaccamento, in pratica ti senti in modo molto simile a come ti sentivi quando da bambina mamma andava via. E' normale.

Emozioni Umane - Dott.ssa Papadia Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

378 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Elisa condivido L opinione di alcuni colleghi e sicuramente oggi lei ha L opportunità di scegliere uno psicoterapeuta specializzata in Emdr per poter elaborare in primis il trauma del lutto di suo figlio nn che la riedizione del trauma con la separazione dal terapeuta. Nel giro di poche sedute lei inizierà a stare bene

Dott.ssa Gianfranca Marano Psicologo a Nola

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Elisa,
se per problemi personali la sua terapeuta non era più in grado di compiere in maniera appropriata e per lei utile il suo mandato e non era quindi in grado di percorrere con lei il momento terapeutico allora ritengo abbia preso una decisione sana nei suoi confronti. Avrebbe fatto male il proprio lavoro. Adesso lei si sente in un baratro e ha pensieri suicidiari allora forse quell’ora che è mancata é stato un momento di transazione più lungo o meglio gestito verso un altro terapeuta che a mio avviso la sua psicoterapeuta avrebbe dovuto trovare per lei. Non me la sento di addentrarmi su un giudizio in merito al fatto che sia giusta o sbagliata la scelta fatta dalla sua psicoterapeuta non conoscendone i dettagli e non conoscendo il rapporto che avevate. Posso comunque in base alla mia esperienza professionale asserire con certezza che un anno di terapia è poco per trattare tematiche profonde ed elaboararle con modalità utili alla ricostruzione di parti di sé frammentate dal lutto. Inoltre come ognuno di noi reagisce a un lutto o a una separazione è l’espressione di elementi costitutivi della personalità.

Le consiglio se non lo ha già fatto di contattare la sua psicoterapeuta e di chiederle e di chiederle quanto meno il nome di un collega a cui rivolgersi anche se il suo timore di “tradire”chi l’ha “tradita” potrebbe essere forte.

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

195 Risposte

65 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, interrompendo così bruscamente la terapia e senza darle una motivazione la terapeuta ha riprodotto il suo trauma " figlio che muore " in questa situazione lei può pensare che sia ancora una volta per colpa sua. Io fossi in lei mi sentirei arrabbiata con questa dottoressa che poteva visto proprio la sua situazione essere più chiara sui motivi della fine. In ogni caso lei dovrebbe rivolgersi per fare una terapia non ad un semplice psicologo ma una psicologo e terapeuta. L esercizio della psicoterapia spetta agli psicoterapeuti per legge . Ora pensi che questa dottoressa come effettivamente le ha detto non poteva andare oltre forse anchè per sua incapacità! e trovi una nuova persona con cui proseguire il suo percorso .

Dott.ssa Silvia Rotondi Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Roma

125 Risposte

39 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve,
per mia esperienza posso confermare che le richieste di interruzione da parte di noi terapeuti, dipendono da un problema che si presenta nella situazione di transfert e pertanto , deontologicamente valide. Ma mi mancano informazioni più dettagliate per poter dilungarmi. Suggerirei di ricontattare la terapeuta solo per avere un minimo di chiarimenti in più e resto comunque a disposizione per eventuali approfondimenti.
Dott.ssa Carla Panno psicoterapeutamilano. com

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

615 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 77350

Risposte