Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Psicologa comportamento strano

Inviata da Antoj il 22 nov 2017 Psicologia risorse umane e lavoro

Buongiorno sto scrivendo un nuovo post perché non riesco ad inserire le informazioni nella domanda precedente. Psicologa comportamento non deontologico:
cit. Buongiorno, vorrei alcune informazioni a riguardo il comportamento deontologjco . La psicologa di mia mamma é venuta a casa per obbligarmi a parlare con lei. É normale? Gradirei un vostro parere. Puoi essere un abuso della professione?

Altre informazioni:
La terapia la sta facendo mia mamma e sta affrontando un percorso iniziato da circa due settimane. Premetto che non ho mai visto, sentito la psicologa di mia mamma. La visita non é avvenuta dopo una seduta, non sono venute insieme. Una mattina avverte mia mamma senza chiedermi un parere. Mi sembra molto strano che senza un'emergenza, la psicologa di mia mamma venga a casa( domicilio) per parlare non con la sua paziente ma con la figlia che non ha mai visto.

Io non ho paura di parlare con un psicologo, perchê avevo intrapreso un percorso terapeutico per migliorare la mia autostima.
In quella occasione mia mamma mandava messaggi alla psicologa a mia insaputa. Poi arrivavo nello studio della psicologa e mi raccontava che mia mamma le aveva invato messaggi, anche per spostare gli appuntamenti.
Quando svolgevo la terapia, avevo domandato ai miei familiari se volessero condividere con la terapista alcune informazioni legate all'infazia ed adolescenza. Mi hanno risposto che non volevano influenzare il punto di vista della psicologa. Poi scopro che si sentivano alle mie spalle. Penso sia un comportamento di mia mamma. Cmq ha condizionato la mia terapia. Adesso invece va dalla psicologa e la fa venire a casa. Non capisco questo comportamento. Grazie mille a tutti per i consigli.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Anto
Ritengo il comportamento della collega di dubbia correttezza. Potrebbe starci il desiderio di parlare con la figlia di una paziente (o con chiunque altro) ma, tale incontro, va comunque preparato. Va chiesto alla figlia se è possibile incontrarsi, si deve stare con il suo sentire nel massimo rispetto. Credo siano le premesse fondamentali per costruire un incontro.

Dott. Massimo Comella Psicologo a Siracusa

7 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20000

domande

Risposte 77750

Risposte