Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Provo sensazioni che non capisco nei confronti del mio terapeuta

Inviata da Laura23 il 2 ott 2019

Ciao, sono una ragazza di ventitré anni e sono in terapia da uno e mezzo circa, in seguito a un vissuto familiare molto travagliato e a una forte ansia cronica/ attacchi di panico. Mi trovo in un periodo di generale confusione e demotivazione e nutro un forte senso di solitudine, non tanto materiale quanto interiore, dal momento che faccio fronte da sola a molti tormenti e problemi senza riuscire a parlarne pressoché con nessuno, tranne appunto con il mio psicologo. Con lui riesco a sentirmi molto più libera, gradualmente è arrivato a rappresentare per me una sorta di “oasi” di libertà e autenticità. Ciò che mi spaventa è però che da un po’ di tempo avverto sensazioni particolari, difficilmente decifrabili: mi interessa molto essere apprezzata da lui, intellettualmente ma forse (fatico anche a scriverlo) anche fisicamente -aggiungo che sono molto insicura da questo punto di vista-.
Lui è estremamente professionale e io molto molto discreta, quindi non credo proprio che queste mie sensazioni siano trapelate durante le sedute, ma al contempo abbiamo un rapporto molto confidenziale e affatto formale, scherziamo e ironizziamo sui lati di me che mi fanno soffrire ma di cui lui riesce a trovare aspetti divertenti e inattesi... ecco in quei momenti io respiro, mi sento sollevata, compresa e emotivamente più viva.
Nonostante non sia attratta fisicamente da lui mi è capitato di recente di sognare contatti intimi fra di noi che ricordo come delicati e piacevoli, e questo ha generato in me moltissime paranoie e sensi di colpa; non nego, però, che ci sia anche qualcosa di tremendamente bello nel ricordo di quel sogno. Cosa dovrei fare? Forse sarebbe opportuno parlargliene, ma sono tendenzialmente timida e vivo nella costante paura di essere abbandonata (anche da lui, e lui lo sa). Inoltre ho una relazione importante e consolidata e provo un forte sentimento di confronti del mio partner, e ovviamente queste sensazioni mi provocano disagio anche nei suoi confronti.

Grazie in anticipo,

Laura

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Laura, le emozioni che provi verso il tuo terapeuta sono non solo normali ma sono anche indicative che la relazione paziente-terapeuta si è sviluppata nel modo migliore. Il tuo desiderio di vicinanza, anche intima con il terapeuta, non ha niente di vergognoso o di proibito. Indica che si è stabilita tra voi una corrente relazionale che è estremamente favorevole al successo del percorso terapeutico. Quindi non sentirti a disagio ma anzi parlagliene liberamente. Come dice A. Carotenuto ( famosissimo Psicoanalista ), queste spinte sono un'energia che, convogliata nell'ambito del processo terapeutico, lo intensificano positivamente.
Naturalmente a condizione che non si superi il confine del passaggio all'atto. In parole semplici i rapporti fisici tra analista e paziente sono da evitare nel modo più assoluto. Sarebbe un disastro difficile da recuperare.
Escluso questo, qualsiasi sentimento, positivo o negativo verso il terapeuta, è parte inevitabile anzi desiderabile di ogni psicoterapia e ancor di più di ogni psicoanalisi.
Un caro saluto
Dr. Marco Tartari

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

704 Risposte

405 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Laura23,
quello che sta accadendo è una situazione chiamata "transfert" che possiamo ritrovare nelle relazioni interpersonali e che accade frequentemente quando si instaura una relazione tra terapeuta e paziente. Il transfert è un meccanismo mentale per il quale l'individuo tende a spostare schemi di sentimenti, emozioni e pensieri da una relazione significante passata a una persona coinvolta in una relazione interpersonale attuale. Il processo è largamente inconscio ovvero il soggetto non comprende completamente da dove si originino tali sentimenti, emozioni e pensieri.
Le consiglio di parlarne con il suo terapeuta, non deve assolutamente avere paura del fatto che lui possa abbandonarla, anzi si potrebbe partire da questo per continuare il lavoro terapeutico.

Saluti.

Dr. Jessica Zecchini
Psicologa Psicoterapeuta a Pescara
#Psicologia online
#Psicoterapia online
#Consulenza psicologica online
Percorsi brevi di terapia online

Dott.ssa Jessica Zecchini Psicologo a Pescara

9 Risposte

2 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Laura,
le sensazioni che lei dice di provare sono molto comuni durante una terapia. Non c'è nulla di cui debba sentirsi in colpa, è una "condizione" abbastanza diffusa che va comunicata al proprio terapeuta, in modo che possa affrontare e gestire al meglio la situazione. Tutto ciò non comporterebbe la rottura del vostro rapporto terapeutico ("paura di essere abbandonata") in quanto essa stessa è parte integrante della terapia.

Cordiali saluti

Dott. Emmanuele Rosito

Dott. Emmanuele Rosito Psicologo a Guglionesi

100 Risposte

250 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78400

Risposte