Problemi sessuali: anorgasmia

Inviata da Petra · 6 mag 2013 Anorgasmia

Salve,
premetto che raramente nella mia vita mi sono sentita pienamente integrata e in relazione con gli altri, fin dall'infanzia ero una bambina diversa dagli altri, intelligente ma persa nel suo vasto immaginario soggettivo, come incapace di ascoltare la realtà, vivevo in un mondo altro.
Il problema che voglio sottoporvi ha avuto inizio l'estate tra i miei 15 e 16 anni: sola in casa, iniziai a masturbarmi guardando video porno su internet per ore, e provavo intensi e normali orgasmi. Vivevo in uno stato di trance e non riuscivo a smettere.
Forse il peggio è stato dopo: nel settembre mi sono messa con un ragazzo ed ero felice, pensavo che quel periodo brutto fosse finito.
Fin qui col ragazzo fisicamente tutto a posto, avevo ancora eccitazione e lubrificazione.
Preoccupata comunque per il tunnel in cui ero stata, a dicembre feci delle ricerche e scoprii che in un forum quella brutta sindrome era chiamata "pornodipendenza", e che avevo fatto bene a preoccuparmi perchè è una vera e propria droga, e lessi testimonianze di persone che non ne erano mai uscite.
Presa dallo shock e sentendo la monotonia della relazione (mi entusiasmo molto all'inizio di qualcosa, per le novità, ma dopo tendo verso un appiattimento, a una messa in discussione del qualcosa e a una rottura, questo in tutte le cose), ricominciai a vedere i video, ma mi sentii molto in colpa col mio ragazzo per quel "tradimento", ma soprattutto con me stessa perchè mi ero promessa che, una volta avuto un ragazzo in carne e ossa, non l'avrei più
fatto.
Forse già in quel febbraio il mio piacere nella masturbazione era diminuito, mentre durante la dipendenza inconsapevole mi eccitavo e provavo orgasmi.
Da qui, l'anorgasmia e la mancanza di eccitazione.
Mi chiedo tuttora se questa mia anorgasmia derivi dalla dipendenza in sé o dal senso di colpa dopo averne capita la gravità e l'entità (anche perchè in quel periodo mi sentivo una vera e propria "malata di mente").
Dopo un anno e passa lascio il ragazzo in questione e inizio un percorso psicologico durato meno di un anno: progressivamente inizio a eliminare il senso di colpa, ma l'anorgasmia rimane.
Nel frattempo decido di mettere in pratica i miei pensieri sessuali andando con partner occasionali, amici (con grande senso di colpa dopo), ragazzi che volevo si impegnassero con me per sentirmi amata ma che poi ero io a lasciare perchè non li amavo.
Ora eccomi qui, il mio corpo sembra morto, non provo più alcun orgasmo nemmeno con la masturbazione da tutti questi anni. Anche le sensazioni con i partner non erano granché, ma ricordo che col primo ragazzo (sopraggiunto tra l'estate della dipendenza e il dicembre della consapevolezza di essa) i primi mesi ero in grado di eccitarmi ugualmente, pur senza aver avuto ancora rapporti.
Ho indagato anche sul calo di desiderio e anorgasmia legati all'utilizzo della pillola anticoncezionale (che iniziai dal maggio di quell'anno).
Eccomi qui, e non so se il mio problema è psicologico o fisico.
Ho dovuto interrompere il lavoro psicologico perchè sono diventata un'universitaria fuori sede.
I miei hanno detto che il fatto di stare fuorisede avrebbe sostituito uno psicologo perchè sarei cresciuta, ma non credo sia così.
Sento questo problema. Ho ventun anni e vorrei vivere la mia sessualità provando piacere, ma non mi riesce nemmeno nelle relazioni stabili e nemmeno da sola.
Non vorrei aver perso una parte importante dei piaceri della vita, nonostante mia madre mi dica che è un elemento secondario.
Sono addirittura convinta di aver posto fine a tre relazioni (di cui una col primo ragazzo) a causa di questa frustrazione e depressione che mi causa apatia.
Da molti anni non rido più.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 MAG 2013

Buongiorno gentile Carmen,
l'attenzione che Lei pone verso se stessa è dettata da un controllo sulle proprie emozioni, frutto della sua ansia, che dimostra anche dalla quantità di richieste di consulti che in questi giorni sta facendo su questo sito. Ma il suo stato di tensione non può allentarsi solo con la conoscenza più o meno esatta di quello che le sta succedendo. E' importante che si renda conto che per Lei un percorso di terapia psicologica è necessario. Riprenda i contatti con lo psicologo che l'ha seguita che magari può incontrare quando ogni tanto ritorna nella sua città. Stabilire una continuità nella relazione terapeutica Le potrebbe dare quel senso di stabilità che non riesce ad instaurare anche nelle sue relazioni. Parta da lì e vedrà che piano piano riuscirà a sentire - e darà la possibilità al suo terapeuta di farle afferrare - dove esattamente ha necessità di lavorare interiormente per potersi lasciare andare nella relazione. Anche l'anorgasmia, nel suo caso, potrebbe essere legata al controllo ansioso delle sue emozioni. Eventualmente, se studia a Roma, resto a disposizione per una consulenza psicologica sui temi da me accennati.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2836 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 LUG 2017

Gentile,
sono tante le possibili cause di questo suo problema, ma l'importante è non sottovalutare la sua voglia di risolverlo e di passare dal "perchè" al "come" fare per stare meglio. Le consiglio di affrontare un percorso con un collega psicologo, grazie al quale sbloccherà i sensi di colpa e le paure che la bloccano per stare meglio con se stessa.
Le auguro buona giornata
Dott.ssa Ilaria Albano
Psicologo a Roma

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologa Psicologo a Milano

269 Risposte

325 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 MAG 2013

Cara Carmen, credo che un'aiuto psicologico sia più che importante, poichè da sola" e senza un confronto opportuno il rischio è quello di allontanarti ancor più da te stessa.Il trovarti lontana da casa, se per certi versi può aiutarti a crescere, per altri può aumentare il tuo senso di alienazione. Hai pensato di cercare uno psicoterapeuta nella tua città-studio? puoi utilizzare questo stesso portale se necessiti di nominativi, in ogni caso non perderei altro tempo e parlerei di questa necessità con tua madre. Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti. Dott.ssa S. Orlandini

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

204 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAG 2013

Gentile Carmen,

quello che racconta è importante e se ne legge tutta la sofferenza. L'anorgasmia ha cause psicologiche in assenza di cause organiche. SI può superare a patto che si intraprenda un percorso psicoterapeutico. In tal senso la terapia mansionale integrata, afferente alla psicoterapia cognitivo-comportamentale potrebbe esserle d'aiuto.

Cordiali saluti

Dott. Domenico Navarra

Dott. Domenico Navarra Psicologo a Bari

84 Risposte

30 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAG 2013

gentile signora Carmen,
un passato complesso e un presente difficile da vivere richiedono le competenze di un sessuologo clinico e quelle di un capace psicoterapeuta (spesso la stessa figura profesisonale associa entrambe le competenze). Cercare ancora soluzioni in rete potrebbe ulteriormente complicarle la vita.
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine (friuli)

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1577 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2013

Cara Carmen,
una storia così articolata credo che abbia bisogno di uno spazio diverso da quello online. Se la psicoterapia è finita perché è fuori sede potrebbe rivolgersi a uno psicologo della zona in cui si trova adesso. Una delle tecniche migliori con i disturbi sessuali è l'EMDR. Provi a informarsi.

Cordiali saluti.

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

776 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Anorgasmia

Vedere più psicologi specializzati in Anorgasmia

Altre domande su Anorgasmia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 92000

Risposte