Problemi personali e di coppia

Inviata da Selena · 3 ott 2016 Terapia di coppia

Salve,
scrivo perché avrei bisogno di pareri in merito a ciò che sto per scrivere.
Dunque sono sposata da tre anni, entrambi sui trenta.
Io ho problemi di fertilità di cui mio marito era consapevole già prima del nostro matrimonio.
Prima del matrimonio ho subito anche un intervento molto invasivo che mi ha provocato un forte disagio anche nella mia vita sessuale
All'inizio del nostro matrimonio i rapporti erano veramente scarsi a causa della mia insicurezza sorta posteriormente all'intervento.
Nonostante peró non fossi campionessa di fertilità e neanche di maratone sessuali 10 mesi fa inaspettatamente rimango incinta.
Tutto ciò provoca in me non solo forte stupore ma anche altre emozioni tra cui dubbi, pensieri ed altro.
Purtroppo la situazione si interrompe causa aborto e da li cambia tutto.
Posteriormente all'aborto torno subito alla mia vita di prima almeno cosi credo...in realtà comincio un periodo di forte crisi.
La notte non dormo, ansia, mi manca l'aria, pianti, tristezza e senso di fallimento e vuoto.
Prima la mia infertilità non mi pesava cosi tanto ma ora mi sembra un macigno e spesso mi sento depressa e incompresa.
In tutto questo anche il rapporto con mio marito è cambiato, lui dice di starmi vicino e che vuole riprovare ad avere un figlio, cosi sono 4 mesi che abbiamo rapporti molto serrati.
Nonostante i tanti rapporti sessuali, è cambiato nella sua affettività, è diverso anche se lui nega ma io lo sento a pelle.
Non è più attento alle mie esigenze, anche l'ultimo anniversario di nozze è stato un disastro tanto che a fine serata a causa di una mia sbadataggine si è innervosito tantissimo tanto da trattarmi da schifo.
Attualmente zero premure o meglio le fa se gli espongo il problema ma altrimenti di spontaneo nulla.
Prima mi ricopriva di attenzioni, regalini ora nulla di nulla.
Non fa altro che chiedermi rapporti sessuali con la scusa che potrebbe essere il momento giusto, nonostante gli ho spiegato mille volte come funziona l'ovulazione finge di non capire.
Inoltre nei momenti in cui potremmo stare a dialogare è al telefono, quando gli faccio notare la cosa dice che non è cosi e nega tutto accusandomi per giunta di essere pesante, gelosa e paranoica in modo molto nervoso.
Ultimamente se gli dico che una cosa mi da fastidio se ne frega e continua sulla sua strada, anche quando tento di rifiutare un rapporto sessuale fa lo stesso e questa cosa mi fa male perché sento che quello che voglio io non ha valore.
Inoltre per un periodo di tempo voleva che prendessi peso, per fargli piacere sono ingrassata ed ora non mi piaccio più, ho così deciso di perdere peso ma questa cosa ha destato in lui fastidio, infatti abbiamo litigato diverse volte a causa di ció.
Non so cosa sia successo a mio marito ma non lo riconosco più, lo sento diverso.
Sento che la nostra relazione si è bloccata o spezzata.
Mi sento distrutta dall'aborto, dalla mia infertilità ed ora anche da questo rapporto che mi fa sentire ancora più inadeguata e insicura.
Trovo qualsiasi donna migliore di me, sotto qualsiasi aspetto, non mi sento più donna e mi sento brutta e inutile.
Non so che fare ho 30 anni e mi sento vuota e senza voglia di vivere.
Scusate la lungaggine.
Ma non sapevo come essere sintetica.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 OTT 2016

Cara Selena,
il suo stato d'animo mi sembra perfettamente comprensibile. Non é facile superare un aborto, tanto piú se viene da una gravidanza tanto desiderata quanto inattesa. Forse sibtratta di capire che peso ha avuto questo per ciascuno di voi... Come lo avete vissuto? Cosa ha comportato per ciascuno di voi? Ne avete mai parlato insieme?
Anche il progetto di un nuovo figlio non é facile, spesso tutto diventa molto meccanico e performante con il rischio che si perda il gusto per lo stare insieme rincorrendo solo un risultato e stressandosi quando questo tarda ad arrivare.
Il mio suggerimento é di intraprendere un percorso di coppia che vi permetta di sviscerare queste questioni, offensivi uno spazio di confronto.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

924 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 OTT 2016

Gentile Selena,
emerge chiaramente delusione e frustrazione soprattutto da parte di suo marito per l'aborto spontaneo a cui lei è andata incontro.
La nascita di un figlio è in genere un evento desiderato nel matrimonio ma, se non si verifica, non dovrebbe compromettere l'armonia e l'unione della coppia che deve avere la priorità.
Sebbene quella gravidanza inaspettata le avesse prodotto qualche ansia e preoccupazione, sicuramente la sua interruzione non voluta è stata anche per lei molto traumatica con conseguenti strascichi negativi nella relazione di coppia e aumento della litigiosità.
Ritengo pertanto che prima di altre cose ci sia bisogno per lei e suo marito di un aiuto psicologico alla coppia per un confronto su quella che è l'interferenza del "problema gravidanza" sul mantenimento di una buona relazione coniugale.
Soltanto dopo di ciò si potrà lavorare con entrambi in terapia sugli altri aspetti disfunzionali individuali e interpersonali.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7131 Risposte

20295 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2016

Cara Selena, il problema dell'infertilità è molto sentito dalle coppie. Infatti molte ricorrono a un sostegno psicologico perché spesso questo problema influisce sulla vita di coppia. Ho seguito personalmente qualcuno di questi casi ed ho constatato che spesso il problema del figlio mancato nasconde un equilibrio di coppia inesistente. Se una coppia è davvero unita il figlio che non arriva non può metterla così profondamente in crisi. Anche l'aborto che hai avuto ha sicuramente peggiorato la situazione. Ti consiglio di farti seguire da uno psicologo e successivamente interessare anche tuo marito se volesse fare una terapia di coppia, ma inizialmente ti consiglio un supporto individuale. Un abbraccio e auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

802 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88350

Risposte