Problemi di coppia/famiglia

Inviata da Grace89 · 5 nov 2019 Terapia di coppia

Buonasera, sono una ragazza di 30 anni e da circa 4 anni ho una relazione con un uomo che alle spalle aveva già un matrimonio con 2 figli. Anche io ho avuto una precedente relazione da cui ho avuto 1 figlio. Conviviamo in una casa che di fatto appartiene ai miei genitori. Le difficoltà ci sono state fin da subito, forse anche per colpa nostra in parte, perché dopo poco tempo abbiamo voluto coinvolgere i rispettivi figli e famiglie in quanto noi eravamo sicuri e felici di stare insieme e probabilmente era presto per farlo. Io ho una famiglia all'antica che non vede proprio benissimo queste nuove famiglie allargate, in più avendo avuto mio figlio a 21 anni ho avuto la necessità di farmi aiutare dai miei per crescerlo e questo ha fatto sì che loro si intromettessero fin da piccolo nelle decisioni e in tutto quello che lo riguardava non facendo più i nonni ma i genitori. Quando abbiamo iniziato a far stare insieme i nostri figli sono iniziati i problemi perché mio figlio era geloso delle sue cose e dei suoi spazi e lui si rifugiava dai suoi nonni perché sapeva che lo sostenevano sempre. Questo si è ripetuto diverse volte nel corso del tempo poi eravamo riusciti ad avere un equilibrio. Circa 2 mesi fa abbiamo avuto una discussione con i miei e tutto è tornato a galla: hanno di nuovo dimostrato che questa relazione non è ben vista da loro, hanno ribadito che la casa è loro, hanno detto brutte cose sia a me che al mio compagno. Io ho bisogno di aiuto da parte loro per mio figlio, mio padre è venuto a scusarsi con me e quindi ci sono passata sopra, il mio compagno invece non vuole perché è rimasto molto male di tutto questo, in quanto pensava di essere stato accettato e io inizialmente non mi ero resa conto di quanto fosse rimasto male. Adesso lui non vuole più abitare in questa casa perché non si sente a suo agio con i suoi figli qui ma non si rende conto che mette in difficoltà me facendo così perché ho bisogno per mio figlio (i miei abitano a pochi minuti di distanza da noi). Io non voglio perderlo perché lo amo ma non so cosa fare... Questa relazione è importante per me, sto male all'idea di perderlo ma non so da dove partire per cercare di risolvere i contrasti, lui è molto arrabbiato e non sente ragioni quindi non ascolta quello che io dico, mosso soltanto dal suo essere stato ferito e questo lo capisco. Cosa devo fare per poterlo far ragionare per aiutarlo e per non rovinare la mia relazione?
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 MAR 2020

Buongiorno Grace
Leggendo la sua lettera ho provato una grande sensazione di solitudine e di disorientamento. Nonni che vogliono fare i genitori. Genitori che sono genitori e non lo sono al tempo stesso perchè il figlio di uno non lo è dell'altro. La casa che è dei nonni. ..... figli che vogliono i nonni e non la mamma.... e non mi ha raccontato nulla del padre di suo figlio e della madre dei figli del suo compagno....
Immagino che non sappia cosa fare....
Direi che la prima cosa da fare è mettere ordine. Sto parlando con una donna quindi confido mi possa comprendere. In questa confusione di ruoli è naturale che nessuno sappia più cosa fare e come muoversi. Quindi la prima cosa da fare è mettere ordine. I calzini con i calzini e le scarpe con le scarpe. E ogni cosa al suo posto, nel frigo le verdure e le camice nei cassetti....
La prima cosa quindi è mettere ordine dentro di lei. Chi è la madre di suo figlio? E chi è il padre? Chi sono i nonni? E quali sono i ruoli, i compiti, nel senso di diritti e doveri di ciascuno di questi? E quali sono i limiti che ciascuno deve osservare nei confronti degli altri?
Naturalmente questo è un lavoro da fare con calma come quando si riodina, perchè altrimenti ci si ritrova con tutti gli armadi svuotati, un gran caos nella stanza ed una gran voglia di piangere e di buttare tutto dalla finestra....
Lo so sono stata un po' criptica ma confido di aver aperto qualche spazio dentro di lei.
Se ha piacere le suggerisco la lettura di qualche libro di Hellinger tipo gli Ordini dell'Amore
Se ha piacere inoltre mi scriva o mi contatti risponderò con piacere alle sue domande.
Laura Gaido

Dott.ssa Laura Gaido Psicologo a Grugliasco

73 Risposte

47 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2019

Cara Grace, sicuramente non è una situazione facile.
Deve provare a parlare col suo compagno e vedere come si può arrivare ad una soluzione che stia bene per entrambi, visto le varie difficoltà di gestione famigliare ma anche le difficoltà di rapporto che avete con i suoi genitori.
Se non riuscite ad arrivare a degli accordi ma, ci tenete alla relazione e a trovare degli equilibri in tutti gli ambiti, li consiglio di fare qualche colloquio da uno psicologo di coppia insieme al suo compagno.
Un cordiale saluto.

Dt.ssa P. Dorado. Psicologa di coppia e di famiglia (Como)

Dott.ssa Paola Dorado Psicologo a Casnate con Bernate

57 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2019

Gentile signora,
la costruzione di una relazione tra partners che hanno avuto precedenti relazioni con presenza di figli è sempre un impegno notevole, al di là dell’intensità del desiderio di stare insieme. Non esiste un manuale di istruzioni già confezionato. Tuttavia poiché i problemi si presentano in contemporanea, essi si moltiplicano e non si sommano. Riuscire a costruire una scala di priorità potrebbe essere un buon punto di partenza.
Se poteste effettuare alcuni colloqui di chiarimento con un professionista, che vi sostenga in alcune scelte, vi permetterebbe di essere più sereni e di osservare le cose da una giusta distanza.
Naturalmente poi il lavoro è tutto vostro, poiché i problemi esistono per tutti; ma se cambia il modo di vederli i problemi sembrano meno grandi.
Auguri
Giordana Milani

Dott.ssa Milani Giordana Psicologo a Biella

39 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88400

Risposte