Problemi di coppia: vorrei lasciarlo ma non ci riesco

Inviata da Betty · 3 ago 2020

Buongiorno,
Sono una ragazza di 22 anni. Sono approdata qui perché da un paio di mesi sto attraversando un momento di crisi che impegna i miei pensieri 24 ore su 24, tutti i giorni. Non riesco a vedere una “luce in fondo al tunnel” e mi sento sempre più oppressa.
Ma partiamo dall’inizio: da circa 4 anni sono fidanzata con un ragazzo (ha 25 anni). In questa relazione non mi sono mai trovata completamente a mio agio, ma siccome avevo una bella sintonia con questa persona ho deciso di continuarla, sperando che con il tempo questo senso di “inadeguatezza” sarebbe passato. Effettivamente per un paio di anni sono stata bene, credevo di essermi realmente innamorata di lui, anche se sotto sotto sapevo che c’era qualcosa che non andava. E infatti dall’estate scorsa le cose hanno iniziato a peggiorare. Inizialmente credevo che il tutto fosse dovuto da dei suoi atteggiamenti o dal fatto che io e sua madre non andiamo molto d’accordo. Gliene ho parlato e lui ha provato a cambiare le cose, ma non ci sono stati molto risultati. Perché? Molto probabilmente perché qui il problema sono io e non lui. Anzi, lui mi dice sempre che è felicissimo, che sta bene con me e che in questa relazione, secondo il suo punto di vista, funziona tutto alla perfezione. Mi parla anche di convivenza e spesso mi chiede le mie preferenze riguardo ad un’ipotetica casa da prendere insieme.
Sorge quindi spontanea una domanda, perché continuare ad illuderlo? Perché non lasciarlo? Perché mi sento terribilmente in colpa. Lui si è impegnato tanto in questa relazione, ha tentato di cambiare sia fisicamente che caratterialmente per me, mi ha sempre dimostrato di amarmi ed è visibilmente felice con me. L’anno scorso ho provato a lasciarlo due volte, ma poi lui iniziava a piangere, si disperava, mi diceva che noi due siamo perfetti insieme e che non è mai stato così bene con nessuno… Io non riesco a vederlo soffrire così perché nonostante tutto in questi anni siamo cresciuti insieme, abbiamo affrontato momenti belli e brutti l’uno con l’aiuto dell’altro e abbiamo molti ricordi insieme. E allora io cedevo e continuavo a provare a vedere i lati positivi di questa relazione e sperare che un domani questo mio affetto nei suoi confronti si sarebbe trasformato in amore, invano.
Ad oggi, lui è tranquillo e felice. Io invece continuo a pensare e ripensare a questa situazione, è il primo pensiero che ho appena mi sveglio e mi porta a distrarmi da qualsiasi cosa io stia facendo.
Mi sembra che qualsiasi decisione io prenda faccio del male all’uno o all’altro: da una parte se lo lascio lui soffrirà tantissimo e mi dispiaccio per questo, dall’altro se sto in questa relazione soffro io. Io continuo a sperare in un cambiamento dei miei sentimenti, ma dentro di me so che ciò non accadrà. Mi sento un’ipocrita e un’egoista, sto male con me stessa.
Ultimamente pensavo che dovrei fare della psicoterapia per aiutarmi a fare ordine in me stessa, alleviare i sensi di colpa e infine trovare in me una risposta per prendere una decisione definitiva. Purtroppo però non ho la disponibilità economia necessaria. Quindi ho deciso di tentare a scrivere qui, anche solo per ricavare qualcosa di minimo che però mi aiuti a liberare un po’ la mente da questi pensieri.
Vi ringrazio per la comprensione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 AGO 2020

Buongiorno Betty,
é difficile aggiungere qualcosa. E' arrivata da sola alla conclusione di iniziare una psicoterapia per fare ordine in se stessa. Sicura di non avere la disponibilità economica necessaria? Provi a valutare con calma, è questione di priorità... Nel frattempo può domandarsi che cosa l'ha spinta fin dall'inizio a sostare in una relazione in cui non si sentiva a proprio agio e poi ha compreso in che cosa consiste questo disagio? E ancora: come può il suo fidanzato stare così bene in una relazione in cui l'altra non è felice? Infine siete entrambi così giovani... ma la lettura delle sue parole sembra rimandare alla storia di una vita... In ogni caso è davvero tanto chiedere a se stessi, o al proprio compagno, di rimanere in una relazione che fa soffrire...
Le auguro di trovare le risorse per trovare un aiuto per sè.
Dott.ssa Franca Vocaturi

Franca Vocaturi Psicologo a Torino

327 Risposte

151 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18300

psicologi

domande 28900

domande

Risposte 98900

Risposte