Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Problemi di ansia e depressione

Inviata da vincenzo il 22 gen 2013 Depressione

Salve
ho 36 anni e purtroppo soffro da 18 con questo fenomeno
facendomi anche una cultura con attacchi e stare male
tutti i giorni ma i sintomi aumentano sempre
ho seguito tantissime terapie sia con farmaci e non
ma alla fine torno sempre al punto di partenza
siccome ho famiglia e sono arrivato al punto di abbandonare
il lavoro per guadagnare il giusto per una famiglia
vi prego di aiutarmi, adesso nn ho più il coraggio di dire sempre alla mia famiglia che nn sto bene, mi sembra di essere ossessivo
ma il problema è, per cominciare di nuovo una terapia la dovrei seguire come si deve, ma il problema nasce sempre sul discorso economico,saranno 6/7 mesi che faccio uso di tranquirit tutti giorni.
vi chiedo come un figlio o un fratello di aiutarmi, nn sopporto più questa vita parallela e per di più la devo anche mascherare
per nn far soffrire a chi mi sta vicino
amo troppo la mia famiglia quindi nn vi chiedo altro
solo qualche dott che riesce a curarmi con una terapia non molto costosa
grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Egregio signor Enzo,
trent'anni di sofferenza sono davvero tanti: tutti i sintomi esperiti possono riferirsi ad un disturbo o a più di uno. La diagnosi come risultato della valutazione ha sempre una prognosi per cui il disturbo una volta trattato (se possibile) ha anche una fine e per sempre se ben trattato. I tempi comunque almeno in terapia cogitivo comportamentale non sono biblici (anni) e la cura con tale approccio psicoterapico solitamente non prevede interventi farmacologici, comunque fatta la diagnosi si concordano gli obiettivi a breve e medio termine che sono sempre concreti e verificabili. Quindi se prima ha atteso 18 anni ora il tutto se non ci sono complicazioni si può trattare senza farmaci e con ottimo successo in meno di un anno
dr paolo zucconi, psicoterapeuta e sessuologio comportamentale a Udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1560 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Enzo, può provare a rivolgersi alla sua ASL, e prendere appuntamento con lo psicologo che lavora lì, è tutto gratuito.
Auguri.

Dott.ssa Angela Virone Psicologo a Agrigento

315 Risposte

215 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve,
la situazione che descrive è sicuramente molto pesante da sostenere e dolorosa. Purtroppo la scelta di nascondere il tutto alla sua famiglia non fa altro che aumentare l'ansia perciò anche la frequenza e l'intensità di sviluppo dei sintomi. Come prima cosa dovrebbe cercare l'aiuto della sua famiglia, cerchi di avere una maggiore fiducia e vedrà che se anche all'inizio potrebbero esserci delle perplessità e degli attriti poi tutto risulterà più semplice. Fondamentale però è che inizi una psicoterapia, soprattutto visto che il problema si trascina da 18 anni. Purtroppo il solo utilizzo dei farmaci non è sufficiente. Ovviamente capisco il carico economico, ma può rivolgersi tranquillamente alla sua asl di appartenenza. Tramite il pagamento del solo tiket nel servizio pubblico può essere assistito da professionisti qualificati. Comprendo che nella psicoterapia privata l'attenzione e gli spazi dati al cliente sono estremamente maggiori e spesso si riesce a lavorare meglio, ma vedrà che sarà assistito bene anche nel servizio pubblico.
A presto

Dott.ssa Serena Carnì Psicologo a Catanzaro

51 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Enzo, inizia a cercare un terapeuta della tua zona e prova a chiedergli di darti una mano ad un costo basso esponendogli i tuoi problemi economici, vedrai che ci sarà qualcuno disposto a darti una mano. Credo, nel tuo caso, visto che soffri di nevrosi da tanti anni, che tu debba necessariamente associare la terapia farmacologica a quella psicoterapica con costanza. Ricorda che un elemento importante per guarire è la giusta motivazione a farsi aiutare. In bocca al lupo! P.Grillo

Dott.ssa Pasqualina Grillo - Psicoterapeuta Psicologo a Capodrise

19 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Enzo,
si sente dalla sua mail la sua fatica e la sua stanchezza nel proseguire così, e certamente ha ragione...
Il problema sarebbe da approfondire ma per quello che ci dice sembrerebbe un disturbo che tende a recidivare (ossia ritornare più' volte, anche col passare degli anni); non so perché si è trovato a fare "tante" terapie... Di solito basta farne una, ovviamente fatta bene!
Io le consiglierei di cercare uno psichiatra, anche ASL, che sia psicoterapeuta e così poter essere seguito da un'unica persona sia dal punto di vista farmacologico perché potrebbe esserci bisogno di una cura continua, sia dal punto di vista psicologico.
E non si nasconda ai suoi cari che invece potrebbero essere un sostegno, non ci si deve vergognare di star male o aver bisogno di aiuto!
Non disperi, buona fortuna Dott.ssa R.M. Scuto

Dott.ssa Rosa Michela Scuto Psicologo a Pontedera

76 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Enzo,
comprendo la fatica di una vita condotta con queste zavorre: l'ansia e la depressione.
Sicuramente è una condizione dura e penosa in sè, in più tutte le conseguenze sulle relazioni, sugli impegni quotidiani. Non è facile!
Ma se ne può uscire!
La cura più sicura ed efficace inizia dal proprio desiderio.
Lei vuole guarire?
Se la risposta è sì, deve fare di tutto perchè questo accada. E' lei in prima persona a doversi muovere in questo senso, non può sempre chiedere agli altri di venirle incontro.
Se pensa che curarsi e guarire vale la pena, deve fare di tutto per poterselo permettere. La sua cura inizia lì, da solo con sè stesso che veramente decide e intraprende la strada del cambiamento.
Se vuole guarire non ci sono impedimenti, ma solo possibili soluzioni.
Deve chiedersi quanto realmente tiene alla sua famiglia, cosa è disposto a fare per loro, ma ancora di più cosa è disposto a fare per sè.
Quanto desidera nascondersi dalla vita? Quando vuol tuffarsi e viverla?
Rifletta su questi temi e veda se le risuonano qualcosa.
Lo so che vede tutto duro, difficile, impossibile, ma non è così, si permetta di avere fiducia in sè e di vedere che può farcela!

Sabrina Costantini Psicologo a Pisa

116 Risposte

263 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Enzo,
i disturbi di cui soffre sono già di per sé faticosi da gestire e sopportare, ma il dolore aumenta con la solitudine e l'impossibilità di condividerne il peso, ad esempio con la sua famiglia. Sembra che lei provi un forte senso di colpa nei confronti dei suoi familiari e che voglia anche proteggerli dalla comunicazione di un suo stato di salute non positivo, ma sarebbe davvero importante che loro potessero esserne a conoscenza per poter far fronte insieme ad una situazione tanto dolorosa. Sicuramente non è facile pensare di condividere queste cose e credo che un supporto psicologico potrebbe esserle di aiuto anche in questo, oltre al fatto, ovviamente, che un professionista la aiuterebbe ad affrontare il suo disagio legato all'ansia e alla depressione. Se lo desidera rimango a sua disposizione, può contattarmi tramite questo stesso sito. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

462 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Enzo, comprendo la fatica che impone il dover convivere con la tua sofferenza, ormai da troppo tempo. Mi consenta però di dirle che tenere all'oscuro la sua famiglia non fa altro che rendere il problema più critico e pesante. L'amore che lei prova per i suoi familiari è sicuramente ricambiato, dunque saranno in grado di comprendere, almeno in parte, più di quanto creda. Non si arrenda, forse non ha ancora trovato la cura ed il terapeuta che fanno per lei, o la giusta combinazione dei due. Riguardo al discorso economico siamo in molti a renderci conto del difficile periodo che stiamo vivendo e delle sempre maggiori difficoltà di gran parte delle persone che hanno bisogno di aiuto. In virtù di ciò si trovano quasi sempre soluzioni per venirvi incontro. Non conoscendo nello specifico i percorsi che ha affrontato fino a questo momento, posso solo suggerirle di rivolgersi con fiducia al suo medico di base innanzitutto e di portargli tutti i suoi dubbi. In secondo luogo di contattare uno psicoterapeuta nella sua città (se vuole utilizzando questo portale) facendogli presente anche i suoi limiti economici. I miei migliori auguri. Dott.ssa sabina Orlandini

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

180 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Enzo da questa sua lettera si emerge la sua disperazione: lei non solo sente di stare male, ma si sente anche costretto a nasconderlo al resto del mondo, il che complica le cose in maniera esponenziale. infatti quando si sta male una delle cose più importanti è avere qualcuno a cui appoggiarsi, qualcuno di cui ci si fida e che sappiamo non ci giudicherà né sminuirà il nostro malessere. A lei tutto questo sembra mancare, probabilmente per il cronocizzarsi della sua situazione è pervaso da sentimenti di vergogna che la inibiscono. Nota come questo sia tutto un circolo vizioso che si autoalimenta? Purtroppo nel privato i costi di una terapia non si possono ridurre più di tanto, l'ordine professionale stabilisce un minimo al di sotto del quale è proibito scendere nelle parcelle. Perché non prova alla ASL? il servizio di Centro di Salute Mentale prevede anche psicoterapie individuali e/o di gruppo in forma praticamente gratuita.
In bocca al lupo per tutto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

160 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20700

domande

Risposte 80350

Risposte