Problemi coniugali

Inviata da cinziacaserta il 12 mar 2013 11 Risposte  · Terapia di coppia

Salve sono una quarantenne con 2 bimbi di 4 e 5 anni ed una storia di litigi ed incomprensioni con il mio partner lunga almeno 5 anni. Sono stanca e disillusa ma vorrei non tenere in considerazione la possibilità di dovermi separare da mio marito (non vorrei mai mettere i miei figli in questa condizione).
Mio marito credo sia stanco quanto me se non di più e si rifugia totalmente nel lavoro. Io sarei anche disponibile alla terapia di coppia ma credo lui non accetterebbe mai.
Cosa fare?
Cordiali saluti

marito , terapia , figli , lavoro

Miglior risposta

Gentile Signora,
per prima cosa è opportuno che parli apertamente a suo marito dell'ipotesi di un percorso di coppia. Se siete entrambi stanchi potreste avere benefici da una terapia. Se lui veramente non ne vuole sapere, può iniziare un percorso individuale, in cui possa mettere a fuoco le problematiche e le resistenze di coppia e acquisire modalità appropriate su come farvi fronte.
Un saluto
dott.ssa Cristina Mencacci

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Signora,
le incomprensioni in una coppia nascono da una mancata o inefficace comunicazione, spesso crediamo di sapere quello che l'altro pensa o sente, ma basterebbe semplicemente chiedere. Lei pensa che suo marito non accetterebbe un percorso di coppia, ma ha provato a chiederglielo?! Capisco quanto possa essere frustrante e doloroso vivere una crisi coniugale, ma allora perchè non provare prima a cominciare un percorso individuale, anche perchè quando avrà raggiunto una serenità personale potrà trasmetterla anche a suo marito nel proporgli una terapia di coppia. Riguardo ai suoi bambini, mi permetto solo di farle presente che se non si può evitare loro una sofferenza, si può cercare di aiutarli ad elaborarla rendendoli consapevoli, adeguatamentamente alla loro età, di quanto accade in famiglia e soprattutto aiutandoli a comprendere e comunicare quello che pensano e sentono. Un dolore non cresce diventando disagio se viene espresso, capito, accettato ed elaborato.
Le auguro di ritrovare la serenità personale e famigliare.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2013

Logo Dott.ssa Scilla Battiato Dott.ssa Scilla Battiato

11 Risposte

10 voti positivi

Vi ringrazio per le risposte e provo ad aggiungere qualche dettaglio giusto per chiarire meglio la situazione. Più volte abbiamo provato ad affrontare (spesso con buoni propositi) le problematiche che affliggono il nostro rapporto ma non siamo mai riusciti a trovare la chiave che in ogni situazione di stress ci aiutasse a risolvere. Si, i bambini sentono l'insofferenza che si respira a casa quando entrambi siamo a casa (ma succede solo i fine settimana e la sera) e si, ho già provato a suggerire a mio marito (senza successo) la terapia di coppia. Probabilmente dovrei cominciare da sola ma temo posa aiutarmi solo ad allontanarmi da lui... sapreste consigliarmi un bravo terapeuta a Catania?
Grazie
Cordialmente
CC

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2013

cinziacaserta

Gentilissima Signora,
come hanno già espresso i miei colleghi è opportuno che lei ne parli con suo marito su un eventuale terapia di coppia, cercando anche di capire insieme dove ci può essere stato questo dannoso inceppo della vostra storia. Se lui dovesse rifiutare la invito comunque a iniziare con consulenze individuali, che possono esserle molto utili anche per alleviare questo stato di estrema tensione.
E soprattutto pensi ai suoi figli, non devono crescere con i sensi di colpa.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2013

Logo Amleto Petrarca Psicologia Psicoterapia Breve Amleto Petrarca Psicologia Psicoterapia Breve

40 Risposte

20 voti positivi

Gentile Signora,
da quanto riferisce sembrerebbe evidente che il trascinarsi di questa situazione inficia non solo il suo benessere, ma quello di tutta la famiglia, figli in primo luogo la cui serenità andrebbe tutelata per una crescita equilibrata.
Se suo marito non è disponibile a rivolgersi a un terapeuta di coppia, potrebbe farlo lei in prima persona anche per ottenere indicazioni su come eventualmente coinvolgere suo marito in un consulto.

In questi casi è indicato l'approccio sistemico-relazionale, proprio perché mirato sulle relazioni e sulla decodificazione e risoluzione delle problematicità ad esse inerenti.

Cordialmente

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Dott.ssa Laura Rinella Dott.ssa Laura Rinella

30 Risposte

5 voti positivi

Buongiorno Signora, le incomprensioni familiari sono sempre grandi dispoaceri, soprattutto quando ci sono bambini...
Se sentite di non avere piu' risorse vostre per provare a chiarire ed a superare il problema, allora la terapia di coppia e' una possibilita'... Ne parli a suo marito con serenita' e calma, cerchi di fargli capire che e' un servizio che esiste appositamente per aiutare le coppie in difficolta'... Ci sono bravi terapeuti anche presso le ASL...
Del resto se non farete questa scelta, cosa farete? Farete finta che i problemi non esistano? Molto frustrante.... Farete i "separati in casa" ? Altrattanto frustrante.... Vi separerete realmente senza tentare il tutto possibile? Vi resterebbe questa "pulce" nelle orecchie...
Tentar non nuoce, dice un proverbio... Provate!
tanti cari auguri per il vostro futuro,
Dott.ssa R. M. Scuto, Pisa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Dott.ssa Rosa Michela Scuto Dott.ssa Rosa Michela Scuto

76 Risposte

27 voti positivi

Gentile CC,
cosa fare almeno prima (o in alternativa)alla terapia di coppia?
atteso il suo preciptuo interesse a uscire da una situazione di stallo vedo opportuno che si possa recare lei dallo specialista peresprimere i suoi disagi e ciò che lei desidera. SE lo specialsta ha una formazione specifica (meglio se universitaria)anche in psicologia legale potrà trovare una rosa di soluzioni concrete (anche terapia di coppia ma anche come in tale caso fare afferire il partner al consulto) che la aiutano a uscire con successo dalla situazione. Eventaulmente anche pro e contro terapia di coppia, comunque anche eventuali modalità comportamentali per far partecipe il marito
dr Paolo Zucconi sessuologo e psicoterapeuta comportamentale a udine

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

1087 Risposte

1548 voti positivi

Cara Signora,
la incomprensione è il peggior amico in una coppia, specialmente quando ci sono dei figli. Ha raggione di preoccuparsi,perchè più si "scappa" da un problema peggio è. Ha provato di parlare sinceramente con suo marito per la vostra vita adesso? Sà a volte chiedere al nostro partner di ascoltarci ci sembra dificile ma apena vediamo che lui e interesato o almeno ci dà un piccolo segnale che è disposto di farlo bisogna subito aproffitarne. Non cercare di dargli la colpa per la situazione, cerca di condividerla con lui anche prossimamente. Una cena romantica a volte apre molte possibilità per una disscusione aperta e sincera, magari potete uscire da soli lasciando i bambini a una persona affidabile visto che sono piccol,i o pure di farla a casa mandando i bambini dai nonni (le lo consiglio di più). Sia furba Cara Signora a gli uomini piacciono le donne che sanno fare e sperimentare con i loro sentimenti. Prova di riprendere un vostro abitudine di coppia gia dimenticato da tempo, guardate le vostre foto ecc . Si lasci essere cortegiata da suo marito.
Le auguro buona fortuna

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Dott.ssa Stoyanka Georgieva Dott.ssa Stoyanka Georgieva

225 Risposte

136 voti positivi

Gentile Signora,
considerando le sue osservazioni sulla reciproca incomprensione e stanchezza del rapporto di coppia e considerando la sensibilità e la capacità dei bambini di percepire le atmosfere emotive che circolano in famiglia, ritengo che i suoi figli abbiano già a che fare con una situazione non serena. Tuttavia, concordo con lei nel ritenere che la separazione non sia l'unica strada possibile; ha provato a discutere con suo marito della situazione che vivete per capire se anche lui condivide il suo stato d'animo? Forse la terapia di coppia può essere un obiettivo raggiungibile. Oppure, potrebbe essere lei individualmente a rivolgersi ad un professionista per fare chiarezza dentro di sè, capire cosa, per quanto la riguarda, non funziona più come prima nella coppia, e capire di che cosa lei ha bisogno in qauesto momento. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani

992 Risposte

454 voti positivi

Gentile utente,
la situazione merita sicuramente di essere risolta, sarebbe davvero importante darvi uno spazio di riflessione comune, privato, di coppia, per esplorare insieme i vostri progetti, dove state andando, l'idea del vostro futuro insieme.
La terapia di coppia può essere molto dura, ci si espone molto si esplorano i pensieri e le emozioni anche reconditi, ma con un terapeuta preparato, i frutti si raccolgono. Inevitabilmente dovete essere entrambi d'accordo e convinti, dal momento che è un percorso così oneroso.
Un caro saluto

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Anonimo-126894 Anonimo-126894

272 Risposte

158 voti positivi

Buongiorno Sig.ra,
innanzitutto glielo potrebbe proporre, in quanto mi sembra di capire che partite da un'intenzionalità comune (e cioè quella di mantenere unito il vostro nucleo familiare).
Nulla comunque le vieta, come primo passo, di contattare lei un terapeuta.
Cordialmente,
Dr.ssa Manganoni M.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2013

Logo Dr.ssa Miriam Manganoni Dr.ssa Miriam Manganoni

4 Risposte

1 voto positivo

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Come superare crisi coniugale con due figlie 15 e 14 anni

4 Risposte, Ultima risposta il 18 Giugno 2018

Crisi coniugale con figli Parte II

4 Risposte, Ultima risposta il 28 Settembre 2015

Infelicità coniugale

5 Risposte, Ultima risposta il 02 Maggio 2019

Separazione coniugale. Sto molto male

4 Risposte, Ultima risposta il 19 Novembre 2015

Crisi coniugale

4 Risposte, Ultima risposta il 08 Marzo 2016

Crisi coniugale importante

5 Risposte, Ultima risposta il 01 Marzo 2014

Lutto in famiglia e problemi universitari

4 Risposte, Ultima risposta il 26 Febbraio 2018

La mia ex moglie è vittima di plagio?

1 Risposta, Ultima risposta il 26 Agosto 2014

Convivenza per alcuni mesi coi suoceri

5 Risposte, Ultima risposta il 13 Ottobre 2016

costi e durata di terapia di coppia

57 Risposte, Ultima risposta il 23 Gennaio 2017