Problemi con università, famiglia, ragazzo

Inviata da Francesca · 11 dic 2018 Orientamento scolastico

Salve a tutti, è la prima volta che mi rivolgo ad un forum e che parlo dei miei problemi a sconosciuti.
Sono una ragazza di 25 anni, fuoricorso all’università da un paio di anni e già con un fallimento alle spalle. Mi spiego meglio: dopo il liceo il mio sogno era di iscrivermi all’Accademia di belle arti è così è stato. Mi sono trasferita a Roma con il mio ragazzo di allora (per me molto importante, in quanto era la mia prima relazione seria) e ho iniziato il percorso di studi. Se devo essere sincera ricordo poco di quegli anni, come se la mia mente avesse cancellato tutto volontariamente. Comunque, il primo anno lo affrontai al meglio: feci quasi tutti gli esami, superati con buoni voti e le mie giornate le passavo sempre con il mio ragazzo. Ero felice con lui, anche se era un rapporto un po’ possessivo il nostro.
Il secondo anno cambia tutto: il mio ragazzo mi lascia e inizio a rapportarmi all’ambiente universitario, cosa che fino all’anno prima non mi interessava più di tanto perché le mie amicizie e interessi li avevo altrove. L’ambiente inizia a non piacermi, i corsi altrettanto e inizio ad avere problemi con lo studio. Arrivo a non frequentare più i corsi e a non dare esami e a tornare più spesso nella mia città, perché a Roma mi sentivo molto sola. In tutto ciò, ho sempre tenuto distanti dai miei problemi i miei genitori, in quanto non volevo farli preoccupare.
Arriva l’estate, la passo praticamente sempre con i miei amici di “giù” (abito vicino Napoli), con cui mi sfogo e mi faccio consigliare. Con loro mi sentivo protetta e ho deciso di tornare a vivere giù, lasciando l’Accademia. Per non dare un’ulteriore dispiacere ai miei, mi iscrivo a lettere moderne (a Salerno). I miei la presero malissimo, soprattutto mia madre: con lei ho riavuto un discorso tranquillo dopo mesi. Mio padre non è mai stato tanto “presente” nella mia vita, non perché non mi voglia bene, anzi. Semplicemente non riesce ad aprirsi con me, mi parla solo quando è necessario e se deve rimproverarmi spesso lo fa tramite mia madre, che riporta le sue parole. Di conseguenza, fu un periodo orribile, ma ero convinta di voler tornare giù, dai miei amici.
Inizio a frequentare l’università e all’inizio me la faccio anche piacere, in quanto ero parte di un gruppo di ragazze molto simpatiche, con cui seguivo quasi tutti i giorni. Poi inizio a frequentare un ragazzo di Salerno che, non avendo la macchina, mi “costringeva” a raggiungerlo lì. Di conseguenza passavo molto tempo da lui, cosa che mi ha distolta dai corsi, dagli esami e dalle amicizie dell’università.
Ero in fissa con questo ragazzo, ma ad oggi non capisco ancora il perché: era mal visto da tutti i miei amici, con cui ho anche litigato a causa sua. Anche dai miei genitori non era affatto apprezzato, perché non studiava, ma all’epoca era un po’ allo sbando. Forse questo dubbio sul futuro un po’ ce l’avevo anche io e in lui trovavo conforto, adagiandomi completamente.
Insomma alla fine mi trovo sola con lui e nuove amicizie della mia città, tra cui una ragazza fuori corso all’università. Faccio leva su quest’ultimo dettaglio, in quanto con lei mi sentivo libera di sfogarmi sui miei insuccessi universitari, dato che lei era nella stessa situazione.
Lei mi aiutava a “coprire” gli esami che fingevo di dare all’università con i miei genitori.
.Fino ad arrivare a quest’anno: ho rotto, dopo una serie di problemi, con quel ragazzo, promettendomi di darmi una svegliata all’università. Ho dato quasi tutti gli esami dell’ultimo anno, che erano un po’ più semplici, sperando di sbloccarmi anche con il resto.
In realtà sono stata lenta, adesso mi trovo ancora 7 esami arretrati e, pur avendo detto la verità ai miei genitori, non riesco a sbloccarmi più.
Sono entrata in un loop da cui non riesco a uscire. Ho regolarizzato anche la mia routine, andando a dormire prima, svegliandomi presto la mattina e mettendo in ordine la stanza (cosa che prima non facevo mai!). Ma questo non basta a mettermi sotto con lo studio. Ho promesso ai miei che avrei recuperato e mi sarei data da fare per non lasciare a metà anche questo percorso. Nella teoria vorrei tanto farlo, in pratica meno. Ho una confusione in testa pazzesca e ho come la sensazione che non ce la possa fare, che sia una cosa più grande di me e che tutti questi esami difficili non li passerò mai.
C’e Anche da dire che sono quasi sicura di non voler continuare con questo percorso, una volta finito (sempre se riesco)... sono demotivata, spesso mi viene da piangere e mi dispero. Passo le giornate a capire cosa posso fare in alternativa, se possa esserci un’altra strada per me, ma sono sempre più cofusa.
Infine, sto da pochi mesi con un ragazzo che è il mio opposto: razionale, quadrato, molto dedito al lavoro e, pur avendo un solo anno più di me, già laureato alla triennale e magistrale. Lui mi ha aiutata a dire la verità ai miei e crede molto nella mia “ripresa”. Forse però non sono stata tanto chiara nemmeno con lui e continuo a non esserlo, perché pensa che stia studiando per recuperare e che stia a buon punto; in realtà sto arrancando parecchio e non riesco a dirglielo per paura di deludere anche lui...
Probabilmente ho dimenticato qualche dettaglio, ma già mi sono dilungata abbastanza. Chiedo un vostro parere professionale, perché ho bisogno di capire quale sia il mio problema...
Ho scritto tutto un po’ di getto, quindi non sarà in un italiano perfetto, ma spero sia abbastanza chiaro.
Grazie mille per la vostra disponibilità.
F.V

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 DIC 2018

Gentile Francesca,
lei ha sicuramente bisogno di mettere un po' di ordine nella sua vita scolastica. Che non è del tutto sbagliata in quanto caratterizzata da periodi in cui ha dato molti esami. Però non ha continuità e ha molti dubbi su che percorso intraprendere.
Sarebbe utile sapere il significato che associa all'università, al sostenere esami.
Ma questo lo può fare solo con uno specialista.
Le consiglio di affidarsi ad un bravo psicologo della sua zona o lontano ma che usi Skype.
In bocca al lupo!

Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

731 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 DIC 2018

Cara Francesca,
indubbiamente gli studi universitari sono il problema principale. Hai un buon funzionamento sociale e sentimentale. Tutto sommato, malgrado le incertezze, riesci anche a dare, ogni tanto, un buon numero di esami. Però te ne mancano ancora, hai 25 anni e dici che non vuoi continuare con questo filone. Sicuramente sei indecisa. E anche frenata. Bisognerebbe capire cosa rappresenta per te l'Università e il dare esami all'università.
Per fare chiarezza ti consiglio un percorso da un buon psicologo della tua zona o lontano ma che usi Skype per far luce su di te e utilizzare le tue energie in modo meno dispendioso e più produttivo.
Fammi pure domande se lo ritieni necessario.
Un saluto!

Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

731 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 DIC 2018

Gentile Francesca, dalla sua lunga lettera si evince che lei ha bisogno di ritrovare la centratura su sé stessa prima di vivere nel mondo. L'impressione di confusione e incertezza è abbastanza palpabile. Sembra non aver chiaro i motivi profondi che hanno portato rallentamento e ansia negli studi, per non dire del resto. Purtroppo noi non abbiamo la bacchetta magica. Deve decidere se i problemi che ha sono una motivazione sufficiente per cercare una consulenza psicologica. Da parte mia le posso dire che alcune tecniche mente-corpo come lo yoga, la mindfulness (meditazione clinica depurata dalle componenti religiose) le arti-terapie come la danzaterapia potrebbero aiutarla a stare meglio, se non può permettersi una vera psicoterapia.
Un caro saluto
Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

946 Risposte

383 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 DIC 2018

Buongiorno Francesca,
il percorso universitario può essere un momento della vita difficile da affrontare e mette duramente alla prova. Mi occupo di consulenza per studenti universitari e la sua condizione è parecchio diffusa. È importante fare chiarezza altrimenti questa situazione di stallo potrebbe protrarsi e influenzare negativamente sul suo benessere. Parla di una "confusione pazzesca" dovuta, probabilmente, al senso che ha per lei studiare, conseguire la laurea e la condivisione di questo percorso con la sua famiglia e il suo ragazzo.
Le consiglierei di richiedere un supporto per la confusione che sta provando per provare a uscire dall' impasse, ricercando un professionista psicologo, nella sua zona oppure via skype, che possa aiutarla a comprendere al meglio quello che le sta succedendo..
Rimango a disposizione,
Cordialmente,

Dott. Gianmaria Lunetta,
Psicologo Clinico

Dr. Gianmaria Lunetta Psicologo a Torino

249 Risposte

400 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88500

Risposte