Problemi con orientamento sessuale e con possibili attacchi d'ansia?!

Inviata da Harriet · 22 apr 2014 Orientamento sessuale

Ciao a tutti, dopo 10 minuti che guardo lo schermo ho deciso di scrivere.
2 anni fa nelle vacanze tra la 3ª media e la 1ª superiore sono andata giù al sud dai miei nonni, in un paesino sperduto nel nulla
Dove ci sono solo vecchiette/i, una chiesa e un bar. Dopo un mese che stavo lì avevo ormai preso l'abitudine di guardare tutti i pomeriggi sulla tv glee, sapete quel programma con gay, lesbiche ecc. e mi ero cominciata a fare tante domande, e sono sicura che non me le sarei fatte se non fosse stato che stavo davanti alla tv a guardare quel programma per ore tutti i giorni per tutto il mese, comunque è queste domande erano "e se fossi lesbica?" Oppure "Ma sono sicura che mi piacciono i maschi?" E me le sono chieste così tanto che ho cominciato a pensare che fosse un'ossessione, ed effettivamente ci pensavo tutto il tempo, tutti i giorni, così tanto che non mangiavo più perché mi veniva la nausea.... Dopo un mese sono scesi anche i miei dal nord (dove abitiamo) e dopo qualche giorno a mia madre ho detto tutto e lei ha risposto che non lo ero e che anche se lo fossi stata mi avrebbe voluto comunque bene perché ero la sua bambina. Così il giorno dopo mi ricordo che siamo andate al mare e boh mi sembrava che fosse passato il peggio e che fosse stata solo una fase e che ora che avrei avuto meno tempo per pensarci (anche perché saremmo tornare in città) anche perché a me erano sempre piaciuti i maschi e infatti alle elementari avevo avuto tanti fidanzatini (non ne avevo avuti alle medie e non avevo dato ancora il mio primo bacio a differenza degli altri ma lo associavo al fatto che alcuni miei compagni mi avevano preso molto in giro in quegli anni e non ero una popolare) ma boh sembrava essere solo un pensiero stipido che sarebbe passato tornando a scuola.
Ma invece non è passato e ho continuato a pensarci fino ad ora che ho 15 anni e sono in 2ª superiore... Ultimamente sembrava che stesse finendo anche perché nei passati anni avevo fatto molte immaginazioni su star (es One Direction) immaginandomeli mentre mi abbracciavano baciavano ecc e avevo anche cominciato a uscire con alcuni ragazzi e avevo rifiutato quasi tutti anche se l'ultimo mi era stato molto simpatico. Poi boh 3 giorni fa è finita la scuola e ho avuto di nuovo tantissimo tempo libero e queste idee sono tornate più forti di prima... Mentre ascoltavo la musica in giardino specialmente (quando vado in giardino mi siedo sulla mia altalena, metto le cuffie col volume al massimo e dai solo avanti e indietro, perché mi da un senso di leggerezza, come se stessi volando e mi piace) fino ad arrivare ad oggi quando per pasqua sono andata in un ristorante coi miei (e ci sono rimasta 3 ore) e ho cominciato a sudare e il cuore ha cominciato a battermi, mi è venuta nausea e sono dovuta anche uscire per un attimo perché mi sentivo come se fossi chiusa in un buco, c'era così tanta gente e queste idee mi sono tornate più forti che mai è continuavano a salirmi le lacrime agli occhi ed ero di cattivo umore e pensavo in continuazione "sono lesbica" "aspetta no che non lo sono!" Oppure "cosa penserebbero i tuoi genitori se lo fossi? E tuo nonno che pensa che i gay siano stupidi perché dio ha fatto Adamo ed Eva e non è naturale?" Cioè stavo andando in panico e ho visto questa ragazza nei bagni e aveva una corona di fiori che va molto di moda e mi piaceva e ho cominciato a farmi immaginazioni in cui volevo conoscerla e non so se ho avuto un attacco di panico e quindi che stessi impazzendo e fosse tutta una pazzia o se effettivamente lo sono... E boh non ho paura di mia madre se lo fossi ma si mio padre che è cresciuto con la mentalità del nonno nominato prima.. E boh non voglio esserlo, voglio avere una famiglia un giorno, dei figli, miei e un buon lavoro con cui pago la bella casa che voglio avere... E boh ora che ci penso un marito che mi ama....
Ma non lo so... Forse avevo solo bisogno di sfogarmi anche perché in casa mia nessuno crolla mai, una volta l'anno scorso mi sono messa a piangere perché ero esaurita (l'anno scorso infatti facevo 8 ore di danza classica a settimana, tornando quindi alle 10 tutte le sere e al mattino dovevo essere sveglia alle 6, anche perché all'artistico si fa sia un pomeriggio che un sabato quindi ero proprio stanchissima) e mia madre mi ha urlato contro dicendo che era una scenata da stupide e che dovevo andare in camera mia. E se dicessi che ho bisogno di uno psicologo probabilmente riderebbe di me... E chi non lo farebbe sono la rappresentante di classe, la migliore della classe come voti e a quanto dicono gli altri molto bella (e con tutta la modestia beh si penso di essere carina).. Quindi boh per favore rispondete presto che ne ho bisogno e grazie ciao :)

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 APR 2016

Gentile ragazza,
la sintomatologia che hai descritto è da attribuire ad un disturbo d'ansia con componente fobico-ossessiva.
I pensieri fobico-ossessivi possono essere canalizzati in diverse direzioni e nel tuo caso si sono concentrati, a quanto pare, sull'orientamento sessuale e sulla paura degli spazi chiusi o affollati (claustrofobia) col rischio di sfociare in veri e propri attacchi di panico.
Ad alimentare le tue ansie sembra concorrere anche il condizionamento e il timore di giudizi negativi da parte di alcuni tuoi familiari.
Il suggerimento è di confidare le tue ansie ai tuoi genitori anche accettando la possibilità di subire critiche negative e chiedere di essere sostenuta nell'intraprendere una psicoterapia.
In alternativa, potresti chiedere dei colloqui con lo psicologo scolastico se nell'organico della tua scuola esiste questa figura e uno sportello di ascolto per gli studenti.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7041 Risposte

20144 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 APR 2014

Lascia che le cose vengano naturalmente senza farti troppe domande, sarà il tempo e le tue esperienze a scegliere il tuo orientamento. Non devi deciderlo per forza ora. l'importante è che tu sia felice e serena con uomo o donna che sia. Non farti influenzare ( lo so che non è facile) dai pregiudizi purtroppo presenti in una società, scegli con il cuore e amati per come sei.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 APR 2014

Gentile Harriet
ha descritto il suo disagio in modo alquanto esauriente e da quello che dice sembra proprio una sindrome ansiosa con connotazione di tipo fobico-ossessivo. Sarebbe però opportuno una diagnosi psicologica, magari con l'apporto di un test della personalità che ci dia anche una misura dell'ansia. Ciò è importante per definire il protocollo di cura adeguato. Nel caso in cui fosse confermata la suddetta diagnosi, le posso dire, già fin da ora, che le tecniche elettive per i disturbi d'ansia sono quelle che includono le tecniche di rilassamento. A queste si possono anche associare parallelemente delle tecniche strategiche brevi, in ogni caso si tratta di non più di 20 sedute in tutto, anche a cadenza quindicinale e, a seconda dei casi, tali sedute possono essere svolte anche on-line. Con i minorenni (come d'altra parte avviene per le sedute in studio) anche per quelle on-line necessita il consenso dei genitori.
un caro saluto

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

265 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2014

Gentile ragazza,
più che un problema legato all'orientamento sessuale la sua sembra una difficoltà connessa con un problema ansioso, in cui si è incastrata in un pensiero ossessivo. Certo, per poter essere più precisi occorrerebbe effettuare una valutazione di persona.
In ogni caso l'ansia spesso si "appiccica" a pensieri ricorrenti attraverso delle trappole che apparentemente sembrano la soluzione (ad es., devo capire se sono gay e per farlo ho bisogno di testare se mi piacciono le donne...) ma che poi si rilevano il problema (facendo così non ha mai la testa libera e quindi la situazione si amplifica).
Bisognerebbe comprendere, attraverso un consulto quali sono le cause "inconsce" di questo suo disagio.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

380 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85600

Risposte