Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Problemi con mia Figlia

Inviata da Matteo il 5 nov 2018 Terapia familiare

Io e la mia ex ci siamo separati da 2 anni e abbiamo una bambina di 3. Quando siamo soli la bambina con me è tranquilla, chiede ogni tanto della madre ma comunque vive bene il nostro rapporto. I problemi insorgono quando la madre me la porta. Spesso la bambina fa delle scenate perché non vuole stare con me, dicendo che non vuole vedermi. Come dovrei comportarmi in queste situazioni? Di solito quando succede la madre tenta di convincerla in modo dolce, ma alla fine vince sempre la bambina, io di solito rimango sempre frustrato e amareggiato dalla situazione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Matteo, potrebbe essere utile graduare il passaggio dalla madre a Lei concordando con la signora di non lasciare la bambina e andare via subito ma di trattenersi un pò con voi; inoltre sarebbe utile, se possibile, che lei passasse del tempo dove vive la bambina(la sua cameretta) piuttosto che farla portare sempre a casa sua. Ed è importante instaurare con lei delle routine speciali, ad es. Andare in una particolare giostra, oppure cantare insieme la sua canzone preferita, e magari anticiparle una attività bella che farete insieme la volta successiva. Buona fortuna!

Dott.ssa Graziella Pisano, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Frattamaggiore (NA).

Dott.ssa Graziella Pisano Psicologo a Frattamaggiore

119 Risposte

3556 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Matteo,
purtroppo la separazione dei genitori per un figlio piccolo non è mai una passeggiata e rappresenta sempre un importante trauma.
Oltre a ciò, quello che fa la differenza è la modalità con cui avviene tale separazione e la qualità dei rapporti residui tra gli ex coniugi perchè quando tra essi rimane molta rabbia è inevitabile che il figlio faccia da vettore di questa rabbia che viene raccolta e agita anche quando non è espressa esplicitamente.
Più che rimanere frustrato e amareggiato, lei potrebbe far comprendere alla sua ex moglie che, per il benessere psicofisico presente e futuro della bambina stessa, sarebbe preferibile che la preparasse con garbo all'incontro regolare con il papà e, d'altra parte, questi dovrebbe riuscire a rendere sempre piacevole il tempo da trascorrere con la bambina sia a casa propria sia, ogni tanto, anche a casa della ex moglie qualora gli venisse da lei concesso.
In realtà, tutto ciò nella maggior parte dei casi non avviene e ne risultano conseguenze negative soprattutto per i minori che invece dovrebbero essere amati in modo sano e tutelati da entrambi i genitori.
Per altro è anche possibile per lei e la sua ex moglie chiedere, individualmente o insieme, una consulenza psicologica per affrontare e risolvere questo spiacevole problema di interesse comune.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6571 Risposte

18390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Matteo,
per poter comprendere in modo più efficace la situazione sarebbe opportuno poter disporre di ulteriori informazioni. È comprensibile come la frustrazione che sperimenta conseguentemente al comportamento della sua bambina le causi grande disagio. Quello che le consiglierei è di non abbattersi eccessivamente, la reazione di sua figlia all’allontanamento dalla madre, considerando la sua età, è più che comprensibile; sarebbe importante però poter meglio analizzare la sua situazione e nel caso elaborare un piano di intervento. A tal fine, rivolgersi ad uno Psicoterapeuta della sua zona potrebbe aiutarla a gestire al meglio la situazione.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1115 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Matteo,
Dalle sue parole emerge la difficoltà nel distacco, da parte della vostra bambina, nel momento in cui deve “passare” dallo stare con un genitore all’altro, in questo caso, dalla mamma al papà. Questo passaggio è certamente un momento critico, in generale, perché prevede una separazione e un cambiamento, sia fisico (di ambiente) che psicologico (stare con un genitore diverso), che può riattivare ansie e preoccupazioni nei bambini.
Quello che posso suggerirle, sulla base degli elementi che ha fornito, è di cercare di non vivere questo momento come una prova della propria adeguatezza nei confronti di sua figlia (che, invece, da come scrive, si mostra a suo agio quando sta con lei), ma piuttosto come un momento di “passaggio” fisiologicamente delicato per la vostra bambina, che però può essere gestito.
Da parte vostra, come genitori, fare in modo che la bambina percepisca un clima sereno e si senta al sicuro, nel momento in cui la mamma la porta dal papà, è il primo passo per facilitare questo passaggio delicato (ad esempio, prendendovi il tempo necessario per il momento del “distacco”, in modo che la bimba lo avverta il meno brusco possibile). Potrebbe essere consigliabile anche preparare la bimba all’incontro, anticipandole che vedrà il papà e quando, spiegandole le cose belle che potrete fare assieme e quanto starete assieme. Inoltre, mantenere per quanto possibile una certa costanza e cadenza regolare dei vostri momenti insieme, potrebbero aiutare la vostra bambina a vivere il momento del distacco da un genitore all’altro come più prevedibile, rendendolo una piacevole abitudine di passare del tempo insieme al proprio papà.

Cordialmente,
Dott.ssa Simona Fantoni Psicologa (Bologna)

Dr.ssa Simona Fantoni Psicologo a Bologna

6 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte