problemi con le donne in generale

Inviata da Ivan · 23 feb 2021

Salve sono Ivano sono un ragazzo di 30 anni vivo con i genitori sono figlio unico non lavoro e non ho finito gli studi.
Io ho un grave problema con il gentil sesso ossia ogni qualvolta sto fuori casa vengo guardato con disprezzo, con odio e con distacco da qualsiasi donna di qualunque età e talvolta anche dalle bambine mentre con le persone del mio stesso sesso non c'è problema io sono molto turbato da questa cosa e non riesco a sopportarla con il passare degli anni questo problema è aumentato e vedo le persone di sesso femminile come nemiche e quindi inavvicinabili nel senso che c'è tra me e loro un respingimento reciproco. Non so se questa condizione durerà per sempre ma purtroppo non sono ottimista al riguardo quindi per adesso sto passando un brutto periodo che dura da più di 10 anni.
Le persone mi dicono che il mondo non gira attorno a te ma invece per me non è così è come se ce l'avessero con me mi sento respinto, ripudiato, senza un valido motivo non so più come comportarmi e ho anche timore che qualche ragazza o donna un giorno mi potrà aggredire oppure offendere non per strada ma ad esempio in un contesto di lavoro cosa che è gia accaduta recentemente ma non in maniera plausibile.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 FEB 2021

Buonasera Ivan,
a volte le interpretazioni che elaboriamo per spiegare a noi stessi la ragione di un determinato comportamento non sono sempre funzionali ad estinguere la nostra percezione di disagio e di inadeguatezza nelle relazioni che viviamo in modo tanto sofferto.. Anzi, credenze come quelle che lei esprime, non possono che inevitabilmente esacerbare queste emozioni spiacevoli che pertanto costituiscono un fattore di mantenimento della difficoltà di quelle stesse relazioni, coerentemente alle parole che esprime "è come se ce l'avessero con me mi sento respinto, ripudiato, senza un valido motivo non so più come comportarmi e ho anche timore che qualche ragazza o donna un giorno mi potrà aggredire oppure offendere" .
Anche io come i colleghi, ritengo possa affidarsi ad un professionista della sua zona, per approfondire attraverso un accurato assessment psicodiagnostico , aspetti clinici della problematica che ha portato all'osservazione.
Resto comunque a disposizione.

Cordialmente.

dott.ssa Alessandra Melli

Dott.ssa Alessandra Melli Psicologo a Mestrino

37 Risposte

15 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Gentile Ivan,
vedo che i Colleghi le hanno già risposto ampiamente. Io sono di avviso molto diverso. La problematica, così come l'ha descritta, non permette una valutazione precisa. Voglio dirle: ci saranno dei motivi per cui viene guardato con disprezzo, non è possibile che tutte le donne siano cattive o impazzite! Bisognerebbe valutare approfonditamente com'è stata la relazione con sua madre e qual è la sua personalità (di lei, Ivano). Senza questi elementi, ottenibili con un percorso terapeutico adeguato, ogni valutazione, a mio modesto parere, non le può essere utile più di tanto.
Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

1003 Risposte

408 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Gentile Ivano, non riesco a capire da che cosa deduce, con assoluta certezza, di essere guardato con disprezzo dalle persone di genere femminile. Da dove nasce questa sua convinzione? Riferisce di vivere ancora con i suoi , di non aver portato a termine gli studi e di non avere un lavoro. Credo che le sarebbe di grande aiuto intraprendere un percorso con un professionista, che la possa aiutare a mettere un pochino di ordine nella sua vita, a fare chiarezza dentro di sé e a fornirle gli strumenti per migliorare la sua vita relazionale ed in generale la sua esistenza. Cordiali saluti.

Dottoressa Daniela Noccioli Psicologo a Cascina

275 Risposte

136 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Ciao Ivano!
Innanzitutto mi dispiace che tu ti trovi a fronteggiare questa situazione che per te non dev'essere facile. Non esistono soluzioni magiche per risolvere i problemi relazionali, però attraverso un percorso esplorativo si posso arrivare a inquadrare e capire quali sono i fattori che ostacolano il tuo modo di porti nei confronti del sesso femminile. Dato che il tuo problema non è recente, ma radicato nell'arco di 10 anni, probabilmente c'è qualcosa nel tuo modo di fare che crea una barriera alla comunicazione con le donne... Se hai voglia di provare a comprendere meglio questo qualcosa puoi chiedere il mio aiuto o quello di un collega. Vedrai che affrontando a viso aperto la questione potrai far sì che le cose cambino in maniera radicale e trovare finalmente il modo per avvicinarti alle ragazze in modo positivo.
Un caro saluto

Dott.ssa Emma Lombardi Psicologo a Pistoia

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Buongiorno Ivano,
nella domanda intuisco che con le persone del suo stesso sesso si trova a suo agio, che possiede delle risorse per farsi apprezzare ma che fatica a metterle in gioco nei confronti del sesso femminile.
Molti uomini possono sentirsi intimoriti nell'incontrare le donne e nel tempo possono trasformare questa paura in qualcos'altro e bloccarsi.
Le informazioni che ricavo dalla sua richiesta di aiuto non sono sufficienti per farsi una chiara idea ma vorrei invitarla a riflettere.
Spesso porre attenzione sul nostro atteggiamento e sulle nostre risorse può permetterci di cambiare prospettiva.
Un caro saluto
Dott. Sacha Horvat

Dott. Sacha Horvat Psicologo a Milano

47 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Gentile Ivano,
è difficile darle delle risposte realistiche riguardo al dramma che esperisce.
Non la conosco... non conosco le sue abitudini... ma certamente capisco la sua sofferenza che, fra l'altro, ha descritto molto chiaramente.
Dalle cose che scrive però è evidente l'importanza che avrebbe per lei comprendere più a fondo la sua natura; affinché possa scoprire le sue potenzialità autorealizzative e prendere in mano la sua vita.
Se può farlo, consideri di iniziare un percorso di psicoterapia, sono certa che le sarebbe molto utile.
Questa stessa richiesta dimostra che ha bisogno di conoscersi più a fondo...
Restando a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento o informazione, la saluto cordialmente.
Dott.ssa Verusca Giuntini

Dott.ssa Verusca Giuntini Psicologo a Firenze

116 Risposte

104 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Caro Ivan,
dal tuo racconto traspare una grande sofferenza per questa situazione complicata. Mi dispiace molto...
Io credo che le esperienze negative vissute in compagnia delle donne (fossero esse colleghe, amiche o compagne) hanno lasciato in te una traccia molto profonda, difficile da accettare ed elaborare. Proprio la sofferenza che provi a seguito di queste esperienze negative con il sesso femminile ti fa trarre la conclusione a cui sei giunto tu: ogni donna, di qualsiasi età, ti guarda con disprezzo.
Io credo che affidandoti ad un professionista ed iniziando un percorso psicologico che possa approfondire anche aspetti del tuo passato, ti sarà di grande aiuto nel ridimensionamento di questa tua percezione.
Resto a tua disposizione per ogni necessità e ti auguro tanta felicità!
Dott.ssa Federica Beglini

Dott.ssa Federica Beglini Psicologo a Milano

52 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Gentile Ivano,
ci saranno delle donne a cui certamente non piacerà, così come capita a tutti gli uomini (varia solo la percentuale in base a tanti fattori), e qui si potrebbe lavorare sull'accettazione e sulla reazione emotiva, sui vissuti correlati, sull'immagine che ha di sé. Poi ci saranno delle donne inizialmente neutre, alle quali la simpatia si può andare a creare in relazione ai modi reciproci di interagire, agli atteggiamenti, alla comunicazione. Probabilmente in quest'area c'è un margine di apprendimento e di crescita, e in entrambe le aree può esserle di aiuto lavorare con uno psicoterapeuta. Così come potrebbe essere utile lavorare al modo in cui guarda le donne, e in generale alla percezione del mondo femminile, la cui conoscenza può essere approfondita e arricchita. In tal senso, ricordo l'ormai citatissimo motto di Marcel Proust "Il vero viaggio di scoperta non consiste nel vedere nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi".
Le auguro un piacevole viaggio di scoperta.
Cordiali saluti
dott. Giovanni Iacoviello

Dott. Giovanni Iacoviello Psicologo a Bergamo

96 Risposte

80 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27750

domande

Risposte 95700

Risposte