Problema sessuale

Inviata da francesco. 19 mar 2012 32 Risposte

Ho un problema al organo genitale maschile se cosi possiamo dire ma non so a chi rivolgermi ms non voglio che i miei genitori sappiano niente per motivi personali.

Argomenti simili

32 Risposte

  • Miglior risposta

    Per prima cosa devi andare da un andrologo (o un urologo) che sono gli specialisti che possono valutare la natura del tuo problema. Solo dopo questa indispensabile diagnosi puoi rivolgerti ad un medico psicoterapeuta che ti potrà aiutare in relazione agli aspetti psicologici che evidentemente il tuo problema ti provoca.

    Pubblicato il 21 Marzo 2012

    Logo Studio Medico-Psicologico Dr. R. Battaglia

    4 Risposte

    13 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 11500 Psicologi a tua disposizione
    • 11600 Domande inviate
    • 55900 Risposte date
    • buona sera Francesco, non so come poterla aiutare se non dice nulla sul suo problema che potrebbe essere di vario genere e legato a cuse differenti.
      se il problema è di tipo organico le consiglierei di fare prima una visita specialistica da un adrologo o contatti il suo dottore di famiglia.
      cordiali saluti Dott.ssa Petrini Consuelo

      Pubblicato il 09 Gennaio 2014

      Logo Dott.ssa Petrini Consuelo

      30 Risposte

      8 Valutazioni positive

    • Egregio signor Francesco,
      pur non ben capendo quale problema sessuale accusa solitamente per tutte le disfunzioni della sessualitù pertinente è il sessuologo clinico. Di norma un laureato in psicologia o anche medicina preferibilmente con una specializzazione quadriennale in psicoterapia (in quanto qualsiasi percorso sessualogico è pur sempre un percorso terapeutico organizzato secondo metodologia clinica!. Dal momento che non esistono specializzazioni universitarie in sessuologia clinica è molto preferibile che il sessuologo clinico abbia conseguito comunque una formazione specifica dopo la propria laurea e conseguente abilitazione alla professione. Personalmente mi sembra più consona una formazione specifica in sessuologia clinica presso una universitù italiana. O un master oppure almeno un perfezionamento scientifico, comunque universitario, in sessuologia clinica.
      Infine: il sessuologo clinico al pari di un qualsiasi terapeuta sanitario (psicologo e medico) è tenuto strettamente a mantenere il segreto professionale: senza il consenso della persona curata non puà dire a nessuno (nemmeno ai genitori o altri parenti) né chi ha in cura né il motivo della cura
      dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a Udine (regione friuli venezia giulia)

      Pubblicato il 04 Gennaio 2014

      Logo Cav. prof. dr Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

      1088 Risposte

      1424 Valutazioni positive

    • Francesco, si rivolga senza imbarazzo al suo medico di base, saprà consigliarla a riguardo! Per quanto concerne i consigli "psi" i colleghi hanno ampiamente scritto chi si occupa di tali problematiche, la informo inoltre del fatto che alcuni consultori pubblici hanno, oltre alla possibilità di richiedere una consulenza psicologica, anche dei collegamenti, dei legami con andrologi ospedalieri. Provi a chiedere informazioni ai consultori della sua zona. Sapranno darle indicazioni preziose.
      Un saluto

      Pubblicato il 10 Luglio 2013

      Logo Dott.ssa Marcella Angioni

      239 Risposte

      204 Valutazioni positive

    • Salve Francesco
      I problemi sessuali sono molto piú diffusi di quello che lei può pensare, la cosa migliore da fare in questa situazione sarebbe innanzitutto consultare un andrologo per escludere qualsiasi causa organica, poi un terapeuta che l'aiuterà con il suo problema.
      Dott.ssa Petrini Consuelo

      Pubblicato il 30 Gennaio 2013

      Logo Dott.ssa Petrini Consuelo

      30 Risposte

      8 Valutazioni positive

    • Salve,
      i disturbi sessuali sono più diffusi di quanto si pensi e non c'è nulla di male a parlarne. A volte sono legati a specifici momenti di vita o età. Da quanto dice nella sua lettera ipotizzo che lei sia molto giovane e che quindi viva questa situazione con particolare vergogna e disagio, ma non c'è nulla di cui aver paura. E' difficile dargli consigli in quanto non descrive esattamente il tipo di problema che affronta e quando si presenta. Uno psicoterapeuta potrà aiutarla a affrontare la situazione senza imbarazzi.
      A presto

      Pubblicato il 11 Novembre 2012

      Logo Dott.ssa Serena Carnì

      51 Risposte

      23 Valutazioni positive

    • Anche io ho avuto una cosa simile

      Pubblicato il 06 Novembre 2012

      Anonimo
    • Buonasera francesco,

      come fa a dire che ha un problema? Cosa glielo fa credere?

      Pubblicato il 07 Giugno 2012

      Logo Dott.ssa Roberta De Bellis

      218 Risposte

      112 Valutazioni positive

    • Buonasera,
      inanzitutto parlarne con il suo medico di base che la indirizzerà sui primi esami diagnostici, es ecografia e successivamente potrà indirizzarla verso visite più specialistiche (es urologo, andrologo).
      é comprensibile il suo imbarazzo con i suoi genitori, ma con il suo medico di base potrebbe bypassare il problema di imbarazzo.
      Dott Piantanida

      Pubblicato il 03 Aprile 2012

      Logo Psicologia E Benessere

      279 Risposte

      126 Valutazioni positive

    • Buongiorno, il suo è un problema molto delicato le consiglio di cercare uno specialista adeguato al suo caso nell'Albo della Federazione di Sessuologia Scientifica dove ci sono vari esperti formati appositamente per questi aspetti ....
      Cordialmente Giuliana Guadagnini

      Pubblicato il 03 Aprile 2012

      Logo Studio Clinico

      21 Risposte

      9 Valutazioni positive

    • Gentile Francesco,
      le problematiche sessuali maschili, sono pertinenza dell'andrologo e del sessuologo clinico.
      Cordialmente
      Valeria Randone
      http://www.guidapsicologi.it/psicologi-drssa-valeria-randone-vpsicologi-120027.html

      Pubblicato il 28 Marzo 2012

      Anonimo
    • Gentile Francesco
      la Terapia Breve Strategica da me praticata può aiutare a risolvere problematiche come quelle da lei esposte, disponendo di specifici protocolli di trattamento collaudati con successo da decenni. Per conoscere il tipo di approccio che, in un'alta percentuale di casi e in un numero limitato di sedute, porta alla soluzione del problema, può trovare in internet esaustive informazioni.
      Cordiali saluti
      dott. Giuseppe Pecere

      Pubblicato il 27 Marzo 2012

      Logo Dott. Giuseppe Pecere
      Dott. Giuseppe Pecere Padova

      39 Risposte

      15 Valutazioni positive

    • Buon giorno, se il problema è di natura fisica può consultate un urologo se è di carattere psicologico un sessuologo. Dovrebbe descriverlo meglio.
      Cordiali saluti
      D.ssa Silvia Parisi

      Pubblicato il 27 Marzo 2012

      Logo Dr.ssa Silvia Parisi Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa Torino

      44 Risposte

      25 Valutazioni positive

    • Gentile signor Francesco, visto che si è rivolto ad un sito di psicologia le consiglio di sperimentare un colloquio con uno psicologo per far chiarezza nei suoi pensieri ed emozioni; puó rivelarsi un buon punto di partenza anche per suoi eventuali problemi sessuali. Un caro saluto! Dott.ssa Giovanna Ferro

      Pubblicato il 27 Marzo 2012

      Logo Dott.ssa Giovanna Ferro

      78 Risposte

      29 Valutazioni positive

    • ne parli al suo medico di base, e lui la indirizzerà da un'eventuale specialista! Dott.ssa Eva Scardone

      Pubblicato il 26 Marzo 2012

      Logo Dr.ssa Eva Scardone

      92 Risposte

      28 Valutazioni positive

    • salve Francesco, Le pongo io una domanda. Che aiuto sperava di ricevere presso un sito di psicologia?, ovvero il problema che lei riporta lo collega con altre difficoltà psicologiche? se crede che sia così contatti me o che preferisce, e si affronta in modo più articolato. grazie.

      Pubblicato il 26 Marzo 2012

      Logo Rosa Leonardi

      2 Risposte

    • Salve...da quello che si scrive si evince poco, rispetto al suo problema.Le consiglierei prima una visita medica specialistica presso un andrologo. Una volta capita la natura e l'origine del suo problema potrà decidere su cosa fare. Qualora si trattasse di un problema psicologico potrebbe consultare uno psicologo-sessuologo!!Cordiali saluti....

      Pubblicato il 26 Marzo 2012

      Logo Dott.ssa Angela Mancino

      4 Risposte

    • Le problematiche relative alla sessualità maschile, vanno risolte con l'andrologo e con il sessuologo clinico.
      Legga nel mio sito, troverà tanto materiale informativo.

      Dott.valeria Randone
      saluti

      Pubblicato il 26 Marzo 2012

      Logo Dr.ssa Valeria Randone

      4 Risposte

      1 Valutazione positiva

    • Gentilissimo come rilevato da alcuni colleghi lei non spiega il problema effettivo, ma è molto vago... Le consiglio pertanto una visita andrologica e urologica....per escludere eventuali problemi fisiologici curabili con una terapia farmacologica.
      Saluti. Dr.ssa Ilaria Calvani Prato

      Pubblicato il 26 Marzo 2012

      Logo Dr.ssa Calvani Ilaria

      14 Risposte

      5 Valutazioni positive

    • Caro Francesco,
      la sua domanda non è molto specifica, soprattutto perchè non ci ha fornito molte informazioni su di sè (età, lavoro, relazioni sociali, affettività, attività sessuale, orientamento sessuale, ecc.), ma la invito a fare delle prime riflessioni.
      E' un problema anatomico o fisiologico? Si tratta di un problema collegato alla sua emotività?
      Cosa la spinge a non voler far sapere nulla ai suoi genitori?
      Quando avrà le idee più chiare potrà contattare un andrologo o un sessuologo a seconda della problematica.
      Buona Giornata.
      Dr.ssa Mara Porcaro
      Psicologa, Psicoterapeuta, Sessuologa

      Pubblicato il 23 Marzo 2012

      Logo Dott.ssa Mara Porcaro

      18 Risposte

      6 Valutazioni positive

    • Caro Francesco, ti consiglio di rivolgerti ad un andrologo in modo tale da escludere in primis qualunque causa organica che potrebbe essere l'origine del tuo problema; una volta escluse le cause organiche sicuramente l'andrologo saprà indirizzarti da qualche collega sessuologo o psicoterapeuta per approfondire da un punto di vista psicologico.
      Dott.ssa Francesca Zoppi

      Pubblicato il 22 Marzo 2012

      Logo Dott.ssa Francesca Zoppi  Psicologa Psicoterapeuta

      112 Risposte

      145 Valutazioni positive

    • Caro Francesco,
      bisogna capire il tipo di problema a cui si riferisce.
      Se ritiene ci sia un problema più prettamente organico dovrebbe rivolgersi ad un andrologo, ma ancora prima sarebbe bene parlarne col proprio medico di base, lui è comunque tenuto al rispetto della privacy e quindi può chiedergli di tenere per sè le cose che gli sta dicendo. Lui la indirizzerà verso lo specialista più idoneo o verso gli accertamenti del caso.
      Se invece, ritiene che i suoi problemi siano più di tipo psicologico, allora deve rivolgersi ad uno psicoterapeuta, fare un consulto e guardare meglio la sua situazione.
      C'è da dire che l'uno non esclude l'altro, nel senso che se anche ci fosse un problema organico, la componente emotiva è comunque in primo piano. Non solo perchè psiche e soma si influenzano a vicenda, ma anche perchè se ci fosse un problema somatico, affrontarlo con serenità migliora l'efficacia del percorso terapeutico e del grado di risoluzione, da non sottovalutare anche la reazione emotiva inevitabile alla malattia organica.
      Inoltre, è sempre molto difficile stabilire dove inizia l'una componente e dove l'altra.
      In aggiunta, mi verrebbe da chiederle "Perchè non desidera che i suoi genitori sappiano?"
      Cosa c'è di così terribile o vergognoso da non poter dire?
      Credo che loro potrebbero esserle di sostegno e se anche così non fosse, non vedo perchè si debba nascondere.
      In bocca al lupo!

      Sabrina Costantini

      Pubblicato il 21 Marzo 2012

      Logo Sabrina Costantini

      116 Risposte

      141 Valutazioni positive

    • Gentile Francesco nella sua richiesta non sono specificati nè l'età nè il tipo di problema nello specifico, elementi fondamentali per rispondere meglio alla sua richiesta. Intanto per cominciare potrebbe consultare un urologo per escludere cause fisiologiche e subito dopo uno psicologo. Rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento.

      Pubblicato il 21 Marzo 2012

      Logo Dott.ssa Loredana Galati
      Dott.ssa Loredana Galati Santa Cesarea Terme

      13 Risposte

      8 Valutazioni positive

    • Gentile signor Francesco nella sua richiesta non è specificato quanti anni ha e il tipo di problema nello specifico, elementi fondamentali per darle un suggerimento più utile. Per iniziare può consultare un urologo per escludere cause di natura fisiologica e successivamente uno psicologo. Resto a sua disposizione per qualunque chiarimento.

      Pubblicato il 21 Marzo 2012

      Anonimo
    • Buongiorno Francesco, é difficile dare una risposta alla sua richiesta, ha fornito davvero pochi elementi, tuttavia le posso dare una informazione: se crede che il suo problema sia di ordine medico, può rivolgersi in prima battuta al suo medico di base, chiedendogli di non raccontare nulla dell'incontro ai suoi genitori. Se invece crede che sia un problema che interessa anche la sfera psicologica può rivolgersi ad uno psicologo. Tenga presente che se lei è minorenne, per affrontare un percorso di terapia sarà necessario il consenso scritto di entrambi i genitori, il terapeuta però è tenuto comunque al segreto professionale. Buona Giornata.

      Pubblicato il 21 Marzo 2012

      Logo Centro Gestalt Psicoterapia e Psicosomatica Integrata

      7 Risposte

      5 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande