Problema con la mia fidanzata

Inviata da Ciro · 24 set 2021

Buongiorno, sono un ragazzo qualsiasi che ha da poco compiuto 26 anni e che da qualche tempo sta vivendo una burrascosa situazione con la propria ragazza. Premessa, si tratta di una relazione a distanza in cui ci si può vedere poche volte per via di motivi logistici e personali.
In buona sostanza, io e questa ragazza siamo molto innamorati, solo che nell'ultimo periodo ci sono stati innumerevoli problemi causati da quella iena di sua madre: essendo io stato loro ospite per 2 volte di fila, mi è stato infatti recriminato (Non dalla madre, ma dalla mia stessa ragazza) di essermi comportato come uno scroccone, non avendo mai offerto niente quelle volte in cui si usciva (Volte che si limitavano agli acquisti per il cibo, oltretutto: in periodo covid non è proprio una buona idea andarsene in giro), non essendomi presentato con un regalo e soprattutto sminuendo le cose che da ospite mi offrivo di fare, come appunto occuparmi di faccende domestiche e simili (Cosa che dalle mie parti è impensabile, per un ospite: le volte che ho ospitato io qualcuno non ho MAI lasciato che un ospite si occupasse di faccende domestiche, proprio perchè vedendosi per un tempo limitato mi sembrava assurdo). In buona sostanza mi son sentito svilito e i miei gesti è come se fossero stati dati per scontati.
Non solo, la madre ha evidenti problemi comportamentali e relazionali, ma si rifiuta di vedere un professionista e la figlia, pur essendone consapevole, ha già detto che tanto da uno psicologo non ci andrà MAI, quindi in soldoni sarò solo io a dover rimediare ai miei errori mentre la madre potrà continuare a convivere con questo suo comportamento disgustoso (Per riassumere: sparla di me alle mie spalle perchè è una vigliacca che non sa affrontarmi, dato che sa perfettamente che la rimetterei al suo posto. In più si permette di avere da ridire sulla vita sessuale mia e della mia ragazza, arrivando a frugare nei miei bagagli per cercare cose come preservativi e simili) senza fare alcunchè. In terapia non ci andrà mai, lo ha già detto, quindi per quanto lei dica che le responsabilità sono di entrambi, sarò soltanto io a dover smazzarmi il dover cambiare qualcosa mentre sua madre si arrogherà il diritto di non fare niente.
Mi domando a che serva che io faccia tutto in ottica di piacere a sua madre se poi tanto lei continuerà ad essere la classica persona viscida e squallida.
Aggiungo anche un particolare: la figlia non può attualmente andarsene di casa per questioni economiche e anche se potesse mi ha già detto che non sa se lo farebbe perchè per lei non avrebbe senso.
Mi sento deluso ed amareggiato e non so davvero cosa fare: per lei io sono disposto a mettere da parte il mio orgoglio e a fare quel che devo fare per recuperare la situazione essendo ancora innamorato, ma che senso ha farlo in funzione di una persona, la madre, che tanto rimarrà ancorata alle sue convinzioni da malata di mente?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 SET 2021

Buongiorno Ciro,
Ho letto con molta attenzione quanto hai scritto e mi spiace per la situazione difficile e faticosa che stai vivendo. La rabbia che provi, e che emerge con forza già da queste poche righe che hai scritto, nasce probabilmente da un rapporto madre-figlia molto invischiato. Mi ha colpito quando hai scritto: "Mi domando a che serva che io faccia tutto in ottica di piacere a sua madre". Trovo che vi sia da parte tua questa importante consapevolezza: cercare di cambiare gli altri è tanto faticoso quanto inutile, e credo che tu lo abbia imparato sulla tua pelle. Non devi lavorare per piacere di più alla madre, per risolvere i suoi problemi, né per sciogliere i nodi famigliari della tua ragazza. Il tuo obiettivo è salvare e rinforzare il rapporto con lei. Partirei allora dal domandarmi come mai ti sei posto questo obiettivo, come ti senti immerso in queste dinamiche, quali strategie hai adottato e quali puoi adottare.
Spero di esserti stato utile e nel caso rimango a disposizione, anche online
Un caro saluto

Dott. Simone Ivoli Psicologo a Torino

14 Risposte

38 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2021

Buongiorno Ciro, è evidente l'insofferenza verso la madre della tua ragazza, ma soprattutto l'amore che provi nei suoi confronti.
Hai tutto il diritto di essere arrabbiato dalla mancanza di rispetto e di privacy a cui sei stato soggetto, frugare nella borsa di un ospite significa sorpassare dei limiti personali.
Comprendo come ti possa sentire deluso e amareggiato nel non sentirti compreso e sostenuto dalla tua ragazza che sembra aver difficoltà ad essere obiettiva nei confronti dei comportamenti avuti dalla madre. E' per lei difficile vedere i lati negativi della sua famiglia, della madre in particolare, con cui sembra avere un rapporto invischiato. Su questo rapporto tu non puoi far nulla, starà alla tua ragazza lavorarci per rendersi indipendente dalla madre, quando ne troverà il senso (dato che per ora non lo trova per uscire di casa).
Quello che tu puoi fare è comunicare a lei ciò che hai provato, come questa situazione ti sta facendo sentire, e quali sono le tue paure per il vostro futuro. Parla con lei del vostro rapporto, tenendo il discorso sulla madre da parte per concentrarvi sul vostro benessere.
Per qualsiasi cosa rimango a disposizione in privato.

Dott.ssa Gerolla Sara Psicologo a Castrezzato

11 Risposte

4 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2021

Buongiorno Ciro, da quanto leggo mi sembra che tu non ti sia messo in una bella situazione, inoltre vedo che hai già realizzato l'inutilità dei tuoi eventuali sforzi. Penso che siate molto distanti per mentalità e punti di vista tu e questa ragazza (inclusa la sua famiglia).L'unica cosa che ti lega a lei è il fatto di esserne innamorato. Ma l'innamoramento può finire; inoltre non avete modo di frequentarvi e dunque di conoscervi a 360 gradi per capire se siete fatti per stare insieme oppure no, anche se già questo inizio non mi sembra idilliaco. Ti invito a prendere tempo e a riflettere sulla tua scelta. Un caro saluto d.ssa Antonella Ricci.

Dott.ssa Antonella Ricci Psicologo a Tivoli

159 Risposte

57 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Carissimo Ciro,
la mia sensazione è che tu stia venendo risucchiato dal rapporto invischiante che unisce la tua fidanzata alla madre.
La "prognosi" di una relazione come la vostra è, in genere, difficilmente positiva. Il rischio che corri è quello di finire per accettare una condizione di fondamentale subalternità all'interno della coppia (verrebbe da dire della triade), che finirebbe col soffocarti.
A mio avviso, avresti bisogno di capire cosa sei realmente disposto a fare e ad accettare pur di stare con lei. Un lavoro non da poco...
Ti auguro consapevolezza e serenità.
Alessandro Luce

Dott. Alessandro Luce Psicologo a Roma

5 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Buongiorno Ciro,
mi dispiace per la situazione che stai vivendo, è tangibile il fatto che questa ti stia arrecando conflitti interni e malessere (che ti consiglierei comunque di affrontare in un percorso di terapia, per comprendere meglio te stesso ed i tuoi reali bisogni, anche all'interno di questa situazione difficile).
Spesso le relazioni che viviamo sono inficiate da relazioni precedenti e primarie, relative principalmente alle figure genitoriali, in questo caso abbiamo, probabilmente, una madre intrusiva e una figlia che per assecondare le richieste esterne della madre non considera i propri reali bisogni interni, divenendone succube.
Le relazioni sono però dinamiche e ognuno di noi, assumendo coscienza reale di ciò che sta' vivendo e consapevolezza di sé e degli altri, può modificare il suo modo di agire, con coraggio e determinazione.
«Poco importa sapere dove l'altro sbaglia, perché li non possiamo fare niente. Interessante sapere dove sbagliamo noi stessi.
Perché li si può fare qualcosa...» (C.G.Jung).
Nella speranza di aver prodotto in te utili riflessioni resto a disposizione,
un caro saluto.
Dott.sa Morgana Serafini

Dott.ssa Morgana Serafini Psicologo a Sora

4 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Caro Ciro, la realtà di fronte alla quale ti trovi è complessa. La donna che ami è anche quella che ti muove delle critiche (a tuo parere ingiuste). La donna che ami è anche quella che patteggia per sua madre e non per te. Una domanda utile che ti puoi porre è: "alla luce di ciò, che altri sentimenti provi verso la tua ragazza?". Alla luce dei sentimenti misti che provi verso la tua ragazza come puoi sollevare la questione con lei? Il mio consiglio è: 1) parlane con la tua ragazza, non entrare in merito di come ti sei comportato quando eri da lei, ma discuti piuttosto con lei COME TU TI SENTI per il fatto che di fronte al fatto che sua madre ce l'ha con te, lei patteggia molto più per lei "abbandonando te"; 2) rimani nell'ottica di come la situazione sia un problema interiore per te, il problema ce l'hai tu, di fronte al fatto che la donna che ami è anche quella che si schiera contro di te, TU soffri.
Battersi per se stessi e contemporaneamente dimostrare il proprio amore d una persona (la tua ragazza), può generare molta ansia: se hai bisogno di una mano, sono disponibile.
Spero troverai utili le mie parole.

Dott. Salvatore Isaia Psicologo a Padova

10 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Buongiorno Ciro,
queste situazioni scatenano nel nostro interno una serie di conflitti e perplessità cui dover far fronte. E' importante che lei tenga nella mente che le persone scelgono di intraprendere un percorso a seguito di una motivazione forte e intrinseca, la sola che può spingerci a dei cambiamenti, che talvolta avvengono col tempo.


Resto disponibile qualora ritenesse un consulto privato.
Un cordiale saluto

Dott.ssa Falconieri Luisa Giada

Dott.ssa Luisa Giada Falconieri Psicologo a Bologna

27 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Buongiorno Ciro,
Seguo con attenzione ciò che riporti.
Mi dispiace per il disagio che stai attraversando a causa di questa situazione.
Starà alla tua ragazza voler uscire da questo vincolo.
Tu potresti farke accorgere di ciò a livello empatico ma poi la situazione dovrà interiorizzare e cercare lei di uscirne fuori.
Pertanto vi è ti consiglio una terapia individuale e di coppia.
Resto a disposizione anche online se vorrai un supporto emotivo.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1136 Risposte

326 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Buongiorno Ciro,
Comprendo il conflitto interno che ti sta recando un disagio importante. Si tratta di una madre intrusiva e di una figlia succube, non svincolata.
È importante che tu abbia il coraggio di guardare la situazione reale e non quella ideale (la tua ragazza senza mamma) che ti fa sperare di poter cambiare le cose. Le persone cambiano solo se decidono interiormente di farlo e mettono i mezzi concreti per farsi aiutare.
Resto a tua disposizione e ti auguro il meglio
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

701 Risposte

413 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19050

psicologi

domande 30600

domande

Risposte 105050

Risposte