Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Problema con il cibo?

Inviata da adelia il 13 feb 2014 Bulimia

Buonasera,
la mia storia è lunga e difficile da riassumere qui,ma ci proverò. All'età di circa 9 anni, improvvisamente,ho iniziato ad avere problemi col cibo,nel senso che non riuscivo a mangiare e se mi costringevano vomitavo, ma non perchè non volontariamente,era una cosa spontanea,non riuscivo a trattenermi. Questo periodo ,tra alti e bassi, è durato circa due anni,e sono stati anni pesanti,mi hanno visto degli psicologi,mi etichettavano come anoressica,ma nessuno ha mai capito il problema. Poi improvvisamente il problema è passato e io sono tornata a una vita serena,cosi come i miei genitori.
E' andato tutto bene fino ai miei 20 anni,quando ho iniziato ad avere gli stessi problemi,e ora ho 24 anni,e questi problemi vanno e vengono,cioè se sono ansiosa non riesco a mangiare...questo capita spesso quando torno a casa dalla città dove vivo per motivi di studio. Vedo comunque una psicoterapeuta da 2 anni e mezzo e il problema va un pò meglio...però ne è sorto uno nuovo. Da dicembre ho paura di diventare anoressica,perchè comunque ci tengo molto al corpo,sono magra(ma non sottopeso) e mi piaccio e penso spesso alcibo a cosa mangiare, ma non calcolo mai le calorie, non faccio sport eccessivo,anzi quasi per niente, e se ho voglia di una cosa più calorica ogni tatno la mangio senza troppi problemi. Ma dato che a dicembre mi sono messa a dieta per perdere un paio di kili prima delle feste pur essendo abbastanza magra(51 kg) e molti mi hanno criticata e da allora sono andata in crisi perchè ho paura di entrare in quel tunnel,adesso per esempio ho letto alcune domande qui sul sito, e una ragazza descriveva una situazione simile e alcuni hanno detto che potrebbe soffrire di disturbi alimentari e io ora ho molta paura. La mia terapaeuta dice che non ne soffro,secondo voi?che pensate?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Giulia,
in situazioni critiche come la sua conviene affidarsi alla psicoterapeuta di sua fiducia che la conosce molto di più di quanto si può conoscere una persona a distanza
paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1554 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!


Non deve essere facile aver vissuto in questa situazione, si prenda del tempo per capire al meglio le sue esigenze. Le consiglio di chiedere il supporto ad un collega cognitivo-comportamentale per ritrovare al meglio l'equilibrio.
Un saluto
Dott.ssa Ilaria Albano
Psicologa a Roma

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologa Psicologo a Milano

269 Risposte

314 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile ragazza,
si fidi di ciò che la sua terapeuta afferma. La conosce di persona ed ha presente la sua storia e le sue motivazioni. I disturbi alimentari, in particolare l'anoressia, sono caratterizzati da un'intensa paura di ingrassare e da una vera e propria ossessione per il cibo e per il corpo.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

368 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Sembra che lei stessa descriva dei problemi alimentari..però ha paura di usare questi termini.non so che tipo di lavoro terapeutico sta facendo,ma la invito a leggere il sintomo come una manifestazione di un malessere che ha origine in altro (che il cibo,il corpo): pensi al sintomo come una reazione individuale a dinamiche familiari,relazionali..come un malessere psichico che emerge attraverso il fisico.
Domingo Valentina

Dott.ssa DOMINGO VALENTINA Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

3 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Giulia, cerca di stare serena, continua a lavorare sulle radici profonde del tuo problema con il nutrimento e fidati della tua psicoterapeuta. Lei ti conosce e sa meglio di chiunque altro quali sono le caratteristiche del tuo problema. La paura di cadere in un "disturbo" implica di per sè una buona riflessività e auto-consapevolezza. Se però la tua paura è così forte parlane in terapia per affrontarla e scioglierla. In bocca al lupo!

Dott.ssa Laura Ucciardi Psicologo a Palermo

18 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Giulia,
come mai se è in cura da due anni e mezzo si pone un problema che dovrebbe condividere solo con il suo curante? Il problema del controllo e della fiducia è centrale in una terapia che dovrebbe risolvere il disturbo d'ansia, Lei sente che la sua fiducia nel suo terapeuta è ancora attiva? Ne parli con il suo terapeuta e vedrà che riuscirà a trovare le risposte che cerca.
Cordialmente

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Bulimia

Vedere più psicologi specializzati in Bulimia

Altre domande su Bulimia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77850

Risposte