Problema al colon legato ad un fattore psicologico

Inviata da Maria · 21 ago 2013 Disturbi psicosomatici

Salve, sono una donna di 44 anni. Dopo l ultima gravidanza, all'età di 29 anni, ho iniziato a soffrire di crisi d'ansia che mi causavano tachicardia, crampi allo stomaco e dolori intercostali. Con il tempo la situazione si è aggravata colpendo il colon. Oggi se devo uscire di casa mi faccio prendere dall'ansia perché so di non poter avere un bagno a disposizione quindi prima di uscire sono costretta ad andare due o tre volte in bagno, mentre se rimango in casa non ho alcun problema. I medici mi hanno detto che soffro di colon irritabile e che questo malessere è solo causa di una questione psicologica. Non so realmente quali siano le mie paure ma appena penso di uscire, mi vengono dei forti crampi allo stomaco e sono costretta ad andare in bagno. Devo cercare di risolvere questo problema perché non ho mai lavorato e forse fra qualche mese dovrei iniziare ma come faccio se mi vengono questi attacchi? Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte e spero che queste possano aiutarmi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 AGO 2013

Gentile Maria, i disturbi intestinali ed al colon sono una delle molte e frequenti forme di somatizzazione di un disagio personale di tipo psicologico.
Quanto più c'è consapevolezza dei propri conflitti interiori, li si conosce, li si elabora ed affronta, tanto più si raggiunge equilibrio e benessere psico-fisico.
Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta della sua zona ed iniziare un percorso di trattamento.
Cordiali saluti.

Dott. Luca Cometto, Psicologo, Psicoterapeuta Psicologo a Torino

31 Risposte

176 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 AGO 2013

Cara Maria poichè hai escluso cause di origine fisiologica per il malessere credo che sia importante capire quale è l'origine psicologica che lo determina. Pancia e mente sono in stretto collegamento e trascurando il sintomo hai anche trascurato la tua parte interiore che ti comunicava che qualcosa non andava per il verso giusto. Come hanno già fatto i colleghi che mi hanno preceduta nella risposta ti consiglio di rivolgerti ad uno psicoterapeuta che ti aiuti a tirare fuori ciò che ti crea sofferenza. E' come se tu riversassi sul tuo corpo questioni interiori che possono uscire e liberarti dalle catene che ti tengono in casa. Intraprendere un percorso terapeutico ti aiuterà molto.
Buon lavoro.
Studio di psicologia di Corso Vittorio

Studio Di Psicologia In Corso Vittorio Psicologo a Torino

124 Risposte

57 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 AGO 2013

Gentile Maria,
sarebbe importante capire l'origine della sua ansia, tanto più perchè sembra dalle sue parole una condizione che si è stabilizzata nel tempo, nonostante abbia preso forme differenti nel corso degli anni. Senza dubbio una valutazione psicodiagnostica e una psicoterapia le possono essere d'aiuto nel rispondere a questa domanda e nel superare il forte disagio che vive. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

470 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

buongiorno Maria
le consiglio di intraprendere una psicoterapia psicodinamica per capire e superare sua ansia.

cordiali saluti
dott.ssa Manuela Vecera

Dott.ssa Manuela Vecera Psicologo a Torino

131 Risposte

143 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

La gravidanza è sempre un momento delicato che in alcune donne può lasciare (per vari motivi) disagi di natura psicologica o più strettamente medica. Da quello che racconti sembra che tu hai trascurato alcuni sintomi che potevano essere la spia di un ansia nascente e che oggi questa ansia si stia sempre più radicando non solo nel tuo corpo (vedi i vari disagi fisici) ma anche nella tua vita sociale (ti stai chiedendo se ce la farai a stare lontana da casa , non solo per il problema del bagno ma anche per il disagio legato ad un tuo non sentirti a tuo agio in mezzo alle altre persone). Chiedi aiuto ad uno psicoterapeuta che ti può aiutare a capire realmente cosa si nasconde dietro a tutta questa ansia e soprattutto ti può sostenere in questo momento delicato evitando che i tuoi sintomi possano prendere ulteriore spazio nella tua vita, limitandoti.

Dott.ssa Elena Arestia Psicologo a Perugia

16 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

Buongiorno gentile Maria,
il momento in cui interverrà con una terapia psicologica, vedrà piano piano ristabilirsi il suo equilibrio. E' opportuno intraprendere anche una adeguata dieta e "rieducare" il colon sottoposto al circolo vizioso di numerose sortite in bagno. Le tecniche di rilassamento sono molto efficaci, da abbinare comunque ad una psicoterapia.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2824 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

Cara Maria,
lei assolutamente deve seguire una terapia psicologica, con l'aiuto di cui risolverebbe il suo disaggio. L'ansia e i attacchi di panico potrebbero peggiorare se si lasciano non curati a lungo. Parlando con lo specialista anche a distanza /ci sono tanti psicologi che lavoriamo on-line/ l'ha aiuterebbe a capire sè stessa e da dove provengono i suoi disturbi, visto che non cè da punto di vista medico è tutto aposto.
Buona fortuna

Dott.ssa Stoyanka Georgieva Psicologo a Omegna

225 Risposte

140 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

Gentile Signora Maria,
mi associo al consiglio unanime dei colleghi che mi hanno preceduta: il colon irritabile è un segnale somatico, fisico, di un disagio di natura psicologica, che si manifesta anche attraverso le forme ansiose che lei descrive. Quindi va affrontato da questa prospettiva. Le suggerisco le tecniche di rilassamento, il biofeedback e un intervento di sostegno psicologico di tipo cognitivo-comportamentale. Questi approcci possono essere inoltre efficacemente combinati tra loro.
Cordiali saluti,
Dott.ssa Maria Cristina Zunino

Dott.ssa Maria Cristina Zunino - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Genova

19 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

Gentile Sig. Maria

Visto che gli specialisti e gli esami clinici non hanno evidenziato cause organiche, ma psicologiche al suo disturbo, sarebbe indicato che lei si rivolgesse ad uno psicologo per farsi aiutare a superare questo disagio prima che possa andare ad intaccare (se non affrontato) altre aree della sfera relazionale/sociale/professionale.

Cordialmente

Dott. Stefano Becagli Psicologo a Milano

12 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

Carissima la sua espressione fisica nasconde sicuramente un malessere interiore che andrebbe indagato a fondo per capire qual'è il problema. Spesso questi sintomi sono segnali che il corpo ci dà per difenderci da eventi che non abbiamo elaborato. Le consiglio pertanto di recarsi da uno psicologo per approfondire
Cordialmente dott. D'Acunto

Dr. D'Acunto Michele Psicologo a San Martino Siccomario

8 Risposte

2 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 AGO 2013

Cara Maria, le indicherei di rivolgersi a un terapeuta emdr che usi anche tecniche di rilassamento. Cordialmente, dr. Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

712 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi psicosomatici

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi psicosomatici

Altre domande su Disturbi psicosomatici

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85650

Risposte