Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Potete darmi qualche spiegazione sulla mia ansia?

Inviata da Giorgia il 23 nov 2015 Ansia

Salve scrivo qui per avere delle risposte e delle rassicurazioni! Soffro d'ansia da qualche tempo oramai. Inizialmente prendevo medicinali, ora non più. Le cose vanno abbastanza meglio dal punto di vista di attacco di panico. Ma l'ansia in se per se no. Ora si presenta con dolori. Essendo una persona ansiosa e paurosa ho davvero paura di avere qualcosa. Mi prendono dolori al braccio. Al petto. Nodo alla cola come se non respirassi. E vado in confusione. Non parlando del mal di testa. Penso sempre sia qualcosa di brutto. Che dovesse succedermi qualcosa da un momento all'altra. Ho paura e sono in agitazione tutto il giorno, mi sento tesa costantemente e sono rare le volte che riesco a rilassarmi. Cosa può succedermi?? Ho paura. Attendo risposta. Ps. Sono una ragazza di 21 anni

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Salve Giorgia,
immagino che prendeva medicinali perché cause organiche-mediche fossero state escluse. Al di là della rassicurazione che cerca che non le succeda niente di grave a livello fisico, quindi, mi domandavo se davvero saresti disposta a continuare a vivere con questi “attacchi” di ansia.
Non comprendo il motivo di questa scelta, se così dovesse essere.
A parte i farmaci, indubbiamente utili in alcuni casi, sarebbe il caso di abbinare ad essi una psicoterapia, per agire direttamente sulla causa del disturbo. Hai 21 anni, perché trascinarsi ancora simili problematiche quando potresti intervenire per far sì che non si ripresentino?
Quelli che descrivi, accertato che non siano implicate questioni mediche, sono sintomi di ansia spaventosi, ma come tali potrebbero essere trattati all'interno di un percorso personale di conoscenza di se stessi e di crescita. E fare quindi in modo di cominciare a gestire l’ansia in maniera diversa. Pensaci…

Buona fortuna,
Michela Vespa

Dott.ssa Michela Vespa Psicologo a Roma

74 Risposte

293 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Giorgia
ti consiglio di trovare un bravo psicoterapeuta che possa insegnarti il Training Autogeno di base di J.H. Shultz che ti servirebbe a migliorare di molto il tuo stato psicofisico.
Tieni presente che questa tecnica è considerata la migliore per la gestione dell'ansia e anche per le tante paure a carattere psicofisico che mi sembra tu abbia.
Non perdere il coraggio e la voglia di migliorarti, molto puoi fare in questo senso.
Un caro Augurio Dott Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6778 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giorgia,
il suo post ci dà ancora una volta la possibilità di ribadire che per curare i disturbi di ansia è da preferire la psicoterapia, utile strumento per raggiungere una condizione di ristrutturazione cognitiva, ai farmaci ansiolitici che possono sviluppare stati di assuefazione, tolleranza e dipendenza e non rappresentano una cura definitiva.
Dopo aver escluso patologie organiche, le sue preoccupazioni ipocondriache sono sintomi che scompariranno quando, con la psicoterapia raggiungerà un miglior livello di autostima e pertanto anche una maggiore fiducia nel funzionamento del suo corpo nonostante la complessità degli organi e apparati.
Lei, proprio perchè giovane e con tutta una vita da vivere ancora, dovrebbe capire che è quasi doveroso decidere di intraprendere un percorso di psicoterapia per liberarsi da questi fastidiosi sintomi e migliorare la qualità della vita medesima.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6673 Risposte

18711 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Giorgia, credo che abbia fatto le dovute indagini ed analisi mediche. Se, come credo, l'esito è stato negativo significa che le cause dei Suoi disturbi non sono organiche ma psicologiche. Va da sè che il consiglio è di rivolgersi a un bravo psicoterapeuta con cui si senta a Suo agio. Con il suo aiuto potrà risolvere le Sue sofferenze. Cordialmente. Dr. Marco Tartari - Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

713 Risposte

417 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

I sintomi che descrive sembrerebbero effettivamente quelli "classici" dell'attacco di panico.

Se ha escluso comunque le cause organiche, la terapia che si utilizza è la psicoterapia e/o le tecniche psicologiche di contenimento degli attacchi.

Vi sono diversi approcci, ma di solito si agisce su due fronti:
da una parte si insegnano al soggetto delle tecniche pratiche per contrastare e gestire gli attacchi;
dall'altra si va alla fonte del problema, che per gli psicologi ha origini e motivazioni ben precise.

Si insegna inoltre a identificare i momenti precedenti l'attacco, mostrando che esiste una matrice comune per tutti gli episodi.

Le sconsiglio un contatto online per questo tipo di terapia.

Le consiglio invece di recarsi da uno psicologo psicoterapeuta specializzato per questo problema, che è molto più comune nella popolazione di quanto non si creda.
I miei migliori auguri.
Dott.ssa Anna patrizia Guarino - Psicologa, Roma.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

241 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

A me appare evidente che ti sei avvalsa di rimedi palliativi anche al di là dei farmaci.
Quindi, anche se riesci a controllare il panico, ti resta la cosiddetta 'paura della paura', un'ansia che solitamente viene somatizzata. E' il corpo stesso, attraverso il quale si esprime la tua zona inconscia, a supplicarti di fare qualcosa di adeguato.
Soltanto affiancando ai palliativi, di cui poi si deve fare senza, con una seria e pur breve psicoterapia potrai incanalare le tue attuali tensioni in modo creativo. Auguri, e se hai capito, buon lavoro

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

623 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sig.na Giorgia mi congratulo con lei perché non soffre piu di attacchi di panico, anche se lei continua a sentirsi costantemente in tensione..Questo stato di tensione a lungo andare crea nel suo corpo una sintomatologia dolorosa che indica un fluire non equilibrato della energia vitale nelle varie parti del corpo e nei suoi organi, creando cosi la sensazione di disagio e di dolore. Il suo corpo è sano e i suoi organi hanno solo il compito di segnalare una tensione e un disagio psicologico. Potrebbe essere utile nel suo caso fare degli esercizi di consapevolezza e meditazione e il training autogeno, mentre durante le sedute di psicoterapia si cominceranno a delineare i problemi e i conflitti che sono alla base di questa tensione continua.
Le auguro pronta guarigione.
Dott.ssa Pulvirenti

Dott.ssa Carmela Pulvirenti Psicologo a Catania

32 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Giorgia,
per essere più tranquilla perché non vai a fare una visita medica, escludendo fattori fisiologici potrai affrontare i tuoi problemi con una psicoterapia.
L'ansia come ben sai si manifesta anche con sintomi fisici. La spiegazione che cerchi deve essere contestualizzata all'interno di un percorso terapeutico. Questo ti aiuterà a trovate una soluzione asintomatica e un contatto con il tuo desiderio.
Ti consiglio un analista lacaniano.

Un caro saluto
Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

383 Risposte

424 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giorgia,

come avrà potuto appurare in prima persona il trattamento farmacologico dell'ansia è soltanto sintomatico e non curativo. Assumere i farmaci, quindi, le ha permesso di attenuare i sintomi, sebbene il suo modo di pensare ansiogeno e le sue preoccupazioni ipocondriache siano rimaste invariate. Se lei non porrà rimedio attraverso un trattamento psicologico (le consiglio quello di stampo cognitivo-comportamentale) queste "paure" potrebbero invadere anche altri campi e limitare maggiormente le sue funzionalità di vita. Oltretutto i sintomi potrebbero aumentare di intensità. Le consiglio ovviamente di porre rimedio, difficilmente le rassicurazioni dei medici e le indagini cliniche sul suo stato di salute organica riusciranno a tranquillizzarla. A disposizione per la provincia di Roma e Latina.

Un caro saluto

dott.ssa Silvia Picazio
psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
Roma-Latina

Dott.ssa Silvia Picazio Psicologo a Roma

343 Risposte

122 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giorgia leggendo ciò che scrive mi sono chiesto quali fossero le circostanze in cui si presenta la sua ansia, se vi sono precisi momenti momenti della giornata, dei luoghi o delle persone con le quali i sintomi sono più accentuati.
L'ansia é qualcosa che appartiene a tutti noi e con cui dobbiamo convivere, in determinate circostanze (diciamo di "pericolo") l'ansia ê funzionale poiché rende "reattivo" il nostro organismo e ci prepara all'azione. Tuttavia la continua "attivazione" dell'organismo anche in circostanze che non lo richiederebbero può portare stress e predisposizione alla malattia.
In suddette circostanze sarebbe utile un percorso psicologico in cui le viene data la possibilità di conoscere meglio le motivazioni e le circostanze in cui si presenta maggiormente la sua ansia, allo scopo di interpretarla e renderla un' "alleata" funzionale alle esperienza di vita.
Un saluto.

Dr. Alessandro Leonti Psicologo a Napoli

8 Risposte

3 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Giorgia,
da ciò che scrivi mi pare di capire che tu soffra da un po' di tempo di un disturbo d'ansia per il quale avevi ricevuto un trattamento farmacologico che però ora hai sospeso : sarebbe utile sapere perché sia stato interrotto e quali siano stati gli eventuali benefici che tu possa averne tratto. Gli attacchi di panico dunque sono più gestibili ma permane un senso costante di ansia, che si caratterizza con quelle che vengono chiamate "preoccupazioni ipocondriache", ossia inerenti all'integrità e al corretto funzionamento del corpo.
Più che rassicurarti -cosa che certamente hanno fatto gli amici o i familiari interessati alla tua salute- vorrei renderti noto che, per quanto lo stato di ansia possa essere elevato, i sintomi che manifesti non corrispondono a un reale malfunzionamento del corpo, ma ad una risposta di allerta in uno stato di tensione costante. Tanto più è presente la preoccupazione per l'ansia, tanto più il corpo si manifesta con "allarmi" strani e in continuo cambiamento.
Se può aiutarti a stare più tranquilla, puoi parlare con il tuo medico curante riguardo al tuo stato di salute. Dal punto di vista psicologico invece, penso sia utile immaginare il panico e i correlati ansiosi come messaggi che ci vengono inviati al corpo poiché non ascoltati e accolti dalla mente. Dare loro un senso ed una forma permetterebbe una libera espressione delle emozioni e da ciò, auspicabilmente, un progressivo scioglimento dello stato ansioso nel tempo.
Un saluto

Dott. Alberto Idone Psicologo a Torino

28 Risposte

100 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19800

domande

Risposte 79150

Risposte