posso superare i miei traumi?

Inviata da Maria · 15 mar 2018 Bullismo

sono una donna di 25 anni che vive in uno stato di sconforto. Tutto è cominciato quando andavo alle medie, i ragazzi mi infastidivano e mi insultavano. Pensavo che il tutto si sarebbe risolto con il passaggio al liceo, ma la situazione è addirittura peggiorata. Mi hanno umiliata, hanno insultato il mio aspetto ripetutamente e mi hanno isolata. Ho cambiato classe più di una volta ma sono sempre stata discriminata. In seguito mi sono iscritta all'università e nonostante fossi cordiale e disponibile, la maggior parte delle persone mi ha evitata ed emarginata. In seguito a questi avvenimenti ho lasciato l'università ed ora mi sento disorientata e incapace di andare avanti. Ho come l'impressione che niente sia più importante, tutto superfluo e che gli altri continueranno sempre a trattarmi in questo modo. Trascorro la maggior parte del tempo da sola e mio fratello dice che il problema principale sono io perchè non sono riuscita a sviluppare delle relazioni.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 MAR 2018

Cara Maria, è molto brava nel.descrivere quello che ha vissuto e nel notare le ripercussioni nella vita di oggi. Le consiglio di approfittare di questa capacità introspettiva e di intraprendere un percorso terapeutico per affrontare al meglio il tuo passato e vivere una vita degna di essere vissuta.
Saluti
Virginia Valentino

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

76 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 MAR 2018

Buongiorno Maria, premetto che da un punto di vista sociale i comportamenti e gli atteggiamenti prevaricatori esercitati dai compagni di classe sono un qualcosa di deplorevole che tutti quanti dobbiamo condannare. Da un punto di vista antropologico, oserei dire etologico però, i ricorrenti episodi da lei sofferti suggeriscono qualcos'altro. Lei identifica gli atti di bullismo come la causa del suo sconforto. In realtà essi sono l’effetto di un’altra causa e cioè un’evidente mancanza di autostima. Gli elementi di un gruppo si accorgono subito e sempre qual’è l’individuo più debole e quindi più facilmente attaccabile. Questa è la crudele logica esercitata tra pari. Per quanto siano riprovevoli, senza attenuanti, i suoi colleghi (dalle elementari alla facoltà) le forniscono un interessante, seppur tragica, visione di come viene vista e percepita “dagli altri”. È forse giunto il momento, onde evitare future rinunce, di reagire e iniziare a lavorare sul rispetto che nutre o che dovrebbe nutrire per se stessa. L’adeguamento e il conseguente cambiamento di approccio di chi le sta intorno, sarà una risposta automatica. La cordialità e la disponibilità, se non sono suffragate da un solido senso identitario, non sono sufficienti per ottenere rispetto all'interno delle relazioni. La invito dunque a prendere in considerazione la necessità di iniziare a lavorare sulla propria autostima. Buona fortuna. Dott. Roberto Bernini.

Dott. Bernini Roberto Psicologo a Firenze

42 Risposte

44 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 MAR 2018

Buongiorno Maria
ho letto attentamente la sua lettera. Credo che il suo stato d'animo sia legato ai continui lutti e alle continue sensazioni negative che lei ha vissuto e che le fa pensare ovviamente che ormai sarà sempre così.
Credo questi eventi traumatici che lei ha continuamente affrontato devono essere ancora metabolizzati nel profondo .
Il mio consiglio è di contattare uno psicologo con cui poter parlare di ciò che ha provato e riuscire insieme a affrontare questi eventi traumatici.

In caso di necessità mi ricontatti senza problemi.
in bocca al lupo

Dott.ssa Buono Alice Psicologo a Torino

13 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 MAR 2018

Buongiorno Maria,
la situazione che ha vissuto nel suo passato e che ha descritto nella sua richiesta è effettivamente un vero e proprio trauma e come tale andrebbe trattato.
Come già ha potuto notare sulla sua pelle, spesso le situazioni che ci hanno toccato o ferito in passato ce le portiamo addosso anche nel presente.
Anche se in questo momento però, tutto le sembra insuperabile, le assicuro che con il giusto approccio psicoterapeutico potrà certamente affrontare il passato per poterle permettere un presente più sereno.
Resto a disposizione se dovesse avere bisogno.
Le mando un caro saluto.
Dott.ssa Margherita Benni

Anonimo-159684 Psicologo a Milano

42 Risposte

11 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Bullismo

Vedere più psicologi specializzati in Bullismo

Altre domande su Bullismo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte