Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Posso sperare in un suo futuro ritorno?

Inviata da Sofia · 10 ott 2016 Terapia di coppia

Dopo una lunga relazione finita, e un anno da single, conosco un ragazzo su internet che mi piace fin da subito moltissimo, al che decidiamo di uscire insieme. Lui abita in un'altra città a circa 70 km, iI primo appuntamento è andato benissimo, siamo rimasti a parlare fino al mattino con l'intento di rivederci una seconda volta. La settimana seguente usciamo di nuovo assieme e quello che non era scattato primo appuntamento è successo al secondo: non sono solita bruciare le tappe così, ma mi sono talmente trovata bene che è stato tutto naturale, andiamo anche a letto assieme. Non mi sono mai trovata così bene e a mio agio, sia come linea di pensiero, che con gli hobby, in davvero tutti i lati, con nessun’altra persona. È una persona davvero indipendente,rispettosa e responsabile. Da quella sera la frequentazione è ufficiale, ho conosciuto sua mamma e il weekend seguente invece è venuto a stare lui da me e conosce la mia famiglia. Per causa di un mio viaggio ci siamo rivisti a distanza di due settimane e al mio ritorno vado a stare da lui per il weekend e continuiamo a trovarci benissimo: lui ribadisce le sue intenzioni serie e il fatto che con me si trova benissimo e quindi ci fidanziamo. Il tempo passato assieme è sempre bellissimo, ci sentiamo spesso durante le giornate che in cui non ci vediamo, mi presenta anche suo padre. Bilanciamo il tempo passato da soli con le uscite con i suoi amici, senza mai essere morbosi, ci godiamo semplicemente la compagnia altrui passando magari anche dei momenti di solitudine ma assieme. Lui continua a ribadire le sue intenzioni serie, fin da subito parla di una possibile convivenza, che avrei dovuto cercare lavoro nella sua città, pensiamo a viaggi da fare assieme da qui a poco eccetera ma a distanza di mese circa dal fidanzamento ufficiale comincia a comportarsi in modo strano a volere sempre più spazi e io li rispetto sempre poiché so che è una persona indipendente e che ha bisogno dei suoi spazi soprattutto in questo periodo un po' delicato tra lavoro e famiglia, anche perché non conoscendolo bene e stando da molto poco assieme volevo lasciarlo tranquillo, in modo da conoscere anche un po' meglio le sue reazioni e lasciarlo respirare durante i momenti difficili. È capitato che qualche weekend non ci siamo visti poiché lui era di pessimo umore ed è anche capitato che invece un weekend nonostante stesse male sia venuto a stare da me: era apatico, zero contatto o dialogo, una persona molto diversa rispetto al suo solito in mia compagnia. Nel weekend si è un po’ sciolto ma appena toccavo l’argomento "come stai" si alterava. Il contatto, la vita sessuale spariscono, e pensavo fosse solo una questione di disagio della situazione familiare lavorativa, per questo non ho cercato a tutti i costi di parlarne ma semplicemente di lasciarlo stare, anche perché la sua richiesta era quella. Ci siamo visti il weekend successivo in cui tutto sembrava tornato alla normalità, ero molto contenta perche forse si era trovato un equilibrio! Ma invece il weekend dopo mi chiede di nuovo un po' di tempo da solo lui e i suoi hobby. Non vedendoci niente di male accetto, ma la settimana seguente cioè a distanza di circa due mesi di fidanzamento ufficiale mi dice che dobbiamo parlare e poi mi manda un messaggio in cui mi lascia a malincuore poi che si è reso conto di non riuscire ad andare avanti così, poiché non è pronto a una relazione, a pensare a un'altra persona, a dedicarsi ad essa poiché ha troppi pensieri suoi e poco tempo per sé stesso figurarsi per un'altra persona. Si dice dispiaciuto poiché con me si trovava bene e mi reputa una ragazza intelligente, bella e il suo tipo, ma non è il momento giusto. Si scusa per avermi lasciato per messaggio ma a parer suo non avrebbe avuto senso farsi 140 km per questo. Dice che ha cominciato ad avere pensieri e farsi problemi che non esistono e che nelle ultime due settimane ci ha pensato su ma non ne ha parlato per lasciarsi prima del tempo, ma che così non può andare avanti perché si sente soffocare. Io avevo percepito il suo disagio molto forte e la sua necessità di rimanere da solo, ma non pensavo fossero legati così tanto alla nostra relazione, al che glielo dico chiedendo spiegazioni, anche se penso che se lui non sta bene è inutile andare avanti reputandolo una persona intelligente, se mi ha lasciato ci sarà per forza un forte disagio di base. Lui mi conferma e mi dice che continuo a lasciarlo senza parole ma ha necessità di rimanere da solo, vuole pensare a se stesso, che pensava di essere pronto a ributtarsi in una relazione ma nonostante gli sia piaciuto e le intenzioni erano molto serie con me si è reso conto di non riuscire a farlo adesso. Io non conosco molto del suo passato e non so davvero come interpretare e reagire a questa cosa. Dapprima mi sono mostrata comprensiva dicendo che forse non è nemmeno questo il momento (per anni sembra che abbiamo frequentato più o meno gli stessi ambienti ma non ci siamo mai incontrati, quindi ci dicevamo sempre che non ci siamo mai incontrati perché non era il momento giusto) ma poi più mi spiegava il suo disagio verso lo stare con me più mi tornavano alla mente i momenti brutti in cui mio ex di lunga data (non lui) mi ha lasciata più o meno con la stessa dinamica, per poi scoprire che aveva un'altra. Quindi sono sfuriata dicendogli che era triste e che il nostro momento allora non sarebbe mai arrivato: ero arrabbiata, ma poi ripensandoci posso comprendere che ci sia un disagio davvero forte che gli impedisce di condividere un qualcosa con qualcuno e allora io gli ho detto che se lui dovesse sentirsi di nuovo in grado di rimettersi in gioco con qualcuno io sarei ben contenta di riprovarci. Lui non ha più risposto né al "allora non sarà mai il momento" né a questo discorso. Mi ha spiazzata perché credevo le intenzioni serie partissero da lui in primis, e io ci ho creduto davvero tanto. Io non ho avuto problemi con lui e lui nemmeno con me e questa cosa mi fa davvero soffrire perché il motivo per cui non possiamo stare assieme e il suo disagio non è un problema effettivo tra noi due, ma un suo disagio che non si sa da dive arriva e quanto durerà. Per me era ufficialmente il mio ragazzo, non ne ero ovviamente già innamorata, ma quasi. Ora mi ritrovo senza capire come reagire a questa cosa, cosa aspettarmi o se cercare di metterci una pietra sopra. Non capisco nemmeno, per quanto io possa essere in buona fede, le sue vere intenzioni, i sentimenti riguardo a me, se davvero questo disagio è reale o è stata solo una scusa (esperienza con il mio ex) ma non credo che questo sia il caso poiché erano era tanti anni che non frequentava più nessuno e sono stata la prima con cui, a dir suo, era così coinvolto così e così preso. Non è il classico ragazzo che vuole spazi perché devo uscire con i suoi amici e conoscere persone o darsi allo sballo, anzi è una persona parecchio chiusa che però è molto attiva sui social e ha amici sparsi per l'Italia. Cosa devo fare/pensare? Quali sono i vostri consigli? Posso sperare in un futuro ritorno?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 OTT 2016

Gentile Sofia,
se mi posso permettere di darti un consiglio, cerca di evitare per il futuro, relazioni a distanza che nascono già di base con una forte controindicazione.
Quanto a questo ragazzo, si può anche credere alla sua buona fede, altrimenti non avrebbe avuto senso presentarti ai suoi familiari ma il risultato è che, qualunque siano le motivazioni del suo comportamento, si è rivelato una persona inaffidabile e tanto basta per decidere, come dici tu, di "metterci una pietra sopra" rinunciando a sperare in un futuro ritorno per correre poi gli stessi rischi.
Avrai tante altre possibilità di incontrare persone più affidabili, cosa che ti auguro.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6845 Risposte

19104 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 OTT 2016

Cara Sofia,
leggendo la tua storia mi viene da dire "accidenti quanta fretta!" e sento ansia...dici che vi siete conosciuti su internet, e dopo poco avete incontrato le rispettive famiglie. Dici che siete fidanzati ufficialmente, e che allo stesso tempo non vi conoscete, possibile? In due mesi, mi sembra che avete fatto molti progetti...quanti anni avete? Sofia, tu sei libera di sperare in ciò che vuoi, non è certo uno psicologo o chiunque altro a doverti dire cosa fare o pensare e a darti il consenso a credere o meno che si realizzi qualcosa.
Puoi porti domande sul tuo comportamento, su cosa ti piace e cosa no, su cosa vuoi tu per la tua vita. Non puoi certamente controllare o sapere cosa farà lui o chiunque altro. Se ti ha lasciata avrà avuto i suoi motivi, se la storia è finita è per responsabilità di entrambi. Responsabilità, non colpa...Quello che ti consiglio su cui riflettere, è sentire come stai, e capire cosa vuoi adesso per te, per trovare il modo di ottenerlo, per avere una vita per te soddisfacente.

Dr.ssa Jessica Scheggi Psicologo a Livorno

25 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21900

domande

Risposte 82500

Risposte