Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Possibilità di riacquistare la sua fiducia

Inviata da Lucia il 24 ago 2015 Dipendenza affettiva

Salve, vi ho già scritto un po' di tempo fa raccontandovi la storia tra me e il mio amico e il suo allontanamento. Lui si è allontanato perché dice che ha bisogno di capire che tipo di rapporto avere con me. Da quel giorno ho rispettato a malincuore la sua scelta, ci siamo visti solo una volta, lui non è per niente ostile nei miei confronti, secondo me l'affetto c'è ancora, solo che lui non ha vissuto bene i miei comportamenti del periodo antecedente al nostro litigio, sono stata abbastanza assillante nei suoi confronti perché la mia paura di perderlo mi ha portato ad attaccarmi sempre di più. Ho capito che l'unico modo per poter riacquistare la sua fiducia era intraprendere un percorso, prima di tutto per stare bene con me stessa ma anche per migliorare il mio rapportarmi con gli altri e devo dire che i risultati si vedono. All'inizio quando ci siamo allontanati ho sofferto parecchio perché mi rendevo conto che avevo una vera e proprio dipendenza affettiva nei suoi confronti. Adesso mi rendo conto di stare meglio però mi manca e credo sia normale, mi manca tutto anche quando ci auguravamo semplicemente buongiorno. Adesso sono cosciente degli errori che ho commesso e delle difficoltà che mi portavano a compierli e vorrei tanto che anche lui sapesse del percorso che sto facendo, perché se non fosse stato per le sue parole credo che non avrei affrontato tutto ciò perché, nonostante questo litigio, lui è sempre stato premuroso nei miei confronti e ha sempre agito per il mio bene. Tra un paio di settimane sarò nella sua città e la mia intenzione è quella d'invitarlo fuori a cena, per parlare ed avere un confronto, perché adesso mi sento pronta, se l'avessimo avuto prima molto probabilmente non sarebbe uscito nulla di buono visto che ero emotivamente destabilizzata. So che la strada della fiducia è lunga e tortuosa però io voglio recuperare questo rapporto perché è veramente molto importante per me. Vorrei tanto che capisse le mie buone intenzioni e che il lavoro che sto facendo nasce soprattutto per l'affetto che ci lega. Ogni tanto mi rattristo un po' perché non potendolo sentire ho paura che non gli importi più niente di me, ma alla fine mi rendo conto che lui sta solo tenendo fede alla sua scelta e questo non sta a significare che non mi voglia più bene, solo che ogni tanto mi piacerebbe sapere cosa gli passa per la testa. Secondo voi sto seguendo la strada giusta? Il mio percorso e la mia voglia di migliorare verranno apprezzati?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Lucia,
ricordo perfettamente il suo precedente intervento e ricordo perfettamente la sofferenza, il dolore e la colpa che la situazione con il suo amico generava in lei. Assolutamente ammirevole sia il suo rispettare la richiesta del suo amico, che il lavoro che sta facendo su di lei...quindi resti su di lei, non si sposti nuovamente sul suo amico e su quello che potrebbe pensare. Resti su quello che ha conquistato e capito di sè in questo periodo...è una grande conquista.
Il suo amico avrà sicuramente apprezzato il suo rispettare la richiesta fatta.
Nessuno dispone degli elementi per sapere quali saranno le future evoluzioni, entrambi avete voi stessi come priorità e state lavorando in questa direzione seppur con fatica. Quanto all'eventualità di vederlo rifletta bene su ciò che realmente la muove a chiedere questo confronto...solo lei può darsi una risposta.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1030 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lucia,
lei ha iniziato un percorso di psicoterapia ed ha avuto gia modo di apprezzare l'aiuto e i benefìci che sta ottenendo.
Non è dato sapere quante sedute ha fatto finora ma tenga conto che, almeno per quanto ho potuto osservare in circa 15 anni di attività professionale, risultati buoni e stabili richiedono almeno un anno di terapia con sedute settimanali.
Mi auguro perciò che lei sia ancora in terapia ed in questo caso, è corretto che lei si lasci guidare dal/dalla collega che l'ha in carico.
Personalmente ritengo sia preferibile che lei aspetti che sia il suo amico a riavvicinarsi nella modalità che riterrà più opportuna in quanto lei deve lavorare in terapia per se stessa e non tanto per dimostrare qualcosa a qualcuno. Di quello che ha già acquisito e di quello che acquisirà col prosieguo del suo percorso terapeutico se ne dovrà servire nelle nuove opportunità di relazione che la vita le offrirà.
Se il suo amico avrà dei ripensamenti e rivaluterà il rapporto che c'era con lei, stia certa che sarà lui a farsi sentire.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6561 Risposte

18376 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La voglia di incontrarlo c'è perché mi sento pronta, se l'avessi fatto prima molto probabilmente l'avrei solo supplicato a fare la pace e non sarebbe stata una cosa tanto costruttiva. Poi sento che devo andare incontro anche ai miei errori, soprattutto se ho fatto soffrire una persona alla quale voglio bene. Voglio che anche gli altri colgano i frutti dei miei miglioramenti perché per me è motivo di orgoglio e mi da una grande forza. Poi voglio provare a rapportarmi per vedere se i miglioramenti sussistono davvero o se possa realmente tornate tutto come prima, spero di no, ho bisogno del confronto e di non rinchiudermi nella mia bolla. Secondo voi è sbagliato?

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lucia
non ho letto le sue comunicazioni precedenti tuttavia sento dalle sue parole una grande soddisfazione per il cammino che ha percorso, in seguito a questo litigio tra lei e il suo amico.
Ha dimostrato una grande forza di volontà nel volersi mettere in discussione all'interno di un rapporto psicoterapeutico e un grande rispetto nei confronti del suo amico ma anche di se stessa, accettando la richiesta del suo amico di sospendere i contatti tra voi. L'assenza e la solitudine, vissute con pazienza e in modo costruttivo, sono ottimi strumenti per fare chiarezza dentro di sè, per "studiare" e capire come ci si muove nel mondo, i propri punti di forza e di debolezza. Per cui le invio il mio più caloroso augurio di continuare il suo viaggio dentro se stessa.
La prenda come una semplice impressione: la sento ancora molto coinvolta, preoccupata e dipendente dal giudizio del suo amico: non sarà il caso di aspettare un altro pò prima di rivederlo?
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania D'Antuono

Dott.ssa Anna Stefania D'antuono Psicologo a Venezia

141 Risposte

473 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Lucia,
la tua capacità di rispettare la richiesta del tuo amico è ammievole e penso tu debba essere fiera di te stesa per lo sforzo ch ti richiede ogni giorno stargli lontan e non poterlo contattare.

Senz'altro il rispetto che gli dimostri è apprezzato, per quanto riguarda quello che accadrà in futuro, invece, non è possibile fare previsioni.

Stai imparando una cosa difficile e importante: il silenzio. Sia da un punto di vista concreto che metaforico, può essere molto complicato stare nel silenzio. Tu ti stai impegnando a farlo.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2020 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte