Possibile schizofrenia futura?

Inviata da Manuel. 27 gen 2019 1 Risposta

Salve, sono un ragazzo. Richiedo questo consulto non per una possibile diagnosi online ( in quanto non sia possibile ), ma bensí riguardo alcuni sintomi, che potrebbero rientrare in essa. Da dove iniziare?...In questo periodo, ormai da qualche mese, ho sviluppato manie di persecuzione ( anche qualche anno fa le avevo, piú " lievi " ?), in quanto credo che un gruppo di persone voglia uccidermi. Premetto di non aver fatto mai del male a nessuno, fuori casa né in strada, né tanto meno a scuola ho mai litigato con qualcuno verbalmente o fisicamente, per quanto mi riguarda. Peró sono successe alcune cose...degli avvenimenti, piú o meno considerabili, che mi hanno portato a credere questo. Non ci tengo a raccontarvi tutta la mia storia online, non vorrei che qualcuno potrebbe trovarla...Il fatto è che sono fermamente convito che vogliono uccidermi, addirittura ho paura anche di andare a scuola o alle feste dei compagni di classe, che qualcuno all'uscita potrebbe accoltellarmi o spararmi. Ma questo è niente, in quanto ho paura di ritornare anche a casa, ho paura che qualcuno possa aspettarmi li davanti. Tutto ció mi mette particolarmente a disagio, all'inizio dell'anno ho fatto tutta una serie di assenze proprio per questo...non posso piú permettermelo. Sono state alcune cose che mi hanno suggestionato, nel corso del 2018, a portarmi a pensare tutto ció. Infatti ora tendo a sospettare di ogni cosa, gli altri possano dire o fare, anche i miei genitori stessi. Ho paura di essere spiato e vittima di stalker, i miei non mi credono, sto sempre chiuso in casa, nella mia stanzetta. A parte questo discorso,vorrei collegare un filone secondario. Non riesco a stare con gli altri, sto sempre in disparte anche a scuola e la maggior parte del tempo a casa...ormai da qualche anno. Ascolto musica tutto il giorno, tranne quando devo studiare. Sto sempre sveglio di notte ( a volte per insonnia, la maggior parte delle volte per studiare ). Non riesco piú ad innamorarmi, attraverso periodi di apatia, abulia e depressione. Mi capita di avere pensieri suicidi e a volte anche idealizzando, ma senza mai mettere in atto. Ho praticato autolesionismo circa 1 anno fa. Lamento da mesi extrasistole e fascicolazioni e ho eseguito gli esami del cuore, ma risulta tutto negativo. Ho bassa autostima e provo spesso odio nei miei confronti ( e nel mondo ), anche se so di essere molto intelligente e acculturato. Sono ipocondriaco e negativo riguardo alle cose ( anche se ora come ora non posso permettermi di abbattermi, per via della scuola, ma tutta via questa mia situazione generale ha compromesso molte volte il mio rendimento scolastico ). Ho attraversato anche diversi attacchi di panico, in luoghi pubblici, manifestati all'improvviso...nei quali mi sentivo come distaccato dalla realtà. Mi sento sempre al centro dell'attenzione e credo ogni cosa sia riferita a me. Mi sento osservato e credo gli altri sparlino di me. Tendo a reprimere le mie emozioni e non riesco ad esprimere i miei sentimenti. Nel 2017 ero fidanzato con una ragazza, tutto normale all'inizio, ma non poco tempo dopo ho iniziato a sospettare che lei potesse tradirmi con qualche suo amico. Non ne ho mai avuto la prova, ma io vedevo che lei non si faceva mai le foto con me, o almeno non era sua iniziativa, poi nei social network la vedevo sempre con i suoi amici. Inoltre, già da prima, dal primo momento che ci siamo fidanzati, credevo di non meritarla, io l'amavo, ma secondo me lei mi doveva lasciare e non escludo che parlavo a lei di questo. Sempre in quel periodo ero ossessionato da cose del tipo " lavati i denti e le mani 12 volte " " mentre ti fai la doccia non appoggiarti a niente per lavarti, perchè tutto dipende dalla tua forza ", " mentre ti metti i calzini o le scarpe non sostenerti a nulla e non sederti nemmeno, devi dimostrare a tutti che sai restare in piedi da solo ", " non mettere la gamba in quella determinata posizione" " odia gli altri, Dio, il sesso, la masturbazione, la pornografia...fai quella determinata cosa, perchè lo vuole il tuo cantante preferito e lo vede, il diavolo glielo comunica " ecc... Non erano voci che sentivo, ma lo pensavo io e se non lo facevo, il mio cantante o band preferita mi avrebbe odiato, non sarei stato degno del loro amore ( premetto anche, che essi non hanno mai istigato a fare ció, era una credenza ). Inoltre credevo fermamente che Dio e il diavolo mi odiassero, e siccome prima ero piú dalla parte del male, quando mi sono convertito a Dio credevo che il demonio volesse uccidermi. Aggiungo che credo tutt'ora, da ormai 3 anni, che una data in particolare ( di cui peró evito di farne riferimento ) sia la mia rinascita ( simbolica ), assoccio ad essa infatti: il mio secondo compleanno, il mio Natale, il mio Capodanno ( credo che il mio anno nuovo per me inizi da li ), la mia Pasqua ( in quanto sono risorto ), il mio Halloween e la mia festa dei morti. Tutto ció puó sembrare assurdo, ma io credo sia il destino, credo di essere il prescelto, da li in poi infatti sono iniziato a cambiare. Da quando peró mi sono convertito a Dio ( 2018 ), credo di aver tradito tutto il mio essere, la band e il mio idolo che ascoltavo, tutto il mio Regno che avevo costruito con tanto amore e sofferenza e ovviamente... la mia migliore amica. È questa la ragione adesso per cui provo tanto odio verso di me e per cui adesso non frequento piú la chiesa. Riguardo lei, non ci tengo a raccontare queste cose personali online...ma dico solo che ho fatto delle scelte sbagliate, condizionato dai miei genitori e dalla chiesa...per cui oggi mi pento amaramente. Avevo un buonissimo rapporto con lei, eravamo simili in cosí tante cose, la amavo davvero come una sorella...ma poi è avvenuto un distacco, tutto all'improvviso, che non ha lasciato neanche a lei possibilità per rimediare...di dire alcuna parola. Oggi, non ci sentiamo piú...da quasi un anno, ma tanto il dolore ho deciso di dedicarle un tatuaggio, che per sempre sarà inciso nella mia carne ( e anima ), cosí da restare insieme per l'eternità. La mia vita non ha piú senso senza lei, io non ho piú senso e tutti i nostri sogni sono andati distrutti per niente. Ma so che devo andare avanti, lo devo fare per me stesso. Nel periodo in cui mi feci prendere da scrupoli religiosi, ero ossessionato dal fatto di dovermi andare a confessare ogni giorno ( letteralmente ). Ero sempre in chiesa e se cadevo nella tentazione del masturbarmi, dovevo andarci subito, tanto che in un giorno mi confessavo anche 2-3 volte. I preti iniziarono a stufarsi e visto il considerato, ho iniziato ad odiarli. Mi sono allontanato dalla chiesa nuovamente. Anche perchè nell'estate 2018 ho attraversato un periodo di riflessione, su ció che fosse giusto o sbagliato. Quando avevo un mal di testa, credevo avessi un tumore...Premetto anche che in quel periodo ero molto stressato e facevo abuso di energy drinks ( 4 al giorno anche, mi chiedo come io possa essere ancora vivo ). Poi ho smesso, ma le cose non sono cambiate molto, anzi.
Inoltre credevo di essere posseduto dal demonio.
Quando ero fidanzato, ogni mattina per circa 1 mese, le portavo a scuola un mazzo di fiori e in piú un regalo, che ogni sera uscivo a comprare e che creavo io. Anche lei si era stufata, da li a poco abbiamo iniziato a litigare. Non capisco come una persona, possa essere cosí poco riconoscente, non volevo sentirmi dire " grazie " ogni giorno, ma il suo atteggiamento è stato al dir poco disprezzante nei miei confronti. Come accennato in precedenza, non riesco ad esprimere le mie emozioni e sentimenti, ho sempre utilizzato il mondo della rete per farlo...arrivando a dire fin troppo di me. Ora di meno, ma certe cose non si dimenticano.
Venivo preso da attacchi d'ira, verso i miei genitori, diventando molto aggressivo anche per me stesso ( ora tendo piú a reprimere ció che sento, grido quando sono solo ). Tanto che un giorno ho spaccato la porta di vetro di casa, lesionandomi diverse parti del corpo...tra cui il polso e gli occhi. Per poco non diventavo cieco e non mi tagliavo le vene, ci mancava davvero poco. Ho spesso pensieri suicidi, ma poi ho paura che qualcuno possa uccidermi...non è molto coerente il mio comportamento. Sono sempre stato attratto ( fin da piccolo ) dalle cose oscure e negative, dalla morte stessa. Credo che il mio destino sia segnato, quando mi trovo in determinate situazioni difficili. Mi guardo spesso allo specchio, guardo le mie mani, gli oggetti e le persone intorno a me e mi domando se siano effettivamente reali...
Ci sarebbe molto altro da dire, sicuramente ho trascurato molte cose nel mio discorso. Il punto è che, potrei essere incline a sviluppare in futuro la schizofrenia? Non credo nella mia storia familiare vi siano stati casi. Inoltre ho passato un'infanzia abbastanza felice, sono sempre stato timido, non mi è mai mancato nulla...ne a livello affettivo ne altro. I problemi sono iniziati in adolescienza, sono sempre stata una persona condizionabile...Tuttavia, fin da piccolo, ho sempre avuto ossessioni del tipo " E se smetto di respirare? " " La mia vita dipende dal mio stesso respiro ", trasformando cosí una cosa spontanea in forzata. Per questo motivo, diverse volte, sono finito in ospedale...per poco in un'ospedale psichiatrico. Sono sempre stato tormentato da questi pensieri...oppure avevo paura che, al solo pensiero, potessi vendere l'anima al diavolo e quindi facevo di tutto per non pensarci, era impossibile per me. Fin da bambino, infatti, riportavo dolori al petto frequenti. Un'ultima cosa, non so se in qualche modo possa centrare...Ma non potró mai dimenticare, quando da bambino ( all'età di forse 5-6 anni? ), in un giorno qualunque, mentre giocavo nella mia stanzetta, vidi un'ombra alta, muoversi nella parete e venire verso di me...tanto che iniziai a correre per tutto il corridoio, raggiungendo in tempo i miei genitori. Da li e fin ad ora, non si sono piú manifestate cose del genere. Sono convito peró, che non era mia illusione. Riguardo loro, i miei, che dire...prima avevo un rapporto piú aperto. Col tempo ho iniziato a chiudermi e ad escluderli dalla mia vita personale, anche per un mancato senso di fiducia o per la paura che possano giudicarmi...figuriamoci, loro non mi manderebbero neanche dallo psicologo.
Grazie mille per l'attenzione e il tempo dedicato! So, che puó essere stato faticoso leggere fino a questo punto...ma ci tenevo a dire e spiegare le cose, nei minimi dettagli ove possibile.
Attendo una risposta. Cordiali saluti.

amici , amore

Miglior risposta

Buongiorno Manuel,

lei pone un quesito molto lungo e con varie domande, risulta difficile in uno spazio così piccolo rispondere in modo idoneo, chiaro e proficuo. La sua preoccupazione basta agli occhi e anche l'ansia connessa perciò le consiglio di intraprendere un percorso psicologico da un professionista della sua zona, saprà sicuramente aiutarlo.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi può scrivere.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Possibile schizofrenia..?

10 Risposte, Ultima risposta il 15 Luglio 2014

Come funziona lo sviluppo di una psicosi con possibile schizofrenia?

4 Risposte, Ultima risposta il 30 Gennaio 2019

Schizofrenia ?...

1 Risposta, Ultima risposta il 28 Dicembre 2017

Chiarimenti su schizofrenia e disturbo bipolare

1 Risposta, Ultima risposta il 21 Febbraio 2017

non vede un futuro e me ne da la responsabilità

1 Risposta, Ultima risposta il 02 Marzo 2018

Indecisione cronica università e futuro

1 Risposta, Ultima risposta il 20 Giugno 2019

Errori: scelte rimandate pensando al futuro migliore

4 Risposte, Ultima risposta il 11 Settembre 2015

Dubbi sul futuro e insoddisfazioni del presente

6 Risposte, Ultima risposta il 11 Luglio 2017

Incertezza sul futuro a 25 anni.

2 Risposte, Ultima risposta il 30 Dicembre 2017