Pornografia?

Inviata da Giulia · 7 mar 2016 Disturbo ossessivo compulsivo

Sono una ragazza di vent'anni. Sono sempre stata una brava ragazza, mia madre mi ha cresciuta bene e non ho quasi mai mentito o fatto cose di nascosto, ero sempre molto corretta su tutto. Quando sono andata via di casa per vivere col mio attuale compagno ho iniziato a sentire un senso di libertà mai avuto prima. Ho iniziato a apre tutte quelle cose che prima non avrei mai fatto perché mi avrebbero fatto sentire una persona orribile e avrei dovuto confessarle a mia madre. la cosa peggiore che ho iniziato a fare era guardare i porno. È stata una cosa molto graduale, ho iniziato per curiosità e voglia di trasgredire, guardando solo qualche film erotico di quelli che fanno vedere anche in TV, finché sono passata a un sito dove ho iniziato a vedere qualche semplice video. Guardavo solo le cose più "normali", e succedeva solo una volta ogni tanto. Poi però ho iniziato a stufarmi delle solite cose, e cercavo cose sempre più spinte, sempre più spinte, perché man mano che mi abituavo a una cosa, quella dopo un po non mi eccitava più, e quindi cercavo qualcosa di più forte. Dovete considerare che inizialmente li guardavo solo per me, giusto per provare eccitazione quando ero da sola.. Ma poi io e il mio compagno abbiamo smessosi vere rapporti e quindi ho iniziato a guardarlo molto spesso, per sfogarmi. Queso meccanismo mi ha portata a cercare cose sempre più estreme, le più estreme che trovavo, sentivo la voglia di guardare cose sempre più trasgressive, finché sono arrivata a guardare addirittura (e me ne vergogno da morire) video di rapporti tra famigliari (genitori, fratelli ecc). Questa cosa mi ha creato un trauma. Ora mi sono convinta che se io ho guardato quesi video è perche sono una persona malata che vorrebbe fare quelle cose con i propri famigliari. So che non è così, la sola idea mi disgusta, ma allora perché li ho guardati? Perché il pensiero che succeda con i miei famigliari mi fa schifo, ma guardare quei video mi dava piacere? E non solo piacere, alla fine arrivavo sempre a masturbarmi. Mi sento in colpa nei confronti del mio compagno, se sapesse questo di me credo che sarebbe finita. Non capirebbe. Credetemi, se sono arrivata a quel punto era perché le solite cose mi annoiavano e cercavo qualcosa di più estremo. Ora ho smesso, non mi piacciono più. Ne ho visti talmente tanti che non sento più niente. Mi sento però una persona disgustosa, non mi sento degna di stare con un uomo meraviglioso come il mio compagno, già parliamo di avere dei figli, ma una persona come me può avere figli? Io non mi sento degna di dargli dei figli, tanto meno di crescerli. Potete aiutarmi a capire perché ho fatto questo? E se è possibile che io, magari inconsciamente, farei quelle cose con la mia famiglia? Io giurerei di no! Vi ripeto, vedere quelle cose in video mi piaceva, ma fatte da LORO, non lo farei mai io, non riesco nemmeno a pensarci!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 MAR 2016

Cara Giulia
alla base di tutto questo c'è un senso di noia e una voglia di trasgredire; forse anche desiderio di sentirsi più grande ed emancipata.
Lei dice che i rapporti col suo ragazzo sono diminuiti e questo come mai?
Conseguenza ha ripiegato ancora di più sui video porno.
Nel "sempre di più, sempre di più" sta la chiave della dipendenza acquisita.
In tutto questo c'è un emozionarsi artificialmente e un desiderio di scaricare le tensioni.
La vita vera dov'è? La sua coppia dov'è?
E' urgente un ritorno alla realtà e alle cose semplici e buone che si vivono nei rapporti sani.
E' importante trovare un terapeuta che possa guidarla sulla via del ritorno a se stessa.
Non perda tempo.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7328 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2016

Gentile Sara,
per avvertire un senso di libertà quando è andata via di casa, è probabile che lei sia stata cresciuta ed educata con eccessiva severità accumulando per reazione qualche desiderio trasgressivo.
Premesso ciò, è da dire che sia nell'area della sessualità che in altri àmbiti, una cosa sono i pensieri e le fantasie, altra cosa sono le azioni.
Relativamente alla pornografia è poi noto il rischio per i fruitori di acquisire una sorta di dipendenza ed assuefazione che porta a ricercare filmati di scene sempre più trasgressive.
Ora che lei è riuscita da sola a disassuefarsi, non è opportuno che si trascini ad oltranza sensi di colpa che potrebbero celare anche un lieve tratto ossessivo.
Le suggerisco perciò di liberarsi da questi pensieri e sensi di colpa e se questa cosa dovesse risultarle particolarmente difficile è consigliabile chiedere l'aiuto della psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7518 Risposte

21047 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 MAR 2016

Cara Sara,
la pornografia ha come meccanismo secondario quello di spingere il fruitore alla ricerca di pratiche sempre più ardite ed estreme, perché, come ha ben identificato da sola, l'eccitazione tende ad esaurirsi in fretta guardano la stessa pratica.
Quello che lei, andando sempre un poco oltre, è arrivata a guardare è una messa in scena del proibito per eccellenza (conosce il mito di Edipo re?); che dall'alba dei tempi affascina e repelle il genere umano. Il fatto che abbia fruito di ciò non la relega certo nel girone dei dannati. In primo luogo perché la distanza tra il pensiero è l'azione è tanta e sempre significativa (dovessimo incarcerare tutti quelli che fanno pensieri criminali per strada non ci sarebbe più nessuno) e in secondo luogo, perché il campo della pornografia è stato il settore della sua "rottura" e della sua sana (aggiungo) ribellione.
Quindi, al di là del senso di colpa che adesso si porta addosso, provi a considerare quello che ha fatto come un primo, utile tentativo di una accora in atto, ricerca di identità.
Quando si prova a camminare da soli, ci sta di sbagliare e di ritrovarsi in strade che non avremmo voluto percorre. Ma se questa indipendenza ci espone all'errore dall'altra è l'unica via per crescere.

Con i miei migliori auguri.

Dott. Cristiano Pacetti Psicologo a Prato

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAR 2016

Cara GIulia,
un conto sono le fantasie sessuali, quelle che permettono alle persone di eccitarsi, un conto sono le pratiche sessuali, quelle azioni che si compiono per trarre piacere.

I video fanno parte delle fantasie sessuali, non delle pratiche.



Io sono dell'idea che se lei ha seguito video sempre più estremi è perché cercava qualcosa in quei video che non ha trovato altrove, e per provare a trovarli ne ha aumentato la "trasgressività".

Mi domando: quali altri elementi trovava, in quei video?
Quali non trovava che non le permettevano di eccitarsi?



Dott. Antonio Amatulli hipnoterapeuta Psicologo a Lucca

67 Risposte

105 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte