Pipi e pannolino

Inviata da Toni · 2 nov 2020

Salve, volevo chiedere un consiglio. Mio figlio a quasi 4 anni, non siamo riusciti a togliere il pannolino, riesce ad andare a scuola senza pannolino però si trattiene provocandosi dolore e non va in bagno, appena indossa il pannolino fa pipì. Si rifiuta di farla in gabinetto. Preferisce trattenere la pipì per farla dopo nel pannolino. Il pediatra ci consiglia di sentire un psicologo infantile per qualche consiglio.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 NOV 2020

Gentile Toni8,
concordo con i colleghi che mi hanno preceduto nelle risposte.
E’ utile rivolgersi ad uno psicologo per comprendere i motivi di questo comportamento che segnala una difficoltà.
Credo che accanto a questa decisone sia indispensabile parlare col bambino, non certo chiedendogli cosa gli sta succedendo o perché si comporta così.
Piuttosto parlate al bambino dando voce alle difficoltà che pensate lui possa avere e di come si può sentire all’asilo in questa situazione. Faccia in modo che questa difficoltà, transitoria, sia sempre ‘parlabile’ tra voi genitori e il bimbo.
Vedrete che con un buon aiuto il problema si risolverà in breve tempo.
Un augurio
Giordana Milani

Dott.ssa Milani Giordana Psicologo a Biella

126 Risposte

38 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Buongiorno Toni,
Normalmente in questi casi è opportuno consultare una psicologa evolutiva per comprendere emotivamente ciò che blocca il bimbo, nel frattempo di tanto in tanto proverei a portare il bimbo in bagno con tono entusiasmo, complimentandosi con lui quando riesce ad espellere. Si può stabilire anche un piccolo rinforzo positivo o regalo quando riesce nel compito.
Il fatto di fare pipì nel pannolino potrebbe essere riferita ad una paura, ad un bisogno di sicurezza o protezione o altro da verificare.
In ogni caso il pannolino andrebbe tolto con gradualità, abituandolo inizialmente in casa poi anche in ambienti esterni,
Cordialmente
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2282 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Buongiorno, mi sarebbe utile avere maggiori dettagli per poter capire come funziona questo semplice problema e sbloccarlo. Con la consulenza strategica breve troverete la modalità corretta per aiutare il bambino e voi genitori a ritrovare la tranquillità.
Resto a disposizione per un colloquio online.
Buona giornata
Dott.ssa Alessandra Monticone

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

304 Risposte

124 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

buongiorno, il suo pediatra ha ragione . Adesso con la situazione covid non so come è la lista di attesa in neuropsichiatria infantile ma se non l'avete già contattata potreste provare nell'immediato. La guerra col pannolino è piuttosto diffusa nelle famiglie e a 4 anni è giunto il momento che vostro figlio conquisti la sua autonomia alla tazza del water.
un saluto

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

361 Risposte

121 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Buongiorno Toni

Quella di trattenere feci e urine è una fase molto delicata, al pari dello svezzamento, che si raggiunge intorno i due anni più o meno.

Mi sembra evidente da quanto scrive che il bambino sta cercando di comunicare qualcosa. Le consiglio di rivolgersi, come le ha anche detto il suo pediatra, ad uno psicologo infantile proprio per cercare di capire cosa vi sta comunicando il bambino.

Lo specialista può aiutere a comprendere se c’ è stato qualche cambiamento in famiglia ad esempio oppure può aiutarvi a comprendere il vostro comportamento di fronte al disagio del bambino che a volte può rinforzare l’agire stesso del bambino.
La saluto cordialmente

Dott.ssa Jessica Agnelli

Dott.ssa Jessica Agnelli Psicologa Psicologo a Pescara

78 Risposte

29 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Buongiorno, infatti le motivazioni per cui il bambino trattiene la pipì sono molteplici e scatenate da più fattori, solo tramite una consultazione approfondita possiamo capire insieme a voi genitori il come per poter poi passare su cosa fare. Per accompagnare il bambino in questa autonomia importante senza esercitare pressioni controproducenti valutate bene la possibilità di contattare un professionista, vi offrirà un aiuto utile. Per qualsiasi informazione resto a vostra disposizione.
Dott.ssa Eleni Drakaki

Dott.ssa Eleni Drakaki Psicologo a Mantova

47 Risposte

23 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Buongiorno Toni,
sono d'accordo con il vostro pediatra. Credo che vostro figlio stia vivendo questo momento con troppa sofferenza e capire quali emozioni vi siano connesse può sciogliere un nodo e permettere il fluire di questa tappa dello sviluppo.
Come mai scrivete qui per un ulteriore conferma? C'è qualcosa che non vi convince in questa scelta?
Io vi consiglio di non trattenervi troppo. Lasciatevi andare e fate un altro passo. Anche questo aiuterà vostro figlio, insegnandogli che il cambiamento non è fonte di pericolo.
Vi auguro di superare questa tappa insieme.


Dr.ssa
Michaela Mortera

Dr.ssa Michaela Mortera Psicologo a Civitanova Marche

42 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 NOV 2020

Caro Toni,
Le consiglio di seguire il suggerimento del pediatra. Purtroppo con così poche informazioni è molto difficile riuscire a fare delle ipotesi.
Sicuramente la difficoltà di suo figlio ha origine altrove, il non lasciar andare la pipì può essere la manifestazione fisica di un altro disagio. Ma siccome i motivi possono essere i più disparati (dalla vergogna alla difficoltà di separazione che viene così somatizzata ed altri) le consiglio di rivolgersi ad un professionista per una consulenza.
Le auguro il meglio!
Buona giornata
Dott.ssa Federica Beglini

Dott.ssa Federica Beglini Psicologo a Milano

52 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18050

psicologi

domande 27800

domande

Risposte 95850

Risposte