Pianto prima di andare a scuola - 7 anni

Inviata da Maverick · 9 ago 2022 Psicologia infantile

Buongiorno, mio figlio ha 7 anni e ha frequentato la prima elementare e frequenterà la seconda. Da qualche mese nel momento del distacco prima di entrare a scuola o in questo periodo estivo al campus estivo, piange e non vuole staccarsi da me, riferendo di sentirsi strano e di non voler entrare ma di tornare a casa. Preciso che le prime volte acconsentivo alla sua richiesta ma poi con decisione altre volte lo lasciavo all'ingresso. Tale evento si manifesta prevalentemente quando lo accompagno io e non mia moglie.
Preciso che una volta all'interno della classe è sereno e gioca tranquillo.
Faccio presente che l'anno scorso abbiamo affrontato un trasferimento da una regione ad un'altra per motivi lavorativi.
Grazie infinite per le risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 AGO 2022

Buongiorno. I bambini manifestano col comportamento i loro disagi perché gli aspetti comunicativi,collegati a capacità cognitive, sono in via di formazione. Ciò detto mi sembra che questo comportamento sia riservato a lei come papà, quindi sarebbe da indagare sulle differenze nella relazione che vostro figlio ha con mamma e con papà. Indubbiamente la fatica a lasciarvi può esprimere la paura di perdere il controllo su qualche elemento ( esser lasciato, non essere visto,etc...) e la fatica ad adattarsi ad aspetti che forse per il bambino significano la richiesta di esser grande. Spero di aver dato qualche spunto intanto di riflessione e consiglio ovviamente di fare una consulenza un poco più approfondita. Cordiali saluti. Dott.ssa De Colle

Dott.ssa Donatella De Colle Psicologo a Trieste

12 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Fossi in voi indagherei con uno specialista dell'età evolutiva cosa sta succedendo. Il trasloco è un elemento da tenere in considerazione in quanto come grande cambiamento può essere fonte di ansia e stress.

Dott.ssa Carlotta Angeli Psicologo a Massa

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Buongiorno,

suo figlio è un bambino fortunato ad avere dei genitori come voi attenti ai suoi bisogni ed emozioni.
Il trasferimento avrà contribuito ma non determinato solo questo evento.
Vi saranno altri elementi da indagare ed approfondire.
Resto disponibile.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1788 Risposte

553 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Buongiorno,
il trasferimento avrà contribuito.
Tuttavia quando suo figlio arriva a scuola non ha difficoltà a rimanere.
Questo è rassicurante in quanto ci spiega che il posto è sicuro e si trova bene.
Il problema è prima di andare a scuola.
Resto disponibile se vorrà crearsi uno spazio di consulenza per approfondire e gestire tale problatica.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1788 Risposte

553 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Buongiorno, innanzitutto parto con il dirle che suo figlio è fortunato ad avere un padre attento ai suoi bisogni e che si interroga sul suo benessere.
I motivi che spingono un bambino a comportarsi così possono essere molteplici, tra i tanti anche semplicemente il crescere e il cominciare ad assaporare emozioni e confronti con l'altro (coetaneo o adulto che sia) in contesti di socialità; per comprendere i vissuti del suo di bambino tuttavia bisognerebbe conoscerlo ed osservarlo mentre gioca o magari in interazione con lei.
Valuti di affidarsi ad un professionista per un pacchetto di sedute che le permetteranno di fugare ogni dubbio e perchè no passare del tempo esclusivo con suo figlio.
Concludo dicendole che non esistono le regole del genitore perfetto (acconsento si/no alle richieste del bambino), esistono quelle che calzano a misura del vostro mondo, in quel dato momento.
Le auguro una buona giornata, cordialmente.
Dott.ssa Debora Calci

Dott.ssa Calci Debora Psicologo a Carnago

10 Risposte

3 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Buongiorno signor Maverick, i bambini manifestano attraverso i loro sintomi anche eventuali disagi che sperimentano i genitori, ad esempio il vostro vissuto per il trasloco, cosa ha significato per voi, come e quando è stato raggiunto un nuovo equilibrio nella routine quotidiana, come vi diete ambientati, se siete stati eccessivamente preoccupati per il cambiamento. Sentimenti che possono essere espressi e verbalizzati, come tristezza, paura,oppure anche rabbia.
Ci sarebbero molti altri aspetti da indagare e approfondire. Vi suggerisco di rivolgervi ad un terapeuta infantile se le cose non miglioreranno.
Le faccio i miei migliori auguri
Dottoressa Aniela Corsini

Dott.ssa Aniela Corsini Psicologo a San Benedetto del Tronto

114 Risposte

45 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Buongiorno,
Da quanto descrive sembra che non ci siano stati problemi di separazione in prima elementare.
Se così fosse è plausibile pensare che il comportamento evitante del bambino sia una risposta ad un evento vissuto e non rielaborato bene. Andrebbe indagato prima con i genitori e poi con il bimbo.
Resto a disposizione e le auguro il meglio
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

1413 Risposte

785 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2022

Buongiorno Maverik
Sicuramente un trasferimento può essere un fattore che può aver destabilizzato il bambino ma ce ne possono essere altri che hanno a che fare con voi e la vostra relazione in famiglia.
Sicuramente un approfondimento potrebbe essere utile per far luce su questi aspetti.
Poi il fatto di tenerlo a casa potrebbe aver avuto l'effetto di rinforzare il comportamento di protesta del bambino. Se poi ha cambiato modalità può averlo confuso.
Io le consiglio di chiedere una consulenza in modo da aiutare il bimbo ad affrontare la separazione in modo più sereno.
Rimango a disposizione
Saluti
Serena Costa Psicologa dell'infanzia e blogger di Connettiti alla psicologia

Dott.ssa Serena Costa Psicologo a Giovo

90 Risposte

56 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36450

domande

Risposte 124050

Risposte