Pianto alle elementari solo quando c'è una delle due maestre

Inviata da Cinzia · 25 gen 2016 Psicologia infantile

Buongiorno,
è da ottobre 2015 che mio figlio, iniziando la prima elementare, non vuole entrare in classe solo quando c'è l'insegnante di italiano, che per lui fa cose difficili e sgrida molto.
Lui è uno dei più bravi a leggere e scrivere e quando esce è sereno e se gli chiedo come è andata con quella maestra, mi dice tutto bene: è stata buona. Il suo è un po' un odio-amore. Non entra se lei non viene a prenderlo per mano. Lei è al corrente, ma più che rassicurarlo e dargli bei voti non sa cosa fare, certo se sbaglia non può non riprenderlo e lei stessa ammette di essere una maestra severa.
A casa problemi non ce ne sono, siamo uniti e in salute, la gelosia per la sorellina è superata, adesso giocano tanto insieme.
Non so proprio come convincerlo ad entrare senza piangere e la situazione con la maestra sta diventando imbarazzante, perché con l'altra entra da solo e tranquillo.
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 GEN 2016

Buongiorno Cinzia,
se il suo bambino reagisce in questo modo e selettivamente con una maestra, c'è qualcosa che mi fa dire che è un campanello di allarme. Non voglio dire che la maestra abbia un atteggiamento volutamente negativo, ma che magari i suoi modi agitano suo figlio. Consiglio è quello di interpellare uno psicologo infantile che potrà aiutarvi a comprendere il disagio e vi darà qualche suggerimento sul comportamento da tenere, sia a voi famiglia che alle maestre.
Un caro saluto e se avesse altre domande mi contatti.

dott.ssa Miolì Chiung
Studio di Psicologia Salem
Milano - Agrate - San Donato M.se

Anonimo-125892 Psicologo a Milano

220 Risposte

914 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 FEB 2016

Gentile Cinzia,
credo che il problema sia da collocare nel metodo di insegnamento di questa maestra che evidentemente usa la sua severità per correggere il bambino quando sbaglia.
Intanto non sappiamo in cosa consiste questa severità. Lo sgrida? Lo punisce? Lo svaluta?
Qualunque sia questa modalità, è evidente che il bambino ne patisce e per tranquillizzarlo non è sufficiente il successivo atto riparatorio del dargli bei voti quando non sbaglia o il prenderlo per mano quando lei lo accompagna a scuola.
E' anche evidente che non c'è una videocamera in aula e che la maestra può essere in perfetta buona fede trovandosi di fronte ad un bambino particolarmente sensibile ai rimproveri.
Per approfondire la questione e trovare le soluzioni più adeguate suggerisco una consulenza presso uno psicoterapeuta esperto in problemi dell'età evolutiva.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7074 Risposte

20184 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 GEN 2016

Mi sembra che forse la maestra abbia fatto qualche errore metodologico, forse non per colpa sua, ma creo che suo figlio abbia ottime ragioni, ma non è facile capire.
La maestra ammette però ci essere a volte troppo. Va approfondito l'aspetto metodologico.
cordiali saluti,
dott. D. Malerba - mestre

Dott. Daniele Malerba Psicologo a Mestre

110 Risposte

32 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 GEN 2016

Cara Cinzia
allora cerchiamo di comprendere quello che sta succedendo...
lei ci riporta le impressioni di suo figlio quando dice che la maestra "per lui fa cose difficili e sgrida molto".
Questo credo che sia un dato importante di cui tenere conto.
La stessa maestra poi ammette anche di essere "severa".
Questi sono i dati che abbiamo e poi ci sono le "soluzioni" poste fino ad ora e cioè che la maestra lo prende per mano per farlo entrare e che lo rassicura e gli da bei voti.
Non lo so, in tutto questo qualcosa non mi torna...è come che questi atteggiamenti e queste "modalità riparatrici" della maestra non siano convincenti.
Anzi, forse questo atteggiamento selettivo nei suoi confronti rafforza il problema.
Suo figlio, già in prima elementare soffre di un'ansia da prestazione scolastica e questa maestra fa risuonare un problema più generale.
Credo che, in generale il bambino debba essere rassicurato anche di poter sbagliare è "sbagliando che s'impara".
Lui è sotto pressione, per i voti, per la scuola, una pressione generale che sfocia e si manifesta alla presenza di questa maestra.
Sì, mi sono convinta. le misure riparatrici accentuano il problema perché fanno sentire diverso il bambino e mettono ancor più attenzione alla sua insicurezza.
Cosa poi possa voler dire "essere una maestra severa e che sgrida molto" non lo capisco proprio, per me alle elementari, non ha alcun senso.
Occorre riflettere bene su tutti questi elementi continuando un dialogo con la maestra e col bambino.
Anche un consulto con uno psicologo infantile può essere d'aiuto.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologo Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7007 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 GEN 2016

Gentile Cinzia,
Mi viene da chiederle che rapporto ha il bambino con l'autorità. Mi spiego meglio: a casa come vive le imposizioni e le regole? Gliene vengono date? Sarebbe un aspetto interessante da verificare per capire da dove deriva questa difficoltà del bambino a relazionarsi con figure autoritarie, così da intervenire eventualmente su questo aspetto.
Un caro saluto e qualora avesse bisogno non esiti a contattarmi.
Dott.ssa Di Rosa Raffaella
Psicologa - psicodiagnosta e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Villaricca (Napoli).

Dott.ssa Di Rosa Raffaella Psicologo a Villaricca

97 Risposte

44 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24050

domande

Risposte 86600

Risposte