periodo di stress

Inviata da sonia · 1 lug 2020

Buongiorno, sono una ragazza di 20 anni, mi trovo in un periodo di piena sessione di esami universitari cominciata il 25 maggio. Dopo aver dato il mio quarto esame nel giro di 10 giorni, precisamente il 3 giugno, nel corso della sera, improvvisamente, mi è venuto un forte attacco di ansia, con batticuore e sudore, e con una sensazione di non percepire totalmente quello che mi accadeva intorno. Lo spavento è stato così forte che è da circa 4 settimane che ogni giorno ho un po' di paura/ansia, pensieri negativi riguardo quello che mi è successo. Soprattutto, ho dei momenti in cui mi sembra di non essere completamente all'interno del mio corpo, dei momenti di confusione.
Può essere legato all'eccessivo accumulo di stress? Dato anche il periodo di quarantena forzata e di parziale ritorno alla normalità? Cerco di distrarmi ma ci sono dei momenti in cui mi sento proprio giù di morale. Attendo una vostra cordiale risposta, un saluto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 LUG 2020

Salve Sonia,
la situazione che descrive sembra essere un esempio di episodio di panico, probabilmente esacerbato dalla situazione di forte stress di cui ha parlato, il quale ha poi innescato le manifestazioni di "ansia dell'ansia" ovvero, appunto, il rimuginio sull'accaduto legato alla paura del ripresentarsi di un episodio simile. Come appunto dicevo, può assolutamente essere legato ad un distress dato dal carico psico-fisico dello studio, a cui sicuramente si aggiunge il disagio del periodo di pressione legato all'emergenza vissuta. Sarebbe pero da capire se questo disagio sia solo una conseguenza del periodo o se ci fossero altri fattori scatenanti e/o di mantenimento. Il nostro corpo e la nostra mente parlano quando si sentono sopraffatti con lo scopo di comunicare che c'è un equilibrio da ripristinare. Cerchi di ascoltare i suoi bisogni, di prendersi del tempo da dedicarsi per rilassarsi e di non rimuginare sull'accaduto. Lo prenda come un segnale. Ovviamente se dovesse ripresentarsi, se dovesse innescarsi un circolo di disagio e i momenti di umore basso dovessero essere frequenti e intensi, le consiglio un percorso terapeutico che possa sicuramente aiutarla a gestire il circolo ansiogeno innescato. Resto a disposizione, cari saluti dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

32 Risposte

17 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2020

Buongiorno Sonia,
e grazie per la sua storia.
L'ansia che provoca anche sintomi fisici come sudore e accelerazione cardiaca accompagnato da derealizzazione (quest'ultima è solo un'ipotesi) è un'ansia profonda che la situazione stressante ha scatenato. Ci possiamo legittimamente chiedere se era presente anche prima in forma latente. Sappiamo che l'esperienza di reclusione nelle case è stata fonte di disagio psichico per tutti, chi più chi meno ( e come avrebbe potuto essere diversamente?) Ora però lei ben descrive che si è aggiunta la paura che un tale episodio si ripeta. Questa è normale, ma complica le cose per lei che deve gestire non solo l'ansia, ma anche la paura dell'attacco di ansia. So che un periodo di esami e l'avvicinarsi della vacanze non è il momento più propizio per accarezzare l'idea di una terapia, eppure è anche l'unico modo di dissolvere l'ansia e la paura. Farlo insieme ad un'altra persona sarà un compito meno spaventoso e il risultato - la capacità di affrontare momenti difficili - sarò suo per sempre.
Dott. Giuliana Gibellini, Psicologa - Psicoterapeuta, Specialista in Psicologia Clinica ad orientamento Psicoanalitico

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Carpi

300 Risposte

219 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 LUG 2020

Cara Sonia,
La situazione legata alla quarantena ha portato scompiglio nelle nostre vite e molto probabilmente è stata molto brava a dare 4 esami in pochissimo tempo e questo può aver creato un accumulato stress che il suo fisico ha cercato di dirgli qualcosa. L'ascolto verso noi stessi e il nostro corpo sono segnali da tenere presente e vanno accolti per il nostro benessere psico fisico Mi viene da chiederle se ha già avuto periodo di forte stress e come ha reagito? Quale sia la sua personalità e come reagisce a determinate situazioni. Le consiglio se queste sensazioni continuano di chiedere un consulto psicologico nella sua zona.

Resto a disposizione
Dott.ssa Elisa Garofalo

Dott.ssa Elisa Garofalo Psicologo a Calcinaia

21 Risposte

18 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88400

Risposte