Perdita delle passioni

Inviata da Alessandra · 21 set 2016 Orientamento professionale

Cari psicologi io non so se sia normale, giusto, sbagliato o una semplice strana fase della vita. Ma sono una ragazza di 21 anni e vedo gli altri ragazzi, loro sono appassionati e hanno voglia di fare cose! Dalla palestra, allo studio, si innamorano, programmano ogni minima cosa e la portano avanti! Io ho sempre disegnato nella mia vita, posso dire di essere nata con la matita in mano. Ho sempre trascorso la maggior parte del tempo a disegnare e sperimentare materiali. Ma ad un certo punto, dopo il liceo artistico, decisi di cambiare città ed iscrivermi ad un corso di laurea di moda. Ho scelto moda perché credevo che la pittura e la scultura non potessero garantirmi un futuro lavorativo. Durante questi anni di studio ho completamente perso la mia passione. Disegnare è diventato come un dovere, non ho più ispirazione e non tocco più una matita da tanto tempo. Così ho lasciato il corso di moda per intraprendere la strada che mi rappresenta di più, ovvero quella della piuttura e della scultura. Ma a sto punto non so se basterà un semplice corso a far resuscitare la mia passione innata. Questa cosa della mancanza di passione in generale si è ripercossa anche nella mia vita affettiva. Qualche anno fa ho perso la testa per un ragazzo con il quale ho provato delle sensazioni uniche, da allora ho sempre ricercato le emozioni più forti, non accontentandomi mai di aver qualcuno solo per non star sola ( come purtroppo fanno in tanti). Ed inoltre Io amo star sola! Ma ora, a differenza dei mesi scorsi che ricercavo qualcosa da una notte e via, ogni volta che frequento un ragazzo, mi impegno per conoscerlo meglio e finisco anche per affezionarmici, ma la mia domanda ricorrente è: " sono disposta a barattare il mio tempo per un qualcosa che non è emozione, amore o come lo vogliamo chiamare?". Insomma nessuno riesce a catturare particolarmente la mia curiosità tanto da spingermi a provare qualcosa di forte. Non so mi pare tutto così strano, frequento persone che alla fine reputo bellissime e che rispetto, ma il mio stomaco non dà segnali, non riesco più a sentire i brividi in un bacio o ad emozionarmi dopo una bella serata. Mi sembra tutto così piatto, non ho più la mia passione (il disegno, e mi manca un sacco) e non provo più le belle sensazioni che caratterizzano i miei anni. Vorrei aggiungere che sono una persona molto positiva e sempre allegra. Che cosa dovrei fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 SET 2016

Gentile Alessandra,
tu dici che la perdita di passione per il fare (disegno, pittura, scultura) ha dato ripercussioni negative sulla tua vita affettiva.
Io ipotizzo invece che possa essere accaduto il contrario e cioè che la delusione d'amore per il ragazzo col quale hai provato emozioni forti ti abbia provocato contemporaneamente la perdita della passione per il fare.
Credo che tu sia troppo esigente in amore e per questo motivo, essendo anche una persona positiva e allegra e non trovando qualcuno all'altezza dei tuoi standard, forse hai fatto (come si dice) di necessità virtù quando dici che "ami stare da sola".
E' qui che, a mio avviso, sta il nodo da sciogliere.
Penso perciò che dovresti rallentare la tua corsa alle emozioni forti, costruire un rapporto soddisfacente e stabile con qualcuno che apprezza questo stesso tipo di rapporto e, una volta sciolto questo nodo, forse ritornerà anche la passione perduta per il fare.
Ovviamente questi obbiettivi sono più facilmente raggiungibili con l'aiuto della psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7532 Risposte

21073 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 SET 2016

Cara Alessandra,
mancano molte informazioni dalla sua narrazione, quindi non saprei trovare un nesso logico,
ma quello che mi è arrivato forte è il tema della DELUSIONE.
Ho percepito che lei è rimasta delusa, non so bene da cosa o da chi, provo a fare una fantasia, non so se le calza.
Mi viene in mente che lei ha avuto da sempre questo grande dono e questa ricchezza di saper tradurre in immagini ciò che vive e di avere una mano che riesce a creare tali immagini, una dote veramente importante, segno di grande abbondanza psichica, emotiva .....
Immagino anche che al momento di scegliere per il corso di studi, quindi di indirizzare e avviarsi a concretizzare questa sua passione e abilità, sia successo qualcosa, abbia deciso di asservire tutto il suo talento verso qualcosa che forse proprio non le apparteneva. La moda ha delle sue regole precise e degli andamenti che non possono essere totalmente scelti da chi disegna e crea.
Forse questa ristrettezza e forse anche la tematica non corrispondono a quando il suo mondo interno spinge da sempre verso l'esterno.
Può anche essere che questa sua grande passione non si asservirà a nessuna regola esposta all'esterno e come tale deve rimanere, fine a sè stessa. Può essere, ma sono solo ipotesi, che il suo lavoro futuro e la sua passione debbano rimanere disgiunti o possano incontrarsi ad altri livelli più sottili.
Di sicuro la passione è viva e si alimenta dove c'è abbondanza e spazio, per cui credo che debba darsi il tempo di sperimentare nuovamente le sue doti con libertà, oltre che come formazione professionalizzante. Lo stesso dicasi nelle relazioni, deve stare a suo agio e non avere fretta.
Ogni relazione può donare qualcosa nello scambio, può essere che non scatti la passione, ma vi sono tanti livelli e tante ricchezze, tutte legate fra loro che si alimentano a vicenda.
Non abbia fretta, non pensi di perdere tempo! Non è mai una perdita di tempo! Caso mai un impiego di tempo in cui si impara sempre qualcosa.
Prenda il vuoto che vive in questo momento come un foglio bianco, può darsi che l'idea non arrivi subito, che la mano non produca immediatamente: finchè rimane libero costituisce pur sempre uno spazio disponibile per essere riempito!
Si fidi di sè! Ha 21 anni ed è normale farsi domande, vivere emozioni contrapposte, delusioni e perdite di sogni.
Importante fidarsi del fatto che vi saranno altri sogni e progetti!

Sabrina Costantini
Psicologa Psicoterapeuta
Pisa- Cecina

Sabrina Costantini Psicologo a Pisa

116 Risposte

294 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 SET 2016

Gentile Alessandra,
in questa sede non siamo soliti interrogarci su ciò che è giusto o sbagliato, normale o meno, semplicemente ascoltiamo le storie di chi ci scrive e per quanto possibile cerchiamo di dare suggerimenti per poter vivere meglio.
Se il disegno è sempre stata una sua grande passione, riprenda in mano la matita e riprenda a disegnare. Credo sia un'ottima idea quella di frequentare il corso di scultura e pittura.
Inoltre le emozioni forti di cui parla non sono sempre presenti con la stessa frequenza e la stessa intensità nel corso della vita, è invece piuttosto frequente che ci siano periodi più piatti. Capita spesso che quando si è giovani si sperimentino molte più situazioni nuove che danno emozioni forti, ma andando avanti col tempo questo aspetto si affievolisce.
Dal suo racconto mi sembra che anche lei abbia delle passioni a cui vuole dedicarsi e non riesco a cogliere la differenza che cita rispetto ai suoi coetanei. Le chiedo: potrebbe essere che questa differenza esista solo per lei, ma invece lei è in realtà più simile agli altri di quanto non pensi?
Riguardo ai ragazzi, la scelta di voler conoscere meglio un ragazzo e non accontentarsi più di una notte e via sembra essere un segno del passaggio verso l'età adulta. Spesso poi è più facile sperimentare emozioni forti in un istante ben preciso che non in una relazione duratura. Forse il punto è cercare di capire ciò che vuole: meglio una relazione continuativa e duratura o una toccata e fuga in grado di darle emozioni forti? La risposta a questa domanda solo lei può darla. Potrebbe anche desiderare entrambe le cose e portarle avanti entrambe. La scelta sta a lei.
Le auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,
dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta, Sustinente (Mantova)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

725 Risposte

2244 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2016

Gentile Alessandra, la situazione che tu riporti mi evoca il duello razionalità-emotività. Dici di aver scelto un percorso di studi per una prospettiva di lavoro ()razionale)tradendo in un certo senso la tua passione per la scultura e la pittura (emotività ). Ora ti trovi un po' smarrita perché con la crescita si cambia e non coltivando la tua emotività ti sembra di non riconoscerla più. Potrebbe trattarsi di un periodo di crisi, di cambiamento in cui potrebbe esseri utile una psicoterapia che possa aiutarti a conoscere meglio te stessa e riscoprire la tua autenticità. Un saluto dott.ssa Anna Rita Marchi

Dott.ssa Anna Rita Marchi Psicologo a Cagliari

40 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102150

Risposte