Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Perdita della mamma

Inviata da Marco il 4 apr 2018 Psicologia sociale e legale

Buongiorno sono il papà di una bambina di 10 anni che 4 anni fà ha perso la mamma a causa di una neoplasia maligna. Sono stati anni difficili, perchè nonostante non avessimo accanto alcun parente che ci potesse aiutare, essendo emigrati per lavoro, nel mio piccolo ho cercato di sopperire al meglio, ma mi rendo conto che forse è arrivato il momento di farmi aiutare, perchè percepisco dei segnali che potrebbero nascondere dei malesseri legati a questo trauma e non voglio sottovalutarli. Non ho mai affrontato seriamente il problema con uno psicologo, anche se ne ho consultato alcuni, perchè ritenevo la bambina troppo piccola per un percorso psicologico, ma forse adesso è arrivato il momento, poichè mi accorgo di strani comportamenti che non riesco a decifrare se imputabili al carattere, o ad un malessere che cova dentro.
Si ripetono capricci a tavola, una modalità di parlare un pò infantile, noia per qualunque faccenda domestica, contestazione continua, ricorso frequente alle bugie, sbuffi, smorfie e bronci, mancanza di sorriso, etc, etc.
Dal momento che tendo a colpevolizzarmi per quello che è successo, non sono molto obiettivo sulla questione per cui vi chiederei un consiglio. Gli psicologi consultati finora per breve periodi non sono stati risolutivi; qualcuno era più interessato a psicanalizzare me e attraverso me arrivare alla bambina, qualcun'altro si era cimentato ad osservare la bambina al di fuori di un contesto quotidiano arrivando a diagnosi discutibili, come la pericolosità di rompere il guscio emotivo in cui la bambina si è rifugiata dal momento in cui ha perso la mamma. Grazie per le vostre risposte (Marco dalla provincia Monza Brianza)

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Marco,
le informazioni che lei fornisce non sono sufficienti per avere un quadro completo della situazione.
Così, ad esempio, lei non dice se ha altri figli o se, dopo la perdita di sua moglie, ha vissuto e vive tuttora da single o con un'altra compagna.
In questa seconda eventualità sarebbe importante sapere che tipo di relazione è stata instaurata da parte di questa persona con la bambina.
Sarebbe anche importante sapere se c'è stata qualche altra persona di famiglia ad assumere un ruolo sostitutivo di tipo materno nei confronti di sua figlia.
Quanto poi ai precedenti brevi contatti con psicologi, sono d'accordo col collega che ritiene sia necessario il sostegno psicologico anche per lei oltre che per la bambina dal momento che lei è rimasto la figura di riferimento più importante per sua figlia.
Ovviamente deve trattarsi di un percorso di psicoterapia e non di qualche breve consultazione isolata.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6571 Risposte

18390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Marco
La perdita di una persona cara è molto spesso traumatica; lo diventa ancora di più nel caso di una figura di riferimento come un coniuge o un genitore. Colgo il suo desiderio di essere accompagnato in questa delicata fase. Sua figlia, come spesso accade in bambini che perdono i genitori, sta manifestando comportamenti regressivi o difficili da gestire. Sappia che è tutto nella norma,i bambini non hanno consapevolezza e parole giuste per esprimere quello che sentono e vivono. Si rivolga ad uno psicologo che possa aiutarla a dare voce al dolore, alla sofferenza e alla rabbia in un modo semplice e adatto una bambina così piccola. Non abbia fretta e si conceda con fiducia, i tempi di lavoro non possono essere brevi. È auspicabile anche un supporto per lei nel momento in cui sentirà il bisogno di essere sostenuto; è molto probabile che le sollecitazioni che sua figlia le fornirà sulla sua elaborazione del lutto potranno riguardare anche il suo vissuto. Cordialmente. Dott.ssa Nadia Carbone

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissimo Marco,
come sicuramente saprai, l’elaborazione del lutto è un processo che deve essere affrontato senza fretta. E soprattutto, senza scordarsi che la grave perdita provocherà effetti diversi a seconda del periodo di sviluppo che tua figlia attraverserà. Non aspettarti una risposta emotiva e comportamentale omogenea che possa rimanere costante a tutte l’età. Inoltre a differenza tua, la piccola non ha ancora gli strumenti per fronteggiare la perdita. Quindi starle accanto è la miglior cosa che tu possa fare. Senza maturare, però, inutili sensi di colpa. I sensi di colpa possono insorgere laddove ci sia stata la possibilità di una scelta e nell’eventualità che la scelta fatta abbia provocato un danno a qualcuno, provare un sentimento di rammarico. Nel tuo caso, non ci sono state scelte possibili. Dunque sgombriamo il campo da queste indebite responsabilità. In merito al comportamento dei miei colleghi, devi comprendere che ciascuno di noi utilizza le proprie competenze, il proprio approccio e la propria personalità, per elaborare quella che ritiene la strategia migliore. Ma sempre finalizzata al superamento e alla risoluzione delle difficoltà. Esprimere pareri sul loro operato sarebbe scorretto e inappropriato. Posso però garantirti che i risultati nei “brevi periodi” sono molto difficili da ottenere e non è detto che poi permangano. Magari potresti, visto che ne avverti l’esigenza, consultare un professionista e, prima di affidarti a lui/lei farti, preventivamente, indicare il loro parere e il percorso che intendono adottare. Buona fortuna.
Dott. Roberto Bernini

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Marco
capisco che la tua preoccupazione per tua figlia, sicuramente va affrontata e gestita, positivo il fatto che tu ti sia già rivolto a dei colleghi per essere rassicurato, da considerare però che pochi incontri non sono sufficienti per essere risolutivi.
Un percorso psicologico più continuativo che coinvolge tutti e due sarà sicuramente utile.
Dott.ssa Giovannone Maria Angela
Ceccano (fr)

Dott.ssa Maria Angela Giovannone Psicologo a Ceccano

12 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77850

Risposte