Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Perdere il controllo arrossendo

Inviata da marco il 19 set 2012 Autostima

Salve, vorrei esporvi il mio problema...sono un ragazzo di 22 anni forse un po' timido. La causa del problema è che quando sono in luoghi affollati mi viene un'ansia che mi porta ad arrossire.. ad esempio se vado in un supermercato a fare spesa e mi avvicino alla cassa è la fine per me!.. o quando sono in un ufficio e dovrei parlare con un'impiegata, nel momento in cui dovrebbe parlarmi e guardarmi non sono me stesso e arrossisco, cosa che succedeva anche a scuola quando venivo chiamato dall'insegnante..cosa posso fare per levarmi quest'ansia?
grazie mille

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Marco,
posso immaginare quanto questa situazione condizioni la sua serenità quotidiana, ma mi sento di rassicurarla sul fatto che, per problematiche di questo tipo, si possono ottenere dei buoni risultati attraverso la terapia cognitivo comportamentale; le consiglio, pertanto, di cercare un professionista specializzato in tale approccio.

Un grande in bocca al lupo.
Dott.ssa Ilaria Visconti.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

grazie mille per le risposte, può essere un problema di autostima? ...dal fatto che ogni volta che mi presento in queste occasioni mi tiro indietro?

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Marco,
mi pare di capire che il tuo non sia solo una paura di arrossire, ma un problema ben più grande che riguarda proprio una difficoltà nel relazionarti con persone che non conosci.
A quanto pare, finora sei riuscito a gestire questo problema, ma ora forse per te è diventato più complicato o semplicemente hai preso la decisione di cominciare ad affrontarlo.
è molto limitante, e tu lo sai bene, privarsi di tutto per paura di questa "ansia"; certo bisogna che indaghiamo su quando la provi, se sempre o se solo qualche volta, dove, in che momento della giornata, se maggiormente quando sei solo o quando sei in compagnia, se la provi anche con conoscenti, familiari, amici..
Ti suggerisco di intraprendere qualche incontro psicologico, per indagare maggiormente questa tua difficoltà e per capire come gestirla.
Cerca uno psicologo che opera nella tua zona, anche utilizzando questa guida.
Dott.ssa Marianna Vallone. Roma

Marianna Vallone Psicologo a Modena

108 Risposte

61 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Marco,
ti consiglierei un corso di teatro/recitazione, sai insegnano ad esprimere le emozioni ed a controllarle.
Potrebbe essere una buona alternativa ad una Psicoterapia, se invece vuoi provare con quest'ultima ti consiglio un orientamento psico-corporeo o Biosistemico.
Dott.sas Silvia Tonelli - Rimini -

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve, probabilmente lei ha problemi legati all'autostima. La nota caratteriale "timidezza" è risolvibile se inizia prima di tutto ad accettarla. E a convivere con le emozioni che la accompagnano. A cosa sono legate? Perchè sono così forti che la paralizzano? Cerchi qualcuno che possa aiutarla ad esprimere tutto ciò che la blocca. Ho recentemente avuto un caso simile al suo, attraverso tecniche di rilassamento sono riuscita ad ottenere buoni risultati. Si informi su qualche bravo specialista delle sua città.

Cordiali saluti.

Dott.ssa Valentina Cioni

Dr.ssa Valentina Cioni Psicologo a Pisa

9 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Marco,
ha già fatto gran parte del lavoro su se stesso: ha preso coscienza della sua situazione e ha chiesto aiuto! è un ottimo inizio per poter cambiare!
Credo che la soluzione migliore per Lei in questo momento sia rivolgersi a uno psicologo della sua città, per capire da dove nasce tutta quest'ansia, quando è iniziata e quali sono le strategie da adottare per tenerla sotto controllo.
Cordialmente
Dr.ssa Valentina Segato

Studio Di Psicologia Dott.ssa Valentina Segato Psicologo a Trieste

45 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Marco,
per superare questo problema è necessaria la motivazione a cambiare, a migliorare, a riflettere sul fatto che questo vorrà dire esporsi, gradualmente, ma esporsi sempe di più e in contesti più ansogeni e imparare a tollerare la tensione a farlo. Se sente che da solo non riesce a farlo sufficientemente da modificare la modalità di controllo della tensione, valuti di recarsi di persona presso uno Psicologo della sua città.
Cordialmente
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Marco,
l'arrossire non è "la causa " del problema, è l'espressione emotiva , attraverso il corpo, di un suo vissuto, relativo al relazionarsi con alcune situazioni o persone, in cui, probabilmente, sente di doversi esporre o "mostrare la faccia". Capisco tuttavia, che , vivendolo, il rossore appare come "il problema".
E' un pò come mettersi una maschera per proteggersi o per mostrarsi, per converso, agli altri.
Una forte energia che sale ( e forse, non espressa in altri modi, come vorrebbe)!
Provi a farsi aiutare da un/a collega, contattatando intanto per una consulenza.
le potrebbe essere utile per riscoprire quali potenzialità e quali probabili insicurezze parlano attraverso il suo viso.
Non è "la fine", ma un'occasione per un buon inizio!
cari auguri

Dott.ssa Elisa Fagotto Psicologo a Portogruaro

334 Risposte

182 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Marco,
l'ansia non è altro che la paura di un qualcosa che non c'è al momento, ma ci potrebbe essere, una paura anticipatoria, che non ci fa essere in contatto col momento presente, ma con la paura appunto. Nel momento in cui lei si avvicina alla cassa o alla scrivania dell'impiegata, non è più in contatto con la persona che le sta davanti, ma con le sue paure (di non essere simpatico? di dire cavolate?).
In quei momenti una cosa che può fare è dirsi che se anche arrossisce probabilmente la maggior parte delle persone non se ne accorge o comunque non è interessato, e concentrarsi al momento, a quello che vede intorno a se', alle cose che fa, distogliendo l'attenzione dai suoi pensieri.
Se il problema persiste, provi a contattare uno psicoterapeuta della sua zona che l'aiuti a riconoscere e gestire le sue emozioni.
Cordiali saluti
Dr.ssa Alfonsina Pica, psicologa e psicoterapeuta

Dott.ssa Alfonsina Pica Psicologo a San Miniato

102 Risposte

83 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Marco
rivolgiti ad uno Psicoterapeuta ed esponi chiaramente il tuo problema con grande fiducia che sappia aiutarti.
Ci sono tante cose di te che potrai raccontare a questa persona e il solo fatto di aprirti con lei sarà un ottimo esercizio a superare la timidezza.
Ci sono tecniche che possono aiutarti molto per accrescere il senso di sicurezza, autostima e che possono aiutarti ad eliminare questi disagi psichici e fisici legati all'insorgere di ansia.
Sei giovane, non trascurare il problema , affrontalo con il chiaro intento di migliorare la tua vita.
..e la tua vita migliorerà!!!
Auguri
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6716 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Non e' detto che la sua reazione emotiva sia legata esclusivamente all'ansia, puo' essere sostenuta da diverse emozioni e attivazioni pulsionali, normalmente sono socialmente diffuse interpretazioni che non aiutano a risolvere il problema perche', per esempio non e' con una semplice rassicurazione, ritenendo che la reazione sia legata solo all'emozione della paura, quindi semplificando per approssimazione, che si aiuta una persona con un problema come il suo. Uno psicologo puo' riconoscere la complessita' della sua reazione e aiutarla . Cordiali saluti Carla Foletto

Dott.ssa Carla Foletto Psicologo a Mantova

4 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

egregio signor Marco,
apparentemente e superficialmente dalle notizie riferite il trattamento psicoterapico non dovrebbe rivelarsi complesso e difficile. Trattasi di casistiche frequenti che solitamente ottengono ottimi risultati clinici particolarmente con un approccio psicoterapico cognitivo-comportamentale volto a ridurre i correlati somatici della sintomatologia ansosa e trasmettere quel bagaglio di competenze sociali necessario per affrontare le persone senza inutile ansia e raggiungendo lo scopo sociale prefisso. Una attenta valutazione clinica preventiva potrà accertare o escludere diagnosi specifiche e capire meglio quale terapia e quali strategie terapeutiche sono più confacenti per risolvere definitivamente il problema senza dover necessariamente ricorrere a psicofarmaci (tradizionalmente la psicoterapia cognitivo comportamentale opera infatti per ottenere successi durevoli, a livello sintomatico e a livello di cause, senza ricorrrere a farmaci)
dr paolo zucconi, psicoterapeuta e sessuologo comportamentale a Udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1554 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

gentile Marco,
innanzitutto l'ansia non è una cosa che si può "levare", come un brutto paio di scarpe vecchie da gettare in un cassonetto. Semmai ne va compresa, per quanto possibile la causa più profonda e poi su questo si lavora, anche con tecniche di gestione se necessario.
Può ben sperare di risolvere questa sua difficoltà con l'aiuto di uno specialista qualificato
Un caro saluto
Dr. Alessia Scipioni

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte