Perché sono paranoica e autodistruttiva?

Inviata da Danielle87 · 3 ott 2017 Autostima

Credo di avere un problema...sono 7 anni che non sono fidanzata,lui mi lasciò perché io ero troppo gelosa e morbosa (diceva lui).ma fondamentalmente non era un rapporto sano,lui era un bugiardo cronico ed io credevo a tutto ciò che diceva. Mi ha fatto il lavaggio del cervello anche dopo esserci lasciati.per molto tempo non ho frequentato nessuno per paura di stare male. Poi ho iniziato ad avere rapporti occasionali con persone che mi facevano sentire una nullità e nonostante ciò mi sono autoconvinta che loro ci tenessero in qualche modo a me. Nonostante abbia deciso sempre io fi chiudere questi rapporti, mi sono sempre sentita abbandonata. Poche settimane fa ho conosciuto un ragazzo, mi ha riempito subito di attenzioni. C'è stato qualche bacio ma nulla di fisico. Mi piace molto lui soprattutto per il fatto che mi fa sentire desiderata.
Ma purtroppo è entrato in scena il mio comportamento autodustruttivo: ho iniziato a cercare pretesti per litigare, ipotizzando che lui vuole solo sfruttarmi per portarmi a letto, diventando gelosa senza una motivazione. Insomma sono andata fuori di testa. Gli ho chiesto scusa per aver rovinato tutto, per lui è tutto ok, mi ha detto che siamo amici più di prima.
Ma io non voglio solo la sua amicizia! È chiaro che se l'ho offeso le cose non potranno tornare ad essere come prima...
Non capisco perché mi comporto così...ho paura di legarmi,di stare male e di essere presa in giro...sono prevenuta, mi metto sulla difensiva per paura di soffrire...ma allo stesso tempo vorrei avere una persona con cui condividere la quotidianità.
ora che sento che lui mi ha allontanata sono ansiosa e paranoica...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 OTT 2017

Gentile Danielle,
lei ha compreso molto bene il suo classico meccanismo di funzionamento della "profezia che si auto-avvera" basato sulla insicurezza e sulla bassa autostima.
Purtroppo il senso di sicurezza personale e un buon livello di autostima non si improvvisano nè sono congeniti ma occorre acquisirli attraverso un adeguato percorso di psicoterapia che vivamente le consiglio.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7640 Risposte

21334 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 OTT 2017

Gentile sig.ra Daniela,nel prendere attenzione della sua richiesta e del profondo senso di confusione in merito a questa storia di per sè complicata, proponiamo, nel caso fosse interessata ad una consulenza, il nostro Centro che le offre l’opportunità di usufruire di un primo incontro di orientamento gratuito, in seguito al quale le indicheremo il percorso più idoneo alla sua richiesta.
Il CIPPS è il primo Centro europeo interamente dedicato all’Integrazione del Modello Strategico con le Neuroscienze e la Genomica Psicosociale di Ernest L. Rossi. Il modello del nostro Centro utilizza le più accreditate teorie e tecniche psicoterapiche e le integra con le conoscenze del funzionamento cerebrale, neuronale, fisiologico e genomico. Inoltre, il CIPPS oltre ad essere un Polo di Formazione e di Ricerca, è anche un Polo Clinico di eccellenza che vanta al suo interno un team di psicoterapeuti di fama intenzionale altamente specializzati ed impiega metodologie d’intervento innovative ed efficaci.

Centro Internazionale di Psicologia e Psicoterapia Psicologo a Salerno

4 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 OTT 2017

Gentilissima Danielle,
non è facile rispondere in poche righe a questa sua domanda, la cui risposta va cercata in profondità, nelle sedi adatte e con un professionista. Credo però che la sua esperienza con un uomo bugiardo le abbia procurato una sorta di meccanismo di difesa che tenda a mettere sempre alla prova chi ha di fianco, "alzando l'asticella" sempre più in alto, per mettere alla prova l'altro e vedere fino a che punto possa essere affidabile e non ferirla più. Credo che sia questo che lei chiama comportamento autodistruttivo. Questa sua forma di autodifesa è legittima in caso di brutte esperienze, è la soluzione che si è trovata per far fronte ad una sofferenza e per evitarne di future. Sfortunatamente il rapporto con l'altro porta sempre una dose di incertezza e dobbiamo interrogarci sul nostro rapporto con l'incertezza, il non sapere, con ciò che non riesce ad essere sotto il nostro controllo.
Non si disperi, le cose possono essere sistemate anche con questa persona nuova che ha incontrato e che dice di avere offeso: c'è sempre una seconda possibilità.
Detto questo la invito ad intraprendere con un professionista serio (psicologo, psicoterapeuta) un lavoro di conoscenza su sé stessa e sul suo rapporto con l'Altro, intendendo con Altro tutto ciò che al di fuori di lei.
In bocca al lupo
Dr.ssa Anna Fontemaggi

Dr.ssa Anna Fontemaggi Psicologo a Rimini

8 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Gentile Danielle,
le suggerisco di affidarsi ad un percorso terapeutico, per elaborare i vissuti dolorosi pregressi e per modificare le dinamiche disfunzionali responsabili delle sue difficoltà a stabilire e mantenere relazioni sentimentali.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1261 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Gentile Danielle87,
dopo 7 anni in un rapporto difficile, è più che comprensibile la sua paura a legarsi ed a fidarsi. In seguito ha trovato persone che non hanno fatto altro che contribuire ad ingrandire la difficoltà. Un grande passo tuttavia lo ha già fatto ed è rendersi conto dei suoi comportamenti che le creano difficoltà relazionali. Si è quindi messa in discussione rispetto a ciò che la fa stare male.
Rispetto alle ragioni che li guidano e li sostengono bisognerebbe andarle a cercare indietro nel tempo, probabilmente più in là rispetto a quel rapporto distruttivo.
Senza focalizzare bene la situazione rischia infatti di andare a ricadere in schemi che si ripetono alimentando le sue paure.
Ha mai pensato ad iniziare un percorso personale?

Cordialmente

Dott.ssa Raso Rossana

Dott.ssa Rossana Raso Psicologo a Aosta

76 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Buon giorno Daniella.Sicuramente i nostri comportamenti auto-distruttivi "ci regalano "dei vantaggi secondari..Proporsi ad una diversa modalità esistenziale ci fanno perdere questi vantaggi e creano una certa destabilizzazione ..Ma,un buon lavoro terapeutico ci permette di superare queste difficoltà e scoprire una maniera molto più ecologica (vede metodo EMDR) al nostro modo di essere.In bocca al lupo

Dott.ssa Brandào Veronica Psicologo a Legnano

5 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Cara Danielle,
il suo livello di autostima è assai scarso e necessiterebbe di un grande aiuto.
La relazione precedente ha contribuito ad impoverirlo e ha farle perdere il contatto con le parti di sé stessa che sono in grado di comprendere e leggere adeguatamente i segnali che l'"altro" ci dà.
Ora la paura la condiziona ad agire delle reazioni che rischiano di realizzare ciò che più teme: essere abbandonata.
Un percorso di sostegno psicologico le sarebbe di grande aiuto per disinnescare i meccanismi automatici di allerta e difesa che la portano ad amplificare la sua sofferenza.

Dott.ssa Paola De Marco

Dott.ssa Paola De Marco Psicologo a Mestre

46 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Gentile Danielle,
Questi comportamenti sono indice di profonde ferite che le creano timori e paure nella relazione. Probabilmente la loro origine è nel passato, l'autostima è altresì molto bassa.
Le ansie non le permettono di vivere un rapporto sereno e pensieri ricorrenti ed intrusivi minano la propria serenità.
Le consiglierei di intraprendere un adeguato percorso psicologico per superare tali difficoltà.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2768 Risposte

2321 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Ciao Danielle. Si c è da costruirti come persona che trovi una sua sicurezza e una sua dignità. La tua paura di stare davvero male con dei legami ti comporta di avere agiti autodistruttivi. Perché occorre strutturare le emozionali di cosa é un rapporto sano in modo da riconoscerlo e portarlo avanti. Per questo probabilmente una psicoterapeuta maschio potrebbe aiutarti a ritrovare quella fiducia persa, trovando un orizzonte sicuro dove muoverti, dove ogni volta che vai fuori strada c'è qualcuno che ti rimette in rotta fino a che non deraglierai più.

Psicoterapeuta Davide Milanese

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

212 Risposte

67 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Cara Danielle, capisco dalle sue parole che per lei i legami sono percepiti come pericolosi e necessari al contempo. È una vecchia storia ,ma capisco bene che la faccia molto soffrire. Credo ci siano molte componenti in circolo: una autostima da rafforzare,una identità da fortificare di lei come donna,e una ricerca di comprensione di cosa la spaventa tanto nel sentirsi legata affettivamente a qualcuno,tanto da portarla a com portamenti autodistruttivi,come li ha definiti lei. Credo che sia necessario un percorso di psicoterapia perché il rischio sento che per lei può essere continuare a ripetere certi comportamenti che la fanno soffrire e sentirsi in gabbia per questo. Le faccio i migliori auguri. A disposizione dottoressa Giulia Piana Milano

Dott.ssa Giulia Piana Psicologo a Milano

78 Risposte

98 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Cara Danielle,
Ha fatto un'analisi molto dettagliata della sua situazione e delle sue emozioni. Gli schemi relazionali che tendiamo a creare in età adulta spesso sono una ripetizione di quanto sperimentato in infanzia. Se ci fosse stata una figura di riferimento autoritaria e svalutante avrebbe insinuato in lei il timore di valore poco e di non meritarsi di essere davvero amata. Che sia in infanzia o già in età adolescenziale (con la relazione da lei descritta) lo sviluppo di questa "colazione a ripetere", un percorso terapeutico potrebbe aiutarla a ridarsi valore e permettersi una sana relazione amorosa.

A disposizione,
Dr. Muzio Sara

Anonimo-168276 Psicologo a Milano

28 Risposte

16 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Cara Danielle,
hai mai pensato di vedere il tuo problema con una ottica completamente ribaltata? tu parli di comportamenti autodistruttivi, di litigate, di gelosia etc. E' evidente che porti dentro di te una forte carica di risentimento dovuta al fatto che ti senti frustrata e non in grado di far valere i tuoi bisogni. E penso che i tuoi litigi tutto fanno meno che far chiarezza. Sei in grado di fare una richiesta diretta al tuo partner? sei capace di dire "no" senza timore di "ritorsioni" o conseguenze? etc.. Credo che se impari queste piccole cose non ricorrerai più a comportamenti autodistruttivi nelle tue relazioni..
buon lavoro e se hai bisogno di aiuto a fare i primi passi sono quà
dott. Munzi

Studio Medico psicoterapia ed ipnosi Dott. Stefano Munzi Psicologo a Canino

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2017

Salve Danielle
È possibile che il rapporto del passato a cui lei accenna, abbia lasciato in lei dei dubbi, delle paure, dei timori che hanno condizionato il suo modo di approcciarsi con questo suo amico.
La invito a parlare di questo suo modo di reagire con uno psicologo che la può aiutare ad imparare un altro modo di relazionarsi.
Dott Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2017

Ciao Danielle,
innanzitutto volevo dirle che ha una buona consapevolezza di se stessa e questo è davvero importante per migliorare le proprie relazioni. Appare da quello che scrive il suo bisogno di essere amata cui fa da contraltare l'aspettativa che, l'altro, invece di amarla, le mente o la prende in giro. Purtroppo le sue storie passate hanno rinforzato molto sia il suo bisogno di essere amata (essendo stato spesso frustrato), che la sua aspettativa di essere abbandonata. Ciò le crea enorme sofferenza ogni qualvolta si lega ad una persona, è come se le scattasse una sorta di allarme e inizia a pensare che l'altro la sfrutta, vuole solo portarla a letto, ha un'altra ecc... Così reagisce a questi pensieri ed emozioni con comportamenti distruttivi, creando litigi, diventando sospettosa e in genere a cercare le conferme del suo schema, ossia l'altro mi mente, o mi prende in giro. Ciò ovviamente crea una frattura nella relazione, probabilmente l'altro si sente sotto osservazione o messo alla prova, e può capitare che non comprende il suo reale bisogno e le sue paure e si allontana, confermando la sua aspettativa di essere abbandonata. Questo meccanismo si attiva automaticamente, come ha detto lei stessa per difesa dalla paura di soffrire, non è colpa sua, è solo la sua strategia per preservarsi da una forte sofferenza. La cosa importante che deve sapere è che è possibile rompere questo circolo. Nel caso non ci riuscisse da sola, chieda aiuto ad un terapeuta.
Distinti saluti
Dott. Geremia Napolitano

Dott. Geremia Napolitano Psicologo a Marigliano

21 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19050

psicologi

domande 30700

domande

Risposte 105250

Risposte