Perché sono così freddo con la mia famiglia ma non con i miei amici?

Inviata da Antonio123 · 20 mag 2021 Autorealizzazione e orientamento personale

Ci sono delle situazioni in cui mi sento a disagio, per esempio quando qualcuno della mia famiglia è gentile con me. È strano che succeda, infatti in realtà non sono mai gentili con me, non ci sono abituato quindi divento tremendamente freddo e sto zitto senza dire nulla. Con i miei amici è diverso: abbracciarci o dimostrarci affetto è normale. Perché invece sono così con la mia famiglia? Da poco è morto uno zio e non ho pianto, mi sono sentito a disagio perché non sapevo cosa fare. Mia madre mi ha chiesto: "cosa ti succede? Non provi nulla?". Perché sono così con la mia famiglia? È grave? Devo preoccuparmi?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 MAG 2021

Buonasera Antonio, il modo di comunicare le emozioni non è genetico ma appreso, si impara attraverso le relazioni. Anzi, in realtà, gli ultimissimi studi neuropsicologici, di Attaccamento, etc., spostano sempre più indietro (quindi, già quando si è in utero) il momento in cui si imparano e memorizzano tante situazioni, emotive e cognitive, che saranno utilizzate in seguito. Tornando alla sua domanda, forse i modi di esprimere le emozioni e l'affettività, nella sua famiglia, non sono molto diretti, anzi lei (ricordiamoci sempre che qui possiamo formulare solo ipotesi di lavoro), sin da piccolo, ha dovuto ricavare da informazioni indirette come regali, gesti, frasi non francamente collegabili ad una emotività del "presente", ciò che provavano i suoi cari. Questo non perché loro non fossero coinvolti verso di lei ma, probabilmente, perché anche i loro genitori, a loro volta, non sapevano come si faceva ad esprimersi direttamente in modo caldo ed emotivo. Il fatto che lei non abbia pianto al funerale di suo zio, è coerente col quadro che ci ha comunicato. Fortunatamente, in un contesto diverso come quello con gli amici, riesce ad avere un'espressività emotiva più diretta. Personalmente, non credo sia una questione di sentirsi meno giudicato rispetto che in famiglia. Sono più dell'idea che, poiché nelle relazioni (di qualunque tipo) le cose si fanno in due-tre-quattro-etc., con gli amici lei ha un'immagine di Sé con esperienza interazionale positiva ed utile in quell'ambiente. In famiglia, forse, non ha un'immagine o esperienza di Sé che abbraccia, ad es., uno dei suoi cari ed una reazione positiva e reciproca a tale abbraccio. Forse ha solo un'idea di ciò che potrebbe succedere e, se non lo fa, significa, probabilmente, che tale idea non comunica niente di positivo, per cui si evita di farlo.
Le consiglio un sostegno psicologico per potersi "allenare" a fare emergere i suoi stati interni anche in ambiti dove finora è stato difficile, per acquisire anche strumenti relazionali sempre più forti e stabili ed un senso di Sé ancora più flessibile e complesso.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista/Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo a Roma

735 Risposte

1151 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 MAG 2021

Buongiorno,
da quello che lei scrive sembra che lei abbia un modo di percepire e trasmettere le emozioni molto coartato.
Anche quello che lei scrive sul come percepisce le gentilezze mi fa pensare che viva questi tipi di "carezze psicologiche " come fasulle di "plastica" questo mi porta a pensare che l'apprendimento emotivo e sociale sia stato incentrato su delle modalità fredde e distanzianti.
Credo che un percorso psicologico potrebbe aiutarla.
Resto a sua disposizione.
Cordiali saluti
Dr. Massimiliano Compagnone
Possibilità di terapia on line

Dott. Massimiliano Compagnone Psicologo a Aulla

196 Risposte

47 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2021

Caro Antonio,

il fatto stesso che ritieni strano il fatto che la tua famiglia sia gentile con te, da’ un iniziale idea del motivo per cui la tua reazione alla loro strana cortesia è freddezza e distacco; semplicemente non ci sei abituato. Il tuo disagio e assenza di dolore rispetto alla morte di tuo zio (materno o paterno?) è un altro elemento che può far ipotizzare assenza di condivisione e vicinanza nei tuoi confronti da parte sua quando era in vita, viceversa o da entrambe le parti. Invece con i tuoi amici ti senti molto più libero di esprimerti, ovvero di essere te stesso. Forse il motivo risiede nel fatto che non ti senti giudicato o bersaglio di aspettative pressanti.
Rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento, anche online.

Dott.ssa Francesca Orefice.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

550 Risposte

180 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19050

psicologi

domande 30700

domande

Risposte 105250

Risposte