Perché sono ancora qui?

Inviata da Fallita. · 14 mar 2018 Depressione

Questa è una domanda che mi pongo spesso. Perché sono ancora qui? Perché vivo ancora? Che senso ha vivere?
Lo chiedo a voi perché io non so darmi una risposta. Ho 18 anni e ho pensieri suicidari e autolesivi da quando ne avevo 12/13. Ricordo che quando avevo solo 13 anni, nel mio diario personale del tempo, avevo scritto di volermi tagliare le vene... cosa che poi ho effettivamente tentato di fare a 14 anni. Fallendo miseramente. Per poi ritentare, stavolta cercando di recidermi la gola, a 17 anni. E ancora, fallendo, perché fa troppo male e mi fermo sempre troppo presto.
Adesso non sto particolarmente male, e le "tempeste" sono apparentemente passate; sto cercando di riacquistare il controllo della mia vita, che negli ultimi mesi ho perso a seguito di alcuni eventi che sono accaduti, e sto cercando di essere una persona migliore, anche se fallisco sempre pure in questo, ricadendo sempre negli stessi, banali errori (mi ingozzo di cibo anche se mi prometto sempre di non farlo; procrastino anche se mi prometto sempre di non farlo; dico cose stupide anche se mi prometto sempre di non farlo; etc.).
Ma in tutto questo, nonostante ora le cose per me siano piuttosto tranquille, non riesco a fare a meno di chiedermi... che senso ha vivere? Adesso vado a scuola. Poi avrò le vacanze. E poi di nuovo la scuola. E poi di nuovo le vacanze. E poi l'università. E il lavoro. E la solitudine, visto che i miei famigliari prima o poi moriranno, e io non avrò mai un mio nuovo nucleo familiare (non chiedetemi perché dico questo, lo so e basta... non avrò un marito né dei figli, mi mette ansia anche solo il pensiero), e prima o poi sarò costretta a terminare la mia esistenza, come tutti, magari in un modo orribile, con un cancro o un morbo, ad esempio. E a che sarà servito andare avanti per tutti questi anni? A che sarà servito impegnarsi, affrontare i problemi, svegliarsi mattina dopo mattina per affrontare il giorno nuovo...? Che senso ha vivere in mezzo ad altri miliardi di vite tutte uguali se tanto poi si muore comunque?

Un'altra cosa.
Da quando avevo 14 anni circa sono piuttosto attaccata al passato. Nel senso che mi sento davvero felice solo nel momento in cui mi tuffo in un casino di ricordi, che siano foto, quaderni, audio o quant'altro. Non solo miei, anche della mia famiglia. Tra ieri e oggi ho rivisto tante (TANTE) cartelle di anni fa, e questo mi aiuta ad essere serena, ma poi penso... io continuo ad accumulare ricordi su ricordi, anno dopo anno (avrò accumulato quasi 2 tera di roba fino ad ora), ma a cosa servirà tutto questo, se non riesco a sentirmi davvero viva? So che la mia vita finirà prima o poi, forse mediante un suicidio o forse con una morte naturale, e allora perché continuo a procrastinare la mia vita, perché non riesco a vivere se non nel passato? Mi sento viva se guardo all'indietro, e se guardo in avanti mi sento già morta. E' come se il tempo scorresse e mi lasciasse da parte. Non so cosa significhi questo, non so neanche perché sto scrivendo qui, ma davvero mi piacerebbe un vostro parere. Vorrei capire come posso tornare a sentirmi viva, e forse, se solo potessi capire cosa dà un senso alla vita, magari potrei riuscire anche a vivere, per quel senso. Per ora, solo il mio costante accumulo di ricordi mi tiene su. Forse è una mezza disposofobia, diciamo che più file accumulo (ma anche fogli, indifferente), meglio sto. Più RICORDI accumulo, meglio sto. Ma mi rendo conto che questa è solo l'ombra della vita che forse potrei vivere. Senza contare che sto in bilico, dato che alla prima perdita mi risalgono su tutti i peggio pensieri suicidari (come dimostrato l'anno scorso, dopo un evento che mi ha portato al tentativo di tagliarmi la gola).

Non so, penso che mi stia sfuggendo qualcosa. E lascio a voi la parola... sperando che qualcuno capisca le mie parole e mi possa rispondere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 MAR 2018

Cara "Fally",
ci si può definire fallite a 18 anni ? A me pare evidente che dietro pensieri così brutti , terribili, ci stia qualcosa di altrettanto terribilmente doloroso e forse indicibile che la porta a desiderare di vendicarsi del mondo attraverso l'autoannientamento. Se così fosse , sarebbe per lei giunto il momento di trovare qualcuno in grado di ascoltarla, senza giudicarla e aiutarla a capire e a risollevarsi. Il sintomo depressivo che presenta , ha sicuramente una sua ragione d'essere, ma forse non è alla portata della sua coscienza ; per questo andrebbero indagati i motivi di tanto odio verso la sua stessa persona con l'aiuto di uno/a psicoanalista, in possesso degli strumenti adeguati . Ci pensi, ma soprattutto non si lasci andare a considerare che non valga la pena vivere . Ogni vita è preziosa e ognuno di noi è chiamato ad onorare e rispettare se stesso , anche quando intorno tutto sembra indicare il contrario.
Perciò le invio il più caro dei saluti
e la invito a parlare del suo stato d'animo in prima battuta con qualcuno di famiglia di cui potrebbe fidarsi, per trovare eventualmente insieme chi possa aiutarla nella sua città, poichè qualcuno deve occuparsi di lei e dei suoi problemi e da qui , è possibile fornire solo qualche generico supporto e indicazione .
Un caro abbraccio .
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Parma

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Psicologo a Parma

191 Risposte

653 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2018

Cara Fallita, leggendoti provo dispiacere e amarezza, e mi interrogo su tante cose. La mia risposta sul senso della vita non potrebbe necessariamente essere la tua, perché ė un qualcosa di troppo personale e non puó esserci una "ricetta preconfezionata" per tutti. Anche se non lo vedi e non te lo riconosci tu hai il tuo senso, tu puoi trovarlo dentro di te. Mi colpisce che vivi nel passato, ma sembra tu abbia deciso giä il tuo futuro, come se tu avessi la certezza che non sarai in grado di fare alcune cose, o come se sai per certo che la vita non potrâ riservarti nulla di buono. E tanto piú ti convinci di questo, piú aumentano solitudine, dolore, bisogno di finirla qui perché la vita ě troppo pesante e difficile per essere vissuta. C'ě, peró, una cosa che mi fa tenerezza e mi attiva: hai scritto qui, non sai perché ma lo hai fatto. Perché forse i giochi non sono cosí fatti come credi, o insieme alla parte di te che vuole morire ne esiste anche una piccola che vuole vivere e prova a chiedersi il senso di tutto questo...e fare questo duro lavoro di ricerca e contatto insieme ad un professionista che a pelle ti ispira fiducia potrebbe aiutarti a trovare il tuo senso. La vita non ě facile, certo, ma sicuramente non ė giâ scritta. Buon cammino, dott.ssa Daniela Cannisträ.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

257 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte